Successione online obbligatoria dal 2018: guida e indicazioni per la dichiarazione

La dichiarazione di successione, dal 1° gennaio 2018 va presentata obbligatoriamente online tramite il software disponibile sul sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate. Qui una guida con tutte le indicazioni su come compilare la domanda.

Successione online obbligatoria dal 2018: guida e indicazioni per la dichiarazione

La dichiarazione di successione online diventa obbligatoria a partire dal 1° gennaio 2018.

Con l’arrivo del nuovo anno, quindi, la dichiarazione di successione potrà essere inviata esclusivamente in modalità telematica attraverso il software SUC disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate dallo scorso 23 gennaio.

L’obiettivo che si vuole raggiungere con l’introduzione di questa novità consiste nel facilitare e velocizzare le procedure. Infatti, grazie al nuovo software per la successione online, si possono calcolare le imposte ipotecarie, catastali così come i tributi speciali; queste si possono versare direttamente online tramite l’addebito su conto corrente.

Inoltre, qualora il dichiarante di successione per la presentazione del modello in formato digitale si avvalga dell’ufficio territoriale competente dell’Agenzia delle Entrate, le somme dovute si potranno pagare anche tramite il modello F24.

Come fare la dichiarazione di successione online? Per non avere problemi con il passaggio dalla modalità tradizionale a quella telematica, potete fare riferimento all’ultima guida su come fare la dichiarazione di successione online pubblicata dall’Agenzia delle Entrate, con tutte le indicazioni di cui avete bisogno.

Quando diventa obbligatoria

Il 23 gennaio 2017 ha fatto il suo debutto ufficiale il servizio online dell’Agenzia delle Entrate utilizzabile per l’invio della dichiarazione di successione.

Fino al termine del 2017, però, è in vigore un doppio binario dal momento che chi non vuole utilizzare il modello online può ancora presentare il vecchio modello in formato cartaceo all’ufficio competente dell’Agenzia delle Entrate.

Dal 1° gennaio 2018, invece, la dichiarazione di successione va fatta obbligatoriamente online, mentre il modulo cartaceo deve essere utilizzato solamente per le successioni aperte prima del 3 ottobre 2006 e per le dichiarazioni integrative, sostitutive o modificative di quelle successioni presentate tramite il vecchio modulo.

Prima di vedere come fare la dichiarazione di successione online, vi ricordiamo che salvo casi particolari gli eredi e i legatari sono obbligati a presentarla entro 12 mesi dalla data di apertura della successione.

E nel caso in cui la successione comprenda degli immobili questi, prima di presentare la dichiarazione di successione, devono auto-liquidare le imposte ipotecarie e catastali ai fini della richiesta di voltura catastale (anche questa a partire dal 23 gennaio 2017 si può fare online).

Come scaricare il programma

Si chiama “Dichiarazione di successione” (SUC) il software che dal 23 gennaio 2017 è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate e che a partire dal 1° gennaio 2018 sarà l’unico strumento consentito per inviare la dichiarazione di successione.

Grazie a questo software gli utenti - sia con sistema operativo Microsoft che Apple - possono creare, o controllare, il file telematico per la dichiarazione di successione.

Se questo è stato realizzato con un software differente dal SUC, però, è necessario il controllo preventivo da parte dell’Agenzia delle Entrate prima di poterlo inviare con modalità telematica.

Il software SUC è disponibile cliccando qui (selezionate la voce “Dichiarazione di Successione” nel paragrafo “Software”).

Una volta scaricata l’applicazione - avverte l’Agenzia delle Entrate - “si potrebbe visualizzare la finestra di dialogo ‘Avviso di protezione’ contenente informazioni sul fornitore del software”. Se vi trovate di fronte a questa dicitura, dovete indicare il fornitore del software come “affidabile” per poi cliccare sull’opzione “esegui” per completare l’installazione.

Sempre l’Agenzia delle Entrate ricorda che prima di compilare la dichiarazione di successione, l’utente deve indicare il proprio “profilo”, selezionando l’opzione idonea che si trova nell’area delle “impostazioni” (sulla parte superiore della barra degli strumenti).

