I migliori biscotti secondo i test, ecco quali marche contengono pesticidi e ingredienti sgraditi

28 Ottobre 2022 - 23:34

28 Ottobre 2022 - 23:35

condividi

I biscotti sono uno degli ingredienti più amati dalle famiglie per la colazione, eppure alcuni biscotti possono presentare degli ingredienti sgraditi. Ecco quali.

I migliori biscotti secondo i test, ecco quali marche contengono pesticidi e ingredienti sgraditi

I biscotti sono uno degli ingredienti necessari per un dolce risveglio, perfetti per la colazione per accompagnare il caffellatte. Eppure, come per ogni prodotto che si consuma quotidianamente, ci si dimentica di controllare o meglio ricontrollare la lista degli ingredienti.

Grave errore, considerando che i biscotti tendono a essere uno dei prodotti più processati per eccellenza. Molti biscotti, ad esempio, non utilizzano più lo zucchero, ma edulcorati, o ancora è meglio sapere quale sia l’olio vegetale utilizzato per l’impasto.

Oltre a preoccuparsi di condurre una dieta sana ed equilibrata, acquisendo tutti i macro e micronutrienti necessari durante la giornata, è importante accertarsi di non ingerire prodotti che durante la fase di lavorazione possono presentare ingredienti sgraditi e che possono nuocere alla salute.

Grazie a uno studio condotto da Il Salvagente su ben 15 famosi marchi di biscotti, è possibile sapere quali marche presentano o meno pesticidi e non solo. Ecco tutto quello che c’è da sapere sul test e sui risultati per individuare i biscotti migliori.

Migliori biscotti, il test: quali sono i biscotti esaminati

I biscotti non devono solo essere buoni ma devono essere il più possibili sani ed equilibrati. Al di là di quello che si possa credere anche un prodotto processato come il biscotto può facilmente trovare spazio in una dieta corretta, purché si rispettino le giuste dimensioni.

Per tale motivo è importante conoscere i veri ingredienti di ogni biscotto, da qui la decisione della rivista Il Salvagente di condurre un’analisi su ben 15 campioni di frollini, a cominciare dalle marche più famose a quelle più comuni. Ecco, quindi, che le analisi sono state condotte sui biscotti:

  • Galletti Barilla,
  • Frollini Carrefour,
  • Colussi Il Granturchese,
  • Frollini Conad,
  • Coop,
  • Dolciando (Eurospin),
  • Esselunga,
  • Galbusera Buoni Così,
  • Gentilini Novellini,
  • Frollini I Tesori Del Forno (Todis),
  • Le Bon (Md),
  • Misura Dolcesenza Senza Zuccheri Aggiunti,
  • Naturasì Novellini,
  • Real Forno (Lidl)
  • Saiwa Oro Classico

I 15 campioni di frollini sono stati sottoposti a numerose prove, valutando per ogni biscotto la quantità e presenza di sale; zucchero; fibre; ingredienti sgraditi; micotossine e pesticidi.

Biscotti, quali marche contengono pesticidi e ingredienti sgraditi? Quali rischi?

Pur non avendo una classifica dettagliata è possibile conoscere le marche che non hanno superato uno dei requisiti necessari nell’analisi. Vediamo quindi quali sono le sostanze:

  • Ingredienti sgraditi. Dall’analisi dei biscotti è emerso che solo 7 frollini su 15 non contengono ingredienti sgraditi, come l’olio di palma o di colza; ancora il difosfato disodico che ostacola l’assorbimento del calcio, fondamentale durante la crescita, e che troviamo anche nei Galbusera, unica delle marche però a indicarne anche le controindicazioni. Ancora si è analizzata la presenza di alcuni edulcoranti come il maltitolo che può causare dolori di stomaco e produzione di gas intestinali, fino alla diarrea.
  • Acrilammide. Solo i novellini Gentilini presentavano un valore oltre la soglia di acrilammide, un contaminante di processo che si forma naturalmente negli alimenti durante la cottura ad alta temperatura. Benché sia stata classificata dall’Oms nel gruppo 2A per essere un “probabile cancerogeno per l’uomo” questa sostanza non presenta ancora un limite imposto dalla legge.
  • Micotossine. Si è ricercata la presenza di micotossine come il Don (deossinivalenolo) conosciuta come la “vomitossina” molto pericolosa per i bambini. Tutti i campioni sono al di sotto del limite di legge previsto per gli adulti (500 mcg/kg) ma nel marchio Conad, la concentrazione supera il limite previsto per i bambini sotto i tre anni (200 mcg/kg) ed è bene quindi fare attenzione in casa.
  • Pesticidi. Prova peggiore per i biscotti è la presenza o meno di pesticidi. In due terzi del campione infatti è stata rilevata la presenza di pesticidi, con il record peggiore per i frollini del Carrefour, dove si conta la presenza contemporanea di 4 molecole residue: Il piperonyl butoxide, la deltametrina associata a un eccesso di rischio del 48% della leucemia linfocitica cronica; il pirimiphos methyl e la cypermethrin, quest’ultimo considerato come possibile cancerogeno.

Qual è il biscotto migliore e quale il peggiore?

Benché il Salvagente nel suo report non fornisca una classifica dettaglia è possibile scoprire quale sia il biscotto migliore.

Incrociando i risultati per ogni biscotto è emerso infatti che il migliore biscotto, ossia quello che non contiene pesticidi, che non possiede elevate concentrazioni di zucchero e che è ricco di fibre è il biscotto di NaturaSì. Mentre il biscotto più dolce e peggiore anche per la presenza di pesticidi è il frollino di Carrefour.

Nessun commento

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO