“Genocidio e omicidio”, la presidente del Perù sarà indagata tra violente proteste

Lorenzo Bagnato

12 Gennaio 2023 - 16:28

condividi

Dina Boluarte, presidente del Perù, sarà accusata di genocidio per la sua gestione delle proteste in corso.

“Genocidio e omicidio”, la presidente del Perù sarà indagata tra violente proteste

Il paese sudamericano del Perù è travolto da proteste a livello nazionale che hanno portato a un’inchiesta sulle azioni del governo. La procuratrice generale peruviana Zoraida Avalos ha lanciato martedì un’indagine sulle proteste che include autorità di alto livello.

Con l’accusa di genocidio, omicidio qualificato e lesioni gravi, sarà indagata la neo-presidente del Perù Dina Boluarte. Insieme a lei ci saranno il primo ministro Alberto Otarola, il ministro della Difesa Jorge Chavez e il ministro dell’Interno Victor Rojas.

Il Perù non è l’unica nazione sudamericana che sta attraversando massicce proteste contro il governo. Domenica scorsa, migliaia di persone hanno preso d’assalto i principali edifici pubblici del Brasile, per chiedere le dimissioni di Lula, egli stesso nuovo presidente del suo Paese.

Anche se le proteste in Brasile sembrano essersi già calmate, i disordini in Perù sembrano essere solo all’inizio. Sono scoppiati a dicembre, quando l’ex presidente Pedro Castillo è stato arrestato dopo un tentativo di colpo di stato.

Dina Boluarte, vicepresidente di Castillo, è entrata in carica subito dopo il suo arresto. Castillo è stato arrestato con l’accusa di ribellione, sebbene il pubblico sia dalla sua parte.

Le proteste sono scoppiate a favore di Pedro Castillo, chiedendo il suo rilascio e il cambio di costituzione. L’epicentro delle proteste è la regione di Puno, al confine con la Bolivia.

L’entità delle proteste

Durante le proteste, 40 persone sono morte, 17 solo lunedì, e 68 sono rimaste ferite.

Lunedì, 9.000 persone hanno preso d’assalto l’aeroporto della città di Juliaca e i rapporti affermano che le autorità hanno usato proiettili veri sui rivoltosi e fumogeni.

La portavoce dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani, Marta Hurtado, ha affermato che i funzionari peruviani devono «effettuare indagini rapide, imparziali ed efficaci sui morti e sui feriti, chiedendo conto ai responsabili e garantendo alle vittime l’accesso alla giustizia e al risarcimento».

Ma la violenza non si è fermata qui poiché anche 75 agenti di polizia sono stati feriti, spesso in episodi di estrema brutalità. Un agente è stato torturato e poi ucciso, mentre la casa di un membro del Congresso è stata data alle fiamme con la sua famiglia ancora all’interno.

Il governo di Puno ha chiesto le dimissioni di Boluarte, annunciando anche un coprifuoco per cercare di placare la violenza.

Molti hanno definito la situazione in Perù una “zona di guerra”, con le autorità che trovano sempre più difficile controllarla.

Il Perù, nonostante i suoi sforzi per essere una democrazia funzionale, non è estraneo a colpi di stato e ribellioni. Oltre a Pedro Castillo, due altri presidenti hanno dichiarato lo scioglimento del congresso negli ultimi 20 anni.

Castillo era anche accusato di corruzione e cattiva gestione e avrebbe dovuto subire un processo per impeachment proprio il giorno in cui ha tentato il colpo di stato.

La situazione attuale è troppo instabile per sapere cosa accadrà dopo.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2023-01-11 12:17:30. Titolo originale: “Genocide and homicide”, Peru’s President will be investigated amid Violent Protests

Argomenti

# Perù

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO

Selezionati per te

Correlato