Società di capitali: istruzioni e scadenza del modello Redditi 2019

Dichiarazione dei redditi società di capitali 2019: istruzioni, modello e scadenza nel provvedimento pubblicato dall’Agenzia delle Entrate.

Società di capitali: istruzioni e scadenza del modello Redditi 2019

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la dichiarazione modello Redditi società di capitali 2019.

In questo articolo forniremo ai lettori il modello, le istruzioni e la scadenza dell’adempimento in oggetto. Proprio la scadenza rappresenta la grande novità di quest’anno: si torna al 30 settembre (come negli anni 2017 e precedenti) in quanto non vige più la norma che aveva disposto lo slittamento della dichiarazione dei redditi al 31 ottobre per evitare sovrapposizioni con lo spesometro (elenco fatture emesse e ricevute).

Il modello in oggetto deve essere presentato nell’anno 2019 da parte delle società ed enti commerciali residenti nel territorio dello Stato e dei soggetti non residenti equiparati.

La dichiarazione modello “Redditi 2019–SC” è composto da:

  • il frontespizio ed i quadri RF, RN, PN, TN, GN, GC, RI, RM, RQ, RU, RV, RK, RO, RS, RZ, FC, RX, AC, CE, NI, RJ, TR, OP, RA, RB, RH, RL, RT, DI;
  • i modelli da utilizzare per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli indicatori sintetici di affidabilità fiscale, che sono approvati con apposito provvedimento.

Dichiarazione modello Redditi società di capitali 2019: istruzioni e scadenza:

Dichiarazione modello Redditi Società di Capitali 2019
Modello ufficiale della dichiarazione dei redditi delle società di capitali 2019 (provvedimento dell’Agenzia delle Entrate dello scorso 29 gennaio 2019)
Istruzioni modello Redditi società di capitali 2019
Modello Redditi società di capitali 2019: istruzioni
Provvedimento Agenzia delle Entrate
Agenzia delle Entrate: ecco il testo del provvedimento con il quale è stata annunciata la pubblicazione dei modelli di dichiarazione dei redditi del 2019

Dichiarazione modello Redditi società di capitali 2019: soggetti obbligati

I soggetti obbligati alla presentazione della dichiarazione modello Redditi società di capitali 2019 sono:

  • le società di capitali, ovvero le società per azioni e in accomandita per azioni, le società a responsabilità limitata, le società cooperative, comprese le società cooperative che abbiano acquisito la qualifica di Onlus e le cooperative sociali, le società di mutua assicurazione, nonché le società europee (di cui al regolamento Ce n. 2157/2001 e le società cooperative europee di cui al regolamento Ce n. 1435/2003), residenti nel territorio dello Stato;
  • gli enti commerciali residenti nel territorio dello Stato;
  • le società e gli enti commerciali di ogni tipo, compresi i trust, non residenti nel territorio dello Stato.

Modello Redditi società di capitali 2019: scadenza al 30 settembre

Come si diceva in apertura, la grande novità di quest’anno è la scadenza della dichiarazione dei redditi, ivi compresa quella delle società di capitali.

Infatti, quest’anno non è più in vigore la norma che prevedeva lo slittamento al 31 ottobre della scadenza per la presentazione della dichiarazione dei redditi al fine di evitare sovrapposizioni con spesometro e Lipe.

Modello Redditi società di capitali 2019 e ISA (gli indicatori di affidabilità economica che hanno sostituito gli studi di settore)

Nel 2019 faranno il loro esordio gli ISA, ovvero gli indicatori di affidabilità economica.

Ciò inevitabilmente comporta anche delle modifiche in ordine al dichiarativo delle società di capitali.

In ordine al frontespizio, per esempio:

  • nel riquadro “Tipo di dichiarazione” è stata inserita la casella “ISA” che deve essere barrata dai soggetti che applicano la disciplina sugli indici sintetici di affidabilità fiscale (art. 9-bis, del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n. 96);
  • nel riquadro “Visto di conformità” è stata inserita la casella “Esonero dall’apposizione del visto di conformità” che deve essere barrata dai soggetti che applicano gli ISA e sono esonerati dall’apposizione del visto di conformità ai sensi dell’art. 9-bis, comma 11, lettere a) e b), del D.L. n. 50/2017.

In ordine, invece, al quadro RF ovvero al quadro dei redditi di impresa, gli ISA determinano le seguenti novità rispetto alla dichiarazione dei redditi società di capitali dello scorso anno:

  • nel rigo RF1 è stata inserita la casella “ISA-cause di esclusione” che deve essere compilata dai soggetti per i quali operano cause di esclusione dall’applicazione degli indici sintetici di affidabilità fiscale (art. 9-bis, del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n. 96).
  • nel rigo RF12 è stata inserita la colonna “ISA” che deve essere compilata dai contribuenti che intendono avvalersi delle disposizioni che consentono di indicare nella dichiarazione “Ulteriori componenti positivi ai fini degli Indici Sintetici di affidabilità fiscale” rilevanti ai fini del miglioramento del proprio profilo di affidabilità
    nonché per accedere al regime premiale (comma 11 dell’articolo 9-bis del DL 50/2017, convertito, con modificazioni, dalla Legge 96/2017).

Altra novità importante è quella determinata dall’iperammortamento, per effetto del quale il modello Redditi SC 2019 vede la seguente novità:

  • tra le “Altre variazioni in diminuzione” (rigo RF55) sono stati previsti nuovi codici per tenere conto della proroga delle disposizioni agevolative riguardanti l’iper-ammortamento medesimo che prevede la maggiorazione del costo di acquisizione degli investimenti in beni materiali e immateriali strumentali, destinati a strutture produttive situate nel territorio dello Stato, effettuati entro il 31 dicembre 2019, ovvero entro il 31 dicembre 2020 a condizione che entro la data del 31 dicembre 2019 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20 per cento del costo di acquisizione (art. 1, commi da 60 a 65, della legge 145/2018).

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse per ricevere le news su Dichiarazione dei redditi

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.