Le funzioni del programma

Una volta completate queste procedure siete pronti per utilizzare le varie funzioni del software.

Come anticipato, questo permette di produrre un file che si può trasmettere in via telematica. In questo file oltre ad esserci la dichiarazione di successione vera e propria, ci sono i documenti da allegare, salvati in formato PDF o TIFF.

La dichiarazione di successione presentata sarà poi visibile sia nel cassetto fiscale del dichiarante che in quello dei coeredi e dei chiamati. Con lo stesso software, oltre a fare la dichiarazione di successione online, si possono chiedere contestualmente le volture catastali degli immobili.

Di seguito trovate il video con tutte le indicazioni su come fare la dichiarazione di successione online nel video dell’Agenzia delle Entrate, mentre per maggiori informazioni vi consigliamo di continuare a leggere.

Come fare la dichiarazione di successione online

Presentare la dichiarazione di successione online è molto semplice e, soprattutto, veloce. Infatti, per farlo basta utilizzare l’applicazione disponibile sul [sito dell’Agenzie delle Entrate e installare sul proprio PC il software per la compilazione della domanda.

Nel dettaglio, il nuovo modello si compone di due diversi fascicoli, dove il primo va compilato obbligatoriamente mentre il secondo solo in presenza di particolari beni mobili e immobili.

Nella compilazione del primo fascicolo bisogna indicare i seguenti dati :

  • dati identificativi del defunto;
  • dati identificativi dei beneficiari dell’eredità;
  • dati relativi ai beni immobili (ove presenti);
  • documenti che comprovano le passività;
  • dichiarazioni sostitutive previste dalla legge.

Invece, nel secondo fascicolo vanno indicate le categorie di beni non compresi nel primo, come ad esempio i beni immobili iscritti al catasto tavolare, gli aeromobili e le imbarcazioni, e le donazioni che il defunto ha effettuato in vita.

Dopo aver compilato la domanda e allegato i documenti richiesti, dovete salvare la dichiarazione e inviarla attraverso i servizi telematici dell’Agenzia.

Come abbiamo già detto, tramite il nuovo software si possono persino pagare le somme dovute e calcolate in autoliquidazione.

Il pagamento avviene con addebito su conto aperto presso un intermediario della riscossione intestato al dichiarante oppure al soggetto incaricato della trasmissione telematica ed è per questo che al momento della presentazione della dichiarazione bisognerà indicare il codice IBAN del conto e il codice fiscale dell’intestatario.

I vantaggi

Il nuovo software dell’Agenzia delle Entrate permette di velocizzare l’invio della dichiarazione di successione dal momento che anche le volture catastali e il pagamento delle tasse si possono effettuare in modo automatico.

Senza dimenticare che il nuovo formato elettronico permette di visualizzare (funzione esclusiva per gli uffici territoriali dell’Agenzia) la dichiarazione presentata sia nel cassetto fiscale del dichiarante che in quello dei coeredi e dei chiamati.

E per i contribuenti questo è un grande vantaggio dal momento che possono richiedere le copie conformi della dichiarazione di successione presso tutti gli uffici territoriali dell’Agenzia delle Entrate.

Condividi questo post:

Iscriviti alla newsletter "Fisco" per ricevere le news su Agenzia delle Entrate

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Commenti:

Potrebbero interessarti

Guendalina Grossi -

Agenzia delle Entrate, online il nuovo portale. Ecco novità e cosa cambia

Agenzia delle Entrate, online il nuovo portale. Ecco novità e cosa cambia

Commenta

Condividi

Guendalina Grossi -

Premi di risultato arretrati: ecco quando si applica la tassazione separata

Premi di risultato arretrati: ecco quando si applica la tassazione separata

Commenta

Condividi

Guendalina Grossi -

Fiorello vince la battaglia contro il Fisco: non dovrà versare l’Irap

Fiorello vince la battaglia contro il Fisco: non dovrà versare l'Irap

Commenta

Condividi