La Grecia esce dall’austerity: dopo 12 anni non è più sorvegliata speciale dell’Ue

Stefano Rizzuti

20 Agosto 2022 - 15:25

condividi

Dopo 12 anni la Grecia non è più sotto la sorveglianza rafforzata dell’Ue: il periodo dell’austerity per Atene si conclude, ma cosa succederà ora?

La Grecia esce dall'austerity: dopo 12 anni non è più sorvegliata speciale dell'Ue

“Oggi è l’ultimo giorno della sorveglianza economica della Grecia”. Con queste parole la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha di fatto concluso un ciclo lunghissimo per l’economia greca, con l’austerity durata 12 anni e imposta dalla Troika.

La presidente della Commissione ha ringraziato la Grecia e il suo popolo per la “determinazione” e la “resilienza” dimostrata: “Il Paese può chiudere questo capitolo e guardare al futuro con fiducia. L’Ue sarà sempre al vostro fianco”. Da sabato 20 agosto, quindi, la Grecia non è più osservato speciale per l’Ue.

La decisione era stata annunciata dall’Eurogruppo a giugno ed è stata confermata dai commissari responsabili per l’Economia, Paolo Gentiloni e Valdis Dombrovskis, negli scorsi giorni. Con questo passaggio, sancito ufficialmente dalla presidente von der Leyen, la Grecia esce dalla fase di austerity ed entra in un nuovo scenario. Ma cosa succederà ora? E quanto è cambiata l’economia greca in questi 12 anni?

La fine della sorveglianza Ue sulla Grecia

Sabato 20 agosto, quindi, è la data in cui la Grecia esce dal regime di sorveglianza rafforzata dell’Ue, partito con il salvataggio del 2010. Sono stati 12 anni di austerità, di tagli - soprattutto al welfare - ma anche di tante proteste e tanti scontri, anche violenti, nelle città greche e nella capitale Atene.

Questo passaggio segna, di fatto, la fine della crisi del debito greco. Atene, in questi anni, ha ricevuto prestiti per 260 miliardi di euro dall’Ue e dall’Fmi, soprattutto nel periodo che è andato fino al 2015. Risorse utilizzate in particolare per pagare i debiti sovrani.

Perché finisce la sorveglianza della Grecia

La sorveglianza greca è finita perché la Commissione ha riconosciuto che Atene ha rispettato la maggior parte degli impegni, mettendo inoltre in atto le riforme richieste, nonostante le difficoltà dettate anche da una complessa situazione internazionale e dalla pandemia.

Grecia, cosa è cambiato dopo la Troika

La situazione economica della Grecia è sicuramente migliorata rispetto al 2010, nonostante gli strascichi della crisi si facciano ancora sentire, così come quelli dei tagli. Ci sono, però, alcuni dati significativi, come quelli della disoccupazione: aveva raggiunto il 28% e ora è scesa intorno al 12%.

Il Pil nel 2021 è tornato a crescere, così come nel 2022, anche se - come per tutti i Paesi Ue - si tratta di un rimbalzo conseguente al crollo durante la pandemia causato da lockdown e restrizioni. Ora, però. va affrontato il problema dell’inflazione, che in Grecia sembra ancora più forte che in Europa, con un tasso superiore all’11%.

Cosa succede ora in Grecia: il post-austerity

Terminata la fase di sorveglianza rafforzata, la Grecia passerà a un nuovo ciclo, questa volta di sorveglianza post-programma. Poi si tornerà, gradualmente, alle regole del semestre europeo per il monitoraggio della situazione economia, fiscale e finanziaria. Quello del 20 agosto, quindi, è il primo passo verso un ritorno alla normalità per l’economia di Atene.

Argomenti

# Grecia

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.