In Regno Unito l’inflazione è la più alta dei Paesi G7 (anche per colpa della Brexit)

Violetta Silvestri

22 Giugno 2022 - 13:02

condividi

Inflazione del Regno Unito nella lettura di maggio tocca nuovi record: è la più alta dal 1982 e il dato può ancora peggiorare secondo le proiezioni. Tra le potenze del G7, la nazione inglese spicca.

In Regno Unito l'inflazione è la più alta dei Paesi G7 (anche per colpa della Brexit)

L’impennata dei prezzi alimentari ha spinto l’inflazione del Regno Unito al massimo da 40 anni del 9,1% il mese scorso, il tasso più alto tra i paesi del Gruppo dei Sette e sottolineando la gravità della crisi del costo della vita.

La sterlina, una delle valute con le peggiori performance rispetto al dollaro Usa quest’anno, è scesa sotto $ 1,22, in calo dello 0,6% rispetto alla giornata. Alcuni investitori ritengono che la Gran Bretagna sia a rischio sia di un’inflazione persistentemente alta che di una recessione, riflettendo il conto salato per l’energia importata e i continui problemi della Brexit, che potrebbero danneggiare ulteriormente i legami commerciali con l’Unione Europea.

L’inflazione in Regno Unito mette ancora più nei guai la ripresa dell’economia.

Inflazione in Regno Unito ancora al top: prezzi sempre più alti

L’inflazione nel Regno Unito ha raggiunto il 9,1% su base annua a maggio, con il balzo dei prezzi di cibo ed energia che continua ad aggravare la crisi del costo della vita del Paese. I prezzi al consumo sono aumentati dello 0,7% su base mensile a maggio.

I maggiori contributi al rialzo al tasso di inflazione sono venuti dagli alloggi e dai servizi domestici, principalmente elettricità, gas e altri combustibili, insieme ai trasporti.

I prezzi dei prodotti alimentari e delle bevande analcoliche sono cresciuti dell’8,7% in termini annui a maggio, l’aumento più grande da marzo 2009, che ha reso questa categoria il principale motore dell’inflazione annuale già il mese scorso.

I prezzi alla fabbrica britannica - un determinante chiave dei prezzi pagati successivamente dai consumatori nei negozi - sono superiori del 22,1% a maggio rispetto a un anno prima, il maggior balzo dall’inizio di tali letture nel 1985, ha affermato l’ONS.

In generale, con questi risultati aggiornati il Regno Unito guadagna il “trono” inflazionistico. Il tasso dei prezzi principale della Gran Bretagna a maggio è stato superiore a quello di Stati Uniti, Francia, Germania e Italia. Sebbene Giappone e Canada non abbiano ancora comunicato i dati sui prezzi al consumo per maggio, è probabile che nessuno dei due si avvicini al 9,1%.

La Banca d’Inghilterra ha dichiarato la scorsa settimana che l’inflazione dovrebbe rimanere al di sopra del 9% nei prossimi mesi prima di raggiungere un picco leggermente superiore all’11% in ottobre, quando le bollette energetiche regolamentate delle famiglie dovrebbero aumentare di nuovo

Cosa accadrà all’economia del Regno Unito?

La lettura dell’inflazione non fa che peggiorare le previsioni economiche per il Regno Unito.

“Con le prospettive economiche così poco chiare, nessuno sa quanto alta potrebbe raggiungere l’inflazione e per quanto tempo continuerà, rendendo i giudizi di politica fiscale e monetaria particolarmente difficili”, ha affermato Jack Leslie, economista senior presso il think tank della Resolution Foundation.

Resolution Foundation ha affermato che il costo della vita per le famiglie è stato aggravato dalla Brexit, che ha reso la Gran Bretagna un’economia più chiusa, con dannose implicazioni a lungo termine per produttività e salari.

Paul Craig, portfolio manager di Quilter Investors, ha commentato che la crisi del costo della vita non sarà un affare di breve durata, e questo alla fine lascia Bank of England bloccata: “mentre gli Stati Uniti hanno riconosciuto la necessità di andare duro e veloce sui tassi di interesse, la Banca d’Inghilterra continua ad avanzare a un ritmo più lento, cercando di non far precipitare l’economia in recessione in un momento in cui le imprese e i consumatori si sentono in difficoltà.”

Gli economisti hanno anche segnalato segnali di un inasprimento delle condizioni del mercato del lavoro e dell’inflazione primaria che filtra nell’economia in generale. Il Regno Unito è attualmente preoccupato per enormi scioperi ferroviari nazionali e martedì l’economista vincitore del premio Nobel Christopher Pissarides ha dichiarato alla CNBC che il mercato del lavoro è “peggiore degli anni ’70”.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.