L’euro verso la peggiore settimana da anni: è crollo sul dollaro e non solo

Violetta Silvestri

04/03/2022

04/03/2022 - 12:18

condividi

Soffre l’euro rispetto al dollaro e ad altre valute, come la sterlina. A pesare sul cambio EUR/USD e sul valore della moneta unica in generale è il clima di incertezza provocato dalla guerra.

L'euro verso la peggiore settimana da anni: è crollo sul dollaro e non solo

L’euro viaggia verso la sua peggiore settimana rispetto al dollaro in quasi due anni, poiché la guerra in Ucraina e la prospettiva di prezzi elevati delle materie prime hanno continuato a indebolire le aspettative di crescita economica europea.

La valuta comune europea è scesa a un minimo di $ 1,1008 all’inizio del commercio asiatico, il livello più debole da maggio 2020, in seguito alla notizia che la centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia - la più grande del suo genere in Europa - era in fiamme dopo un attacco delle truppe russe.

Con il biglietto verde rafforzato dalla corsa degli investitori verso i beni rifugio, la moneta unica è destinata ancora a perdere terreno.

Euro dollaro sprofonda: cosa succede alla moneta unica

Alle ore 11.48 circa, l’euro scambia a 1,1003 dollari, con una perdita dello 0,55%.

La coppia EUR/USD ha incontrato una rinnovata pressione ribassista durante le ore di negoziazione asiatiche e ha esteso il suo calo settimanale a un nuovo minimo di 22 mesi vicino a 1,1000. Sebbene in leggero rialzo nelle ore successive, è improbabile che gli acquirenti siano convinti di un rimbalzo costante e mostrino interesse per l’euro.

Il biglietto verde sta conservando la sua forza nell’ultimo giorno della settimana nel sentiment inasprito del mercato in seguito all’attacco della Russia alla centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia.

L’indice del dollaro USA è scambiato al livello più alto da maggio 2020 a 98,05 e il rendimento dei titoli del Tesoro USA a 10 anni è sceso del 2,6% a 1,796%.

Probabilmente il dollaro conserverà la sua forza, dopo che il presidente Fed Powell ha ripetuto numerose volte che il mercato del lavoro era piuttosto forte e che il rialzo dei tassi a marzo ci sarà, seppure forse di soli 25 pb.

Da sottolineare, che l’euro è anche al minimo da quasi quattro anni rispetto al dollaro australiano e ha raggiunto i livelli più deboli da luglio 2016 rispetto alla sterlina.

Da quando è iniziata l’offensiva russa in Ucraina, il 24 febbraio, la coppia ha perso lo 0,5% (considerando il cambio a 1,1063 dollari la mattina del 24 febbraio).

Nella settimana, dal picco del 25 febbraio a 1,1266, l’euro è precipitato del 2,3% sul dollaro stando agli scambi odierni.

BCE in difesa dell’euro?

Con l’aumento del costo del petrolio e del gas soprattutto in termini di euro, mentre infuria la guerra in Ucraina, è verosimile che la valuta comunitaria continuerà a soffrire.

Molto improbabile, invece, un intervento della BCE per rafforzare l’euro contro il dollaro. Uno scenario, quest’ultimo, solo vagamente ipotizzato da un’analisi Reuters.

L’ultima volta che la BCE è entrata nel mercato FX è stato nel 2011. Prima di allora, bisogna risalire al 2000, quando ha condotto sette interventi di acquisto di euro per un valore di 10 miliardi, poiché la moneta alle prime armi aveva perso quasi il 30% del suo valore di lancio.

La situazione attuale è diversa. Un euro più debole potrebbe ancora rappresentare un mal di testa per la BCE - l’inflazione annua è al massimo storico del 5,8% e probabilmente aumenterà ulteriormente - ma sembra una cosa lontana qualsiasi intervento.

Come sottolinea l’ex vicepresidente della BCE Vitor Constancio, il tasso di cambio non è generalmente un obiettivo della politica monetaria perché è molto difficile identificare in modo affidabile i suoi fattori trainanti.

C’è un crescente consenso, tuttavia, sul fatto che l’euro stia andando al ribasso. Robin Brooks, capo economista dell’Institute of International Finance ritiene che la parità con il dollaro - un deprezzamento del 10% rispetto ai livelli attuali - potrebbe arrivare entro tre mesi.

La probabilità che l’euro scenda sotto la parità con il dollaro quest’anno è salita al 9,6%, secondo il FX Charge Forecast Mannequin di Bloomberg. Ciò si confronta con una probabilità di appena il 2,4% in precedenza.

“Il conflitto in Ucraina e il percorso divergente di copertura finanziaria tra l’UE e la Fed stanno colpendo in modo critico l’euro. Se questo conflitto si trascina, c’è una grave minaccia che l’euro arriverà alla parità nei confronti del biglietto verde”, ha affermato Qi Gao, stratega del forex presso Scotiabank a Singapore.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.