Euro dollaro: sarà parità? Cosa aspettarsi secondo gli esperti

Violetta Silvestri

19 Maggio 2022 - 13:02

condividi

L’euro può arrivare alla parità con il dollaro? Mentre la valuta comunitaria si aggira sui $1,05, dopo essere stata in costante calo per quasi un anno, gli esperti si interrogano sul suo futuro.

Euro dollaro: sarà parità? Cosa aspettarsi secondo gli esperti

L’euro si sta avvicinando alla parità con il dollaro Usa per la prima volta in 20 anni, secondo diversi analisti.

Gli strateghi valutari sono però divisi sulla concreta possibilità che questo avverrà e su e cosa significherà per gli investitori e l’economia.

Intanto, la coppia EUR/USD è entrata in una fase di consolidamento al di sotto di 1,0500 all’inizio di giovedì 19 maggio, dopo aver perso quasi 100 pip il giorno prima.

Il cambiamento negativo osservato nel sentimento di rischio dovrebbe rendere difficile per la valuta condivisa trovare domanda e costringere la coppia a rimanere vulnerabile nel breve termine.

C’è dunque il calo dell’euro, considerando anche il valore di $1,22 dello scorso giugno. La valuta comune è scivolata appena sopra $ 1,03 all’inizio di questa settimana. La parità con il dollaro si avvicina? E con quali possibili effetti?

Parità dell’euro sul dollaro possibile? Le stime degli esperti

Quello che sta monopolizzando il Forex al momento è il dominio del dollaro. Le preoccupazioni per la guerra della Russia in Ucraina, l’aumento dell’inflazione, i problemi della catena di approvvigionamento, il rallentamento della crescita e l’inasprimento della politica monetaria hanno spinto gli investitori verso i tradizionali asset rifugio.

Il biglietto verde, inoltre, ha beneficiato di una Fed aggressiva rispetto a una Bce prudente.

Sam Zief, responsabile globale della strategia FX presso JPMorgan Private Bank, ha dichiarato alla CNBC che il percorso verso la parità richiederebbe un “downgrade delle aspettative di crescita per l’area dell’euro rispetto agli Stati Uniti, simile a quello che abbiamo ottenuto all’indomani del Invasione dell’Ucraina.”

Lo scenario è possibile secondo l’esperto, ma non rientra nel caso base e, anche in questa condizione, “sembra che l’euro a parità diventi lo scenario peggiore.”

Il suggerimento è che il rapporto rischio-rendimento su un periodo di due o tre anni - con la BCE che probabilmente sfuggirà al territorio dei tassi negativi e un minor numero di deflussi di reddito fisso dall’area dell’euro - significa che l’euro sembra “incredibilmente economico” al momento.

Inoltre, l’aggressivo ciclo di rialzo dei tassi di interesse della Fed e l’inasprimento quantitativo nei prossimi due anni hanno già un prezzo nel dollaro, un’opinione ripresa da Stephen Gallo, responsabile europeo della strategia FX presso BMO Capital Markets.

Gallo ha anche detto che non è solo la prospettiva di una sostanziale divergenza politica tra la Fed e la Bce che influenzerà la coppia EUR/USD:

“È anche l’evoluzione dei flussi fondamentali della bilancia dei pagamenti dell’euro e la prospettiva di ulteriori shock negativi sull’approvvigionamento energetico, che stanno anche trascinando la valuta al ribasso.”

Un passaggio alla parità tra euro e dollaro, ha suggerito Gallo, richiederebbe una “inerzia politica” della Bce durante l’estate, sotto forma di tassi invariati, e un embargo tedesco completo sulle importazioni russe di combustibili fossili, che porterebbe al razionamento energetico.

Secondo George Saravelos, co-responsabile globale della ricerca FX di Deutsche Bank, ha sostenuto che il dollaro è troppo alto e le previsioni indicano che la coppia EUR/USD tornerà a 1,10 senza scendere alla parità nei prossimi mesi.

Infine, Jonas Goltermann, economista senior dei mercati di Capital Economics, ha fatto notare in una nota la scorsa settimana che il recente cambiamento da falco della Bce non ha ancora eguagliato la Fed o è stato sufficiente per compensare l’aumento delle aspettative di inflazione nell’Eurozona dall’inizio del 2022.

Il deterioramento delle ragioni di scambio della zona euro e un rallentamento economico globale con ulteriori turbolenze in vista – con l’euro più esposto alla stretta finanziaria a causa della vulnerabilità dei suoi mercati obbligazionari periferici – aggravano le previsioni.

Da Capital Economics la stima è di un ulteriore indebolimento dell’euro nei confronti del dollaro, con il cambio EUR/USD che raggiunge la parità entro la fine dell’anno, prima di rimbalzare verso 1,10 nel 2023 a causa dei venti contrari all’economia della zona euro e alla successiva fine del ciclo di inasprimento Fed.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.