Bollo fattura elettronica 2021, online la guida delle Entrate: istruzioni e novità

Rosaria Imparato

15 Aprile 2021 - 17:00

condividi
Facebook
twitter whatsapp

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la guida al versamento dell’imposta di bollo sulla fattura elettronica: dal 15 aprile sono disponibili, sul portale Fatture e Corrispettivi, gli elenchi A e B relativi alle e-fatture emesse nei primo trimestre 2021. Di seguito le istruzioni e le novità sul nuovo servizio di integrazione delle Entrate.

Bollo fattura elettronica 2021, online la guida delle Entrate: istruzioni e novità

La nuova guida sull’imposta di bollo per la fattura elettronica dell’Agenzia delle Entrate è stata pubblicata il 14 aprile 2021.

La guida, che presenta le istruzioni e le novità per effettuare l’adempimento in modo corretto, segue il provvedimento dell’Amministrazione Finanziaria del 4 febbraio 2021 relativo all’integrazione delle fatture elettroniche e della messa a disposizione del nuovo servizio per gli operatori IVA.

Nel vademecum del 14 aprile vengono illustrate le funzionalità web all’interno del portale Fatture e Corrispettivi per la consultazione e la modifica dell’integrazione proposta e per il versamento dell’imposta di bollo dovuta.

Due gli elenchi messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate a partire dal 15 aprile, relativi al primo trimestre del 2021.

Bollo fattura elettronica 2021, online la guida delle Entrate: istruzioni e novità

La guida dell’Agenzia delle Entrate sull’imposta di bollo per la fattura elettronica illustra le novità relative al nuovo servizio di integrazione reso disponibile col provvedimento del 4 febbraio scorso.

Dal 15 aprile le Entrate hanno reso disponibili due elenchi sul portale Fatture e Corrispettivi:

  • elenco A, non modificabile: contiene le fatture elettroniche correttamente assoggettate a bollo;
  • elenco B, modificabile: contiene le fatture elettroniche che non riportano correttamente l’imposta di bollo, ma in base ai dati contenuti all’interno della e-fattura avrebbero dovuto essere assoggettate.

Le modifiche e integrazioni dei due elenchi possono essere effettuate entro l’ultimo giorno del mese successivo al trimestre di riferimento. La prima data da segnare in rosso sul calendario è il 30 aprile 2021.

Imposta di bollo: consultazione e variazione di fatture elettroniche non presenti nell’elenco B

Gli elenchi A e B di ogni soggetto Iva che ha emesso fatture elettroniche sono messi a disposizione dell’Agenzia delle Entrate nell’area riservata del portale “Fatture e Corrispettivi” entro il giorno 15 del primo mese successivo ad ogni trimestre.

Il contribuente può modificare l’elenco B indicando quali fatture, di quelle selezionate, non realizzano i presupposti per l’applicazione dell’imposta di bollo e aggiungendo gli estremi identificativi delle fatture elettroniche che, invece, devono essere assoggettate ma non sono presenti in nessuno dei due elenchi.

Per quanto riguarda le modifiche alle fatture elettroniche da assoggettare all’imposta di bollo che non sono presenti nell’elenco B, la guida delle Entrate specifica che:

  • deve trattarsi di fatture elettroniche trasmesse al Sistema di Interscambio ed elaborate senza scarto (il sistema ha prodotto “ricevuta di consegna” o “ricevuta di impossibilità di recapito”);
  • devono essere state emesse dal contribuente in qualità di cedente/prestatore o, se autofatture (tipo documento “TD20”), dal contribuente in qualità di cessionario/committente;
  • devono riferirsi al trimestre in oggetto (e non al trimestre precedente o successivo).

Anche gli intermediari abilitati a cui è stata conferita la delega al cassetto fiscale o alla “Consultazione dei dati rilevanti ai fini Iva” possono utilizzare la modalità di consultazione e modifica.

Fattura elettronica e imposta di bollo: calendario e scadenze

Le modifiche ai due elenchi possono essere effettuate entro l’ultimo giorno del mese successivo al trimestre di riferimento. La prima scadenza è il 30 aprile 2021, mentre per quanto riguarda il secondo trimestre, il termine del 31 luglio slitta al 10 settembre.

Il calendario da seguire è il seguente:

DISPOSIZIONE ELENCHI A E B DATA LIMITE MODIFICHE ELENCO B VISUALIZZAZIONE IMPORTO DOVUTO IMPOSTA DI BOLLO SCADENZA VERSAMENTO IMPOSTA DI BOLLO
1° TRIMESTRE 15 aprile 30 aprile 15 maggio 31 maggio (*) (**)
2° TRIMESTRE 15 luglio 10 settembre 20 settembre 30 settembre (**)
3° TRIMESTRE 15 ottobre 31 ottobre 15 novembre 30 novembre
4° TRIMESTRE 15 gennaio dell’anno successivo 31 gennaio dell’anno successivo 15 febbraio dell’anno successivo 28 febbraio dell’anno successivo

(*) Se l’importo dovuto per il primo trimestre non supera 250 euro, il versamento può essere eseguito entro il 30 settembre.
(**) Se l’importo dovuto complessivamente per il primo e secondo trimestre non supera 250 euro, il versamento può essere eseguito entro il 30 novembre.

Per tutti i dettagli, lasciamo in allegato il vademecum dell’Agenzia delle Entrate aggiornato ad aprile 2021.

L’imposta di bollo sulle fatture elettroniche - aprile 2021
Clicca qui per scaricare il file.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories