Goldman Sachs-Amazon: accordo per prestiti alle aziende

Secondo molti sarebbe vicino un accordo tra le due realtà, volto a offrire prestiti ai partner di vendita del colosso e-commerce. I dettagli

Goldman Sachs-Amazon: accordo per prestiti alle aziende

Goldman Sachs è in trattative con Amazon per offrire prestiti alle piccole imprese e ai commercianti attivi sulla piattaforma di e-commerce.

Secondo diverse fonti, la banca è al lavoro su un software che consentirebbe di collegarsi al portale di gestione prestiti già esistente in Amazon.
La scorsa settimana i dirigenti di Goldman, guidati dal CEO David Solomon, hanno presentato agli investitori la vision della banca.

Tra gli obiettivi, spicca quello di diventare un fornitore di servizi bancari nel comparto commerciale, elemento che significherebbe offrire i propri servizi digitali e il proprio know-how attraverso attività bancarie al dettaglio, commerciali o istituzionali, in collaborazione con grosse realtà aziendali.

L’accordo, se concluso, porterebbe al secondo colosso tech che fa ricorso a Goldman come fornitore di servizi regolamentati dalle banche. Goldman stessa ha infatti aiutato Apple a lanciare la sua prima carta di credito lo scorso anno, con prestiti per circa 2 miliardi di dollari.

LEGGI ANCHE: Amazon vuole trasformare la tua mano in una carta di credito

Goldman Sachs-Amazon: accordo per prestiti alle aziende

La mossa verso una concessione di prestiti anche alle piccole imprese potrebbe aumentare i rischi assunti da Goldman.

Ma i dirigenti del colosso bancario, incluso il direttore finanziario Stephen Scherr, restano fermamente convinti di poter gestire simili ostacoli.
Interpellati sulla probabile operazione in avvio, i portavoce di Goldman e Amazon hanno rifiutato di commentare.

In precedenza il colosso di Jeff Bezos aveva fatto sapere al Financial Times che i prestiti “costituiscono una parte di servizi, strumenti, programmi e infrastrutture che forniamo ai nostri partner di vendita, principalmente piccole e medie imprese, che rappresentano oltre la metà del venduto di Amazon”.

La compagnia ha avviato la sua attività di prestito alle piccole imprese nel 2011, utilizzando algoritmi per determinare quali aziende potessero o meno avere diritto ai finanziamenti. I prestiti hanno una durata pari o inferiore ai 12 mesi e variano da 1.000 ai 750.000 dollari.

In passato, la piattaforma si è rivolta a Bank of America per il suo programma di prestiti alle piccole imprese secondo quanto riferito da CNBC nel 2018. Il programma, originariamente improntato solo su specifici accordi tra le parti, è variato in un approccio misurato ai rischi.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Amazon

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.