Inbound marketing: cos’è, a cosa serve, come si fa

Niccolò Ellena

19/07/2022

21/07/2022 - 16:48

condividi

Creare strategie di marketing basate sulla realizzazione di contenuti online altamente personalizzati: questo è l’inbound marketing, utilizzato per attirare e fidelizzare nuovi clienti

Inbound marketing: cos'è, a cosa serve, come si fa

Il termine inbound marketing indica una strategia utilizzata per attirare clienti creando contenuti di valore ed esperienze su misura per loro.

A questo si contrappone l’outbound marketing, che si basa su strategie di promozione di tipo tradizionale, come ad esempio la pubblicità in radio e/o in televisione: rispetto all’inbound marketing, che invece mette al centro dell’attenzione il cliente, chi utilizza una strategia di outbound marketing concentra la promozione sul prodotto o sul servizio che offre.

L’inbound marketing ha un obiettivo preciso: creare connessioni e risolvere i dubbi e i problemi che il pubblico già ha. Riuscire in questo compito non è però facile, dal momento che è necessario ricercare e scoprire quali sono le perplessità della clientela target.

Pur non essendo semplice, ottenere queste informazioni è comunque possibile: è necessario utilizzare una strategia di lead generation, che punta cioè a ottenere contatti e quindi informazioni sui propri clienti target.

Come si realizza una strategia di inbound marketing

Una campagna di inbound marketing presenta quattro fasi, durante le quali il lead passa da essere un utente sconosciuto, a un promotore dell’azienda.

La prima fase per raggiungere l’obiettivo è quello di attirare il cliente, in questo caso è di massima importanza fornire dei contenuti ben studiati sulle sue necessità.

Nella seconda fase è fondamentale convertire il cliente che, gradendo il contenuto che gli è stato fornito, deciderà di visitare il sito web aziendale e di lasciare delle informazioni, dando la possibilità all’azienda di contattarlo in seguito.

Tipicamente questo obiettivo si raggiunge offrendo dei piccoli sconti al cliente tramite l’iscrizione a una newsletter in cambio di alcuni dati personali.

A questo punto si ha la terza fase, ossia quella di chiusura, in cui il cliente, apprezzando ciò che trova sul sito online aziendale decide di procedere all’acquisto.

Non tutti i clienti però sono immediatamente pronti a passare alla fase d’acquisto, quelli che non lo sono vanno mantenuti fedeli, fornendo loro periodicamente contenuti di valore.

Per finire, si ha la fase del piacere, in cui il cliente diventa promotore del servizio o del prodotto che gli viene fornito.

Per fare in modo che ciò avvenga, questo va soddisfatto anche dopo l’acquisto, mantenendo il contatto e offrendogli contenuti di valore.

Il miglior modo per realizzare una strategia come questa è realizzare dei contenuti che siano pensati appositamente per la clientela che si possiede o quella che si vorrebbe avere.

È quindi necessario scovare le perplessità e utilizzare i mezzi che si hanno a disposizione online per risolvere i dubbi esistenti.

Quali strumenti per una campagna di inbound marketing

Uno dei modi più efficaci per fare inbound marketing è quello di implementare una campagna di email marketing, dove, grazie all’aiuto delle email, si forniscono ai propri clienti le informazioni di cui necessitano.

Anche avere un blog sul proprio sito aziendale può rivelarsi una scelta molto oculata: questo è infatti un mezzo di comunicazione gestito direttamente dall’azienda, la quale può così veicolare i propri messaggi a piacimento.

Un’azienda che ad esempio produce software, può redigere articoli in cui spiega quali sono le applicazioni dei prodotti che realizza, andando così implicitamente a rispondere alla domanda del cliente “a cosa mi serve questo prodotto?”.

Il blog è inoltre molto utile poiché utilizzando la giusta strategia di SEO rende l’azienda più facile da trovare online per i consumatori.

Anche i social media giocano una parte fondamentale in molte strategie di inbound marketing, infatti questi danno all’azienda la possibilità di essere trovati più facilmente online e soprattutto quella di capire, grazie alle interazioni, quali sono le necessità della clientela.

I CRM sono infine uno strumento indispensabile per la realizzazione di una campagna di inbound marketing: rendono infatti le campagne misurabili, aiutando perciò a comprendere se l’azienda sta agendo nel modo giusto o se è necessario rivedere e migliorare la propria strategia.

Non solo, grazie a questi strumenti è anche molto più facile tenere traccia delle interazioni che i clienti compiono con l’azienda, cosa assolutamente fondamentale.

Argomenti

# CRM

Iscriviti a Money.it