I mercati guardano agli Usa: ci sarà il picco inflazione?

Violetta Silvestri

13 Luglio 2022 - 08:28

condividi

Nel giorno dell’inflazione Usa, i mercati attendono con prudenza e l’Asia torna a scambiare in territorio positivo. I prezzi al consumo statunitensi toccheranno finalmente il picco? C’è attesa.

I mercati guardano agli Usa: ci sarà il picco inflazione?

Mercati concentrati sui prossimi dati inflazionistici degli Usa: i titoli azionari registrano prudenti rialzi in tutta l’Asia, mentre l’euro si è attestato appena al di sopra della parità rispetto al dollaro e gli investitori attendono un rapporto sull’inflazione statunitense molto atteso.

Una lettura del dato sui prezzi elevata verrebbe probabilmente letta dalla Federal Reserve come un segno che deve continuare con aumenti aggressivi dei tassi di interesse per superare l’impennata inflazionistica, anche se ciò potrebbe spingere l’economia in recessione.

Intanto, in altre economie asiatiche le banche centrali si sono mosse con aumenti importanti del costo di finanziamento.

L’attesa per l’inflazione Usa guida i mercati

Le azioni asiatiche e i futures azionari statunitensi guadagnano oggi 13 luglio, in un trading prudente dominato da prospettive economiche in ombra e da un’attesa ansiosa di dati che potrebbero mostrare l’inflazione statunitense a un nuovo massimo da quattro decenni.

Le tendenze Covid più stabili a Shanghai e la possibilità di regole di quarantena più flessibili a Hong Kong potrebbero aver aiutato il sentimento asiatico. Taiwan si è ripresa dopo che le autorità si sono impegnate a sostenere le azioni nazionali.

I Treasury sono rimasti stabili e una parte fondamentale della curva dei rendimenti rimane invertita, un potenziale segnale di recessione in vista. Il rendimento a 10 anni a un certo punto martedì era 12,4 punti base al di sotto del tasso a 2 anni, un livello mai visto dal 2007.

Il petrolio si è stabilizzato a circa 96 dollari al barile dopo una caduta. Il dollaro si è attestato vicino ai livelli più alti da marzo 2020. L’euro è rimasto sui limiti della parità con il biglietto verde. Bitcoin è scivolato verso i 19.000$.

Il rapido inasprimento della politica monetaria negli Stati Uniti e altrove per combattere le pressioni sui prezzi alimenta le preoccupazioni per la crescita e lascia i mercati nervosi. La Corea del Sud e la Nuova Zelanda sono state le ultime ad aumentare ulteriormente i tassi di interesse.

Gli economisti prevedono che l’inflazione statunitense raggiunga un picco pandemico nella lettura di giugno attesa per oggi. Questo sviluppo convincerebbe la Fed a un altro grande aumento dei tassi. L’indice dei prezzi al consumo è probabilmente aumentato dell’8,8% rispetto all’anno precedente, il più grande balzo dal 1981, secondo un sondaggio di Bloomberg prima del rilascio dei dati di oggi pomeriggio.

“È ampiamente previsto che questa sia una lettura davvero forte”, ha detto Lauren Goodwin, economista e stratega di portafoglio presso New York Life Investments, a Bloomberg Television. “Anche se non lo è, non credo che questo cambierà la prospettiva della Fed in un paio di settimane. Non avremo prove sufficienti che l’inflazione stia cambiando in modo convincente”.

Intanto, il Fondo Monetario Internazionale ha tagliato le sue proiezioni di crescita per l’economia statunitense e ha avvertito che un aumento generalizzato dell’inflazione pone “rischi sistemici” sia per il Paese che per l’economia globale.

Argomenti

# Borse

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.