Germania sull’orlo della recessione: imprese senza fiducia

Violetta Silvestri

25 Luglio 2022 - 11:34

condividi

Nuovi dati sulla salute economica della Germania rivelano che la locomotiva d’Europa è in difficoltà, mentre gli analisti intravedono sempre di più la recessione.

Germania sull'orlo della recessione: imprese senza fiducia

In Germania l’indicatore della fiducia delle imprese affonda e segna il risultato peggiore da quando è iniziata la pandemia.

Tra crisi energetica e incertezza sulla guerra, con l’incognita gas per l’inverno a preoccupare Berlino, la nazione prima potenza economica europea vacilla verso la recessione. La Bundesbank ha avvertito la scorsa settimana che è probabile che la crescita dei prezzi rimanga elevata nei prossimi mesi e potrebbe persino riprendere la sua ascesa a settembre, quando le misure di sollievo temporaneo cesseranno.

Le aziende senza fiducia sono il segnale di una recessione inevitabile in Germania?

Crisi economica in Germania: fin dove arriverà?

Nuovi dati scoraggianti per l’economia tedesca.

La fiducia delle imprese è peggiorata, marcando un livello più basso dai primi mesi della pandemia a causa delle crescenti preoccupazioni che l’inflazione record e le limitate forniture di energia dalla Russia faranno precipitare la maggiore economia europea in una recessione.

Un indicatore delle aspettative pubblicato lunedì 25 luglio dall’Ifo Institute di Monaco è sceso a 80,3 a luglio da 85,8 a giugno. Gli analisti avevano previsto un calo a 83,0. In netto calo anche un indice delle condizioni attuali.

“La Germania è sull’orlo della recessione”, ha affermato il presidente dell’Ifo Clemens Fuest. “I prezzi elevati dell’energia e la minaccia di penuria di gas stanno pesando sull’economia. Le aziende si aspettano un’attività commerciale significativamente peggiore nei prossimi mesi.”

Il rapporto riflette la crescente difficoltà di ripresa in Germania, la cui ripresa dalla pandemia era già in sordina a causa dell’inflazione dilagante e della carenza di componenti aggravata dalla guerra in Ucraina. Un indicatore dell’attività del settore privato di S&P Global ha segnalato che l’economia ha iniziato a contrarsi a luglio per la prima volta nel 2022.

Il clima cupo tra le 9.000 aziende tedesche intervistate da Ifo è diffuso. Fuest ha affermato che la fiducia è crollata tra i produttori, mentre è peggiorata sostanzialmente tra i fornitori di servizi, è caduta in picchiata tra i commercianti al dettaglio e si è deteriorata nelle costruzioni.

L’atmosfera è cambiata anche nel turismo e nell’ospitalità, nonostante il grande ottimismo recente e nessun segmento di vendita al dettaglio è ottimista per il futuro.

D’altronde, i timori per le consegne di gas russe “pesano sulle prospettive” per la crescita, ha affermato nel suo rapporto mensile la banca centrale della Germania.

Un rischio cruciale per la nazione, che importa gran parte del suo gas naturale dalla Russia, è che ulteriori rallentamenti o fermi nell’approvvigionamento energetico possano far salire ancora l’inflazione. Già schiacciati dall’aumento dei prezzi, consumatori e aziende devono ora fare i conti con tassi di interesse più elevati, dopo che la Banca centrale europea ha alzato i costi finanziari per la prima volta in più di un decennio la scorsa settimana.

Secondo gli economisti intervistati da Reuters, l’economia tedesca dovrebbe crescere dello 0,1% nei tre mesi fino a giugno, rispetto al trimestre precedente. Ma Carsten Brzeski di ING ha affermato di aspettarsi una contrazione del Pil tedesco nel secondo trimestre.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.