Guerra commerciale, arriva un nuovo ultimatum di Trump

Mario D’Angelo

30 Ottobre 2018 - 09:41

condividi

Guerra commerciale: Trump annuncia nuovi dazi se la Cina non verrà incontro alle richieste degli Stati Uniti

Guerra commerciale, arriva un nuovo ultimatum di Trump

L’ultima intervista a Fox News del presidente degli Stati Uniti pare avviare una nuova fase della guerra commerciale che ha innervosito i rapporti fra USA e Cina dell’ultimo anno.

Trump ha detto di sperare in un accordo con la Cina in tempi brevi e, se questo non avrà luogo, che ancora nuovi dazi arriveranno. Le sue parole, a seconda del punto di vista, assumono così a tutti gli effetti la doppia faccia di apertura e ultimatum.

È un’apertura, quella di Trump, perché viene finalmente paventata, dopo mesi di guerra aperta, una tregua, l’occasione di stabilire relazioni al di fuori della politica protezionistica di cui entrambi i Paesi si sono avvalsi.

È un ultimatum, invece, perché ulteriori imposte sulle importazioni avrebbero di certo ripercussioni non indifferenti, ed è impossibile prevedere la risposta dell’avversario. Poco più di un mese fa sono entrati in vigore i dazi sui beni provenienti dalla Cina per un valore di 200 miliardi. Questa aveva a sua volta risposto con tariffe su beni statunitensi per 100 miliardi.

Le parole di Trump sulla guerra commerciale

Nell’intervista ai microfoni di “The Ingraham Angle” di Fox News Channel il presidente ha annunciato che avrebbe preferito raggiungere un accordo quanto prima, ma che ciò non è avvenuto perché la Cina non è «ancora pronta». In generale, comunque, si è detto fiducioso:

“Penso che sigleremo un grande accordo con la Cina. E dev’essere grande, perché hanno prosciugato il nostro paese”

Il tempismo delle parole di Trump non è casuale. Queste arrivano infatti all’indomani del report di Bloomberg, secondo cui Washington si sta preparando a «concludere la guerra» entro dicembre. La Casa Bianca, insomma, potrebbe imporre nuove tariffe su tutto il resto delle importazioni dalla Cina. Ciò avverrebbe, comunque, soltanto in caso di mancato accordo fra Trump e Xi Jinping.

Il presidente USA non ha mai smesso di minacciare tariffe sui rimanenti prodotti cinesi. In particolare, è probabile che tali intimidazioni si concretizzeranno se Pechino non incontrerà le richieste statunitensi relative a politiche per l’integrazione tecnologica e industriale.

“Ho 267 miliardi di dollari pronti ad andare, se non riusciamo a fare l’accordo”,

ha detto Trump.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.