Farmaci da banco: da febbraio aumenta il prezzo di 800 medicinali

A partire da febbraio circa 800 farmaci da banco, sia generici che di marca, subiranno un aumento del 5,7%, quasi un euro in più. Ecco la lista dei principali farmaci interessati.

Farmaci da banco: da febbraio aumenta il prezzo di 800 medicinali

Le aziende farmaceutiche hanno disposto un aumento del prezzo per quasi 800 farmaci da banco, sia di marca che generici. Si tratta di un aumento pari al 5,7%, quasi un euro in più su molti medicinali di fascia C, dagli ansiolitici agli antidolorifici, ed anche sulle compresse di vitamine.

I rincari saranno pienamente in vigore a partire dal 1° febbraio 2019 in ragione del decreto n. 87 del 2005 - noto come “decreto Storace” - il quale prevede che ogni 2 anni le aziende farmaceutiche possono aumentare il prezzo dei farmaci con obbligo di prescrizione medica ma non rimborsabili dal Servizio sanitario nazionale.

La Federfarma ha pubblicato la lista dei medicinali di fascia C interessati dall’aumento. Sono 770 il cui prezzo medio si stima intorno ai 16,47 euro, contro i 15,58 euro dello scorso anno.

Le ragioni dell’aumento

I farmaci di fascia C, cioè quelli con l’obbligo di prescrizione medica ma non rimborsabili dal Servizio sanitario nazionale, sono circa 3.740, tra generici e brandizzati. Dal 1° febbraio 2019, ben 770 di questi medicinali subiranno un aumento del prezzo pari al 5,7%, che tradotto in altri termini significa quasi un euro in più a confezione.

Il rincaro del prezzo dei farmaci di fascia C è consentito dal decreto legge n. 87 del 2005, con il quale Francesco Storace, l’allora Ministro della Salute, ha previsto la possibilità di rivedere i prezzi dei farmaci ogni 2 anni. Invece, il prezzo dei farmaci senza obbligo di ricetta è deciso discrezionalmente da ciascuna farmacia ed esercizio commerciale abilitato alla vendita di questi prodotti.

A partire da febbraio, il prezzo medio dei farmaci di fascia C salirà da 15,58 euro a 16,47 euro: una differenza di circa 0,89 euro rispetto al prezzo di due anni fa. Ciò non toglie che ciascuna farmacia possa praticare sconti sul prezzo al pubblico, così come previsto dal decreto Cresci Italia (legge n. 27 del 2012).

I farmaci interessati

La Federfarma ha diffuso le tabelle con i nuovi importi per 770 farmaci di fascia C interessati dall’aumento del prezzo. Vi compaiono ansiolitici, antidolorifici e perfino la vitamina C.

Ecco la lista dei medicinali più diffusi che subiranno l’aumento del prezzo:

Farmaco Prezzo 2018 Prezzo 2019
Ansiolin 13,50 euro 13,75 euro
Decoderm 15,86 euro 16,20 euro
Lasonil 7,50 euro 7,90 euro
Lexotan 5,60 euro 6,20 euro
Voltaren 10,87 euro 11,41 euro
Tachipirina 6,65 euro 6,90 euro
Toradol 12,90 euro 16,15 euro
Oki 8,50 euro 8,90 euro
Plasil 8,00 euro 8,50 euro
Novalgina 7,50 euro 7,90 euro
Gentamicina 10,40 euro 10,90 euro
Fluifort 20,00 euro 21,00 euro
Muscoril 11,95 euro 13,55 euro
Fluimucil 9,00 euro 9,50 euro

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Sanità

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.