Giornata nera in Regno Unito: crollano sterlina e mercati

Violetta Silvestri

23 Settembre 2022 - 15:03

condividi

In una giornata nefasta per i mercati europei, il Regno Unito precipita nel timore di nuovo debito e recessione: il piano economico del nuovo Governo non convince e affonda la sterlina e le azioni.

Giornata nera in Regno Unito: crollano sterlina e mercati

Mercati in tilt in Regno Unito: i rendimenti obbligazionari britannici hanno fissato il loro più grande aumento giornaliero degli ultimi decenni, dopo che il ministro delle finanze Kwasi Kwarteng ha annunciato tagli alle tasse e misure di sostegno alle famiglie e l’ufficio del debito ha pianificato 72 miliardi di sterline di emissioni aggiuntive nell’anno per finanziare lo stimolo.

Le obbligazioni del Regno Unito sono crollate e la sterlina è scesa a un nuovo minimo da 37 anni, mentre i trader si sono opposti alla prospettiva di un ulteriore stimolo fiscale che minaccia di minare l’obiettivo della Banca d’Inghilterra di combattere l’inflazione dilagante.

Il Governo di Liz Truss ha stabilito il pacchetto più radicale di tagli alle tasse per la nazione dal 1972, riducendo i prelievi sia sulla retribuzione dei lavoratori che sulle aziende. Gli strateghi temono, tuttavia, che questo aumenti la pressione sulla valuta e sulle obbligazioni, poiché il cumulo di debiti in aumento rende il Regno Unito più dipendente dai flussi di capitali esterni per finanziare il proprio disavanzo.

In una giornata molto complicata per i mercati europei, con tutte le piazze principali in forte perdita, il tonfo del Regno Unito aggrava il clima di pessimismo sul continente.

Sterlina a picco e mercati scossi: Regno Unito nel caos?

La sterlina britannica è precipitata di oltre il 2% rispetto al dollaro venerdì, dopo che il nuovo Governo del Regno Unito ha annunciato un piano economico radicale nel tentativo di rilanciare la crescita. Mentre si scrive scambia a $1,1076 con un tonfo dell’1,61%.

Quest’anno la sterlina ha registrato un precipitoso calo rispetto al biglietto verde, raggiungendo livelli che questo mese non si vedevano dal 1985. Le misure appena annunciate includono un mix di tagli alle tasse e incentivi agli investimenti per le imprese, in un clima assai precario per la nazione. La Banca d’Inghilterra ha dichiarato giovedì che l’economia del Regno Unito era probabilmente già in recessione, aumentando i tassi di interesse di 50 punti base.

Gli investitori hanno abbandonato le obbligazioni del Regno Unito a causa del previsto aumento del debito pubblico. Paul Johnson, direttore dell’Institute for Fiscal Studies, ha affermato che i mercati sono apparsi spaventati dall’entità del “dono fiscale” e ha sottolineato che rappresentava il livello più alto di tagli fiscali in mezzo secolo.

I rendimenti dei titoli di Stato britannici a 2 anni hanno raggiunto il livello maggiore da ottobre 2007 e i rendimenti a 10 anni il più alto dal 2010. I rendimenti si muovono in modo inverso rispetto ai prezzi.

Anche i mercati azionari del Regno Unito sono scesi, con il FTSE 100 che ha toccato il livello più basso da marzo.

Jane Foley, senior FX strategist presso la banca olandese Rabobank, ha affermato che il mercato sembrava scettico sull’obiettivo di crescita del 2,5% del governo, sebbene le misure fossero “sfacciatamente progettate per aumentare la domanda”.

Intanto, il Debt Management Office della nazione ha aumentato il suo piano di vendita di Gilt per l’anno fiscale 2022-23 di £ 62,4 miliardi, a £ 193,9 miliardi per finanziare la spesa. Ciò si confronta con un aumento di 60 miliardi di sterline previsto da otto banche intervistate da Bloomberg.

L’offerta extra dal Governo del Regno Unito potrebbe rivelarsi particolarmente impegnativa per il mercato dei Gilt ora che anche la Banca d’Inghilterra sta scaricando obbligazioni dal suo portafoglio dopo anni di acquisti. La banca centrale ha dichiarato giovedì che prevede di vendere circa 10 miliardi di sterline in Gilt ogni trimestre a partire dal 3 ottobre.

Con il Regno Unito che ha raggiunto un rapporto debito/PIL record, la sterlina è vulnerabile a una revisione al ribasso se gli investitori stranieri sono riluttanti a finanziare il deficit, ha affermato ancora Jane Foley; e “i mercati sono chiaramente molto dubbiosi sulla capacità di questo Governo di gestire il debito”.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.