HSBC: utile scende più del previsto. Ceo, focus su Europa e Usa

Luca Fiore

28 Ottobre 2019 - 16:47

condividi

Dopo le indicazioni deludenti arrivate dai conti del Q3, il Ceo di HSBC, Noel Quinn, si è lamentato in particolare della situazione in Europa e Stati Uniti.

Prima trimestrale del nuovo corso per HSBC. Il colosso bancario ha annunciato di aver chiuso il terzo trimestre con una contrazione dell’utile netto maggiore delle stime in scia dell’abbandono dei target di redditività a causa delle proteste ad Hong Kong e delle prosecuzione della Guerra commerciale.

La prima banca in Europa per prestiti concessi ha annunciato di aver chiuso i tre mesi al 30 settembre con utili lordi “adjusted”, al netto cioè delle componenti straordinarie, in calo del 12% a 5,3 miliardi di dollari.

Segno meno anche per il fatturato, sceso del 2% a causa del rallentamento registrato in alcuni mercati chiave, come quello di Hong Kong. Per l’utile lordo depurato gli operatori avevano stimato un calo a 5,7 miliardi di dollari.

I tre mesi si sono chiusi con un ROTE (Return on Tangible Equity, l’indice che segnala quanto rende il patrimonio netto tangibile) al 6,4%, contro il 10,9% di un anno fa. Gli analisti avevano stimato una contrazione minore al 9,5%.

HSBC: Ceo, semplificare la struttura

Noel Quinn, dallo scorso mese di agosto Amministratore delegato ad interim al posto di John Flint (Trimestrale HSBC batte le stime. Ceo licenziato dopo 18 mesi), ha annunciato un piano per “rimodellare” ampie divisioni della banca.

Diverse divisioni di business, ha detto il Ceo, in special modo in Europa e Stati Uniti, “registrano ancora livelli non accettabili”. “Dobbiamo rimodellare e ridefinire questi business visto che l’outlook sui ricavi è decisamente debole” e inoltre “dobbiamo, a livello di gruppo, eliminare la complessità per garantirci una maggiore abilità di agire con tempismo”.

HSBC: oltre 90% utile lordo è realizzato in Asia

Secondo le indiscrezioni riportate dal Financial Times, Quinn ha varato un piano di riduzione dei costi e di cessione asset che prevede il calo della forza lavoro, attualmente di 237 mila unità, di 10 mila posizioni.

Nel terzo trimestre, la banca ha generato il 93,6% degli utili lordi in Asia ma circa metà del rischio complessivo a carico dell’istituto è allocato in Europa e Stati Uniti.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.