iOS 14.4.1 e sicurezza: perché bisogna aggiornare subito iPhone

Matteo Novelli

9 Marzo 2021 - 13:05

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Arriva iOS 14.4.1, importante aggiornamento per la sicurezza su iPhone: ecco perché occorre aggiornare il prima possibile.

iOS 14.4.1 e sicurezza: perché bisogna aggiornare subito iPhone

Apple rilascia iOS 14.4.1, nuovo aggiornamento del sistema operativo per iPhone che risolve un’importante falla di sicurezza. Un update che, per tutti gli utenti dotati di device Apple, è impossibile ignorare.

Perché bisogna aggiornare subito iPhone? Questo aggiornamento di passaggio, che non è iOS 14.5, si è reso necessario a seguito di un problema di sicurezza riscontrato negli ultimi giorni.

Non ci sono grandi novità sul fronte delle specifiche e delle funzionalità ma una correzione fondamentale a un problema che potrebbe aprire le porte a importanti falle sulla privacy e la cybersecurity degli utenti Apple.

Falla di sicurezza iPhone, perché aggiornare subito a iOS 14.4.1

Sia per iPhone che per iPad è importante accedere alle impostazioni di sistema e avviare l’aggiornamento (che richiede qualche minuto, fate attenzione anche al livello residuo della batteria per evitare brusche interruzioni).

La cosiddetta vulnerabilità Webkit, scovata nei giorni precedenti, è stata risolta con questo aggiornamento che permette di navigare in sicurezza anche su Safari.

Questa vulnerabilità permetteva a siti terzi e applicativi di terze parti di realizzare ed eseguire un codice malevolo che sfruttando la falla permetteva a malintenzionati di avere accesso ai dati degli utenti senza esplicita richiesta.

A scovare il problema due ricercatori: Clément Lecigne del Threat Analysis Group di Google e Alison Huffman di Microsoft Browser Vulnerability Research.

Apple sottolinea l’importanza di questo aggiornamento e invita gli utenti a effettuare l’update su tutti i sistemi iOS e MacOS il prima possible, in modo da tornare a navigare su Safari in piena sicurezza.

Argomenti

# iPhone
# Hacker
# iOS 14

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO