Google: 1.000 dollari a ogni dipendente a lavoro da casa

La compagnia incentiva lo smart working, garantendo ai dipendenti una somma da spendere per attrezzare al meglio la postazione di lavoro domestica

Google: 1.000 dollari a ogni dipendente a lavoro da casa

Google garantisce 1.000 dollari a ogni dipendente a lavoro da casa.
Il colosso di Mountain View - che ha predisposto in questi mesi una delle più massicce misure di smart working di sempre in risposta alla pandemia - ha al momento più dell’80% della forza lavoro a lavoro in remoto.

E il mese scorso il CEO, Sundar Pichai, ha comunicato che il lavoro da casa è destinato a proseguire probabilmente fino alla fine dell’anno.

In questo scenario, è compito di Lauren Whitt, responsabile del benessere del personale, assicurarsi che i dipendenti siano a proprio agio e abbiano accesso a ogni tipo di risorsa e necessità in un periodo dominato dalla incertezze.

Google: 1.000 dollari a ogni dipendente a lavoro da casa

Google ha complessivamente 10 responsabili per il benessere e la salute mentale, che devono gestire tutti i dipendenti della compagnia.

Per favorire il passaggio al lavoro da casa, l’azienda ha offerto corsi online e formazione virtuale, spostando alcuni dei suoi famosi benefit sul versante online. Di recente, la compagnia ha offerto a tutti i dipendenti a in smart working un’indennità di 1.000 dollari, da spendere in attrezzature per predisporre al meglio le loro aree di lavoro domestiche.

La CNN ha parlato con la responsabile benessere dell’area USA Lauren Whitt, focalizzando l’attenzione soprattutto sull’impegno dell’azienda durante la pandemia.

Whitt concorda sulla difficoltà del passare dal lavoro in uno spazio condiviso e ricco di vantaggi all’essere sempre in casa:

“Quando siamo in ufficio abbiamo a disposizione centri fitness e allenatori,
abbiamo del fantastico cibo nei caffè di Google e tanti altri benefit praticamente a portata di mano”.

Eppure, la necessaria transizione verso lo smart working - sottolinea Whitt - ha reso una buona parte di quelle possibilità virtuali, dai corsi di cucina online alle schede di allenamento e i programmi fisici completamente digitalizzati:

“Abbiamo gruppi di dipendenti che portano avanti lezioni di meditazione virtuali. Abbiamo un supporto peer-to-peer per la salute mentale attraverso la nostra comunità Blue Dot, quindi molte delle cose che accadevano negli uffici le stiamo portando avanti.”

Proprio in quest’ottica i 1.000 dollari ai dipendenti non sono altro che un incentivo ad attrezzare i loro uffici domestici, a creare “la workstation più produttiva possibile”. Whitt evidenzia soprattutto la necessità di separare lo spazio di lavoro da quello di svago o di famiglia e affetti.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories