Il debito della Germania non conviene più: perché Berlino fatica a vendere obbligazioni

Violetta Silvestri

27 Ottobre 2022 - 13:20

condividi

Anche la Germania sta subendo il terremoto del mercato obbligazionario in Europa, con la domanda per i titoli di Stato in calo: cosa succede, proprio ora che la potenza tedesca ha bisogno di risorse?

Il debito della Germania non conviene più: perché Berlino fatica a vendere obbligazioni

C’è scompiglio nel mercato obbligazionario in Europa.

La Germania, considerata il debitore più affidabile d’Europa, fatica a vendere le sue obbligazioni, proprio mentre cerca miliardi per affrontare la crisi energetica.

Come sottolineato da un’analisi Reuters, le recenti aste tedesche sono state deboli e hanno dimostrato le tante sfide da affrontare nell’emissione di debito, con mercati tormentati dall’incertezza sui tassi di interesse e sulla spesa statale.

Questo calo di appeal per le obbligazioni della Germania, però, stanno rendendo ancora più difficile per la nazione, nota per la prudenza nella spesa pubblica e per i bilanci in ordine, trovare risorse per finanziare il suo schema da 200 miliardi di euro con lo scopo di tagliare i costi energetici domestici.

Cosa succede alle obbligazioni tedesche e perché gli investitori sono scettici sul debito della Germania?

Germania: investitori fuggono dal debito, i motivi

Martedì 25 ottobre, la domanda per il debito tedesco è stata debole in un’asta di titoli di Stato a 5 anni, ma anche altre aste recenti sono state “molto, molto, molto negative”, ha affermato Michael Leister, responsabile della strategia dei tassi presso Commerzbank.

L’agenzia finanziaria tedesca ha venduto solo 1,78 miliardi di euro di una nuova obbligazione al 2029 all’inizio di questo mese, con offerte totali che coprono meno della metà dell’obiettivo di 4 miliardi di euro.

Il rapporto bid-to-offer di 0,47 alla vendita è stato il più basso di qualsiasi vendita di obbligazioni tedesche a 7 anni e il secondo inferiore in tutte le sue aste risalenti al 1999, secondo un’analisi Reuters dei dati dell’agenzia finanziaria.

La Germania ha mantenuto il 55% delle emissioni sui propri libri contabili, il secondo importo più grande mai registrato. Negli ultimi 12 mesi, anche i rapporti bid-to-offer alle aste di 2, 7 e 15 anni hanno toccato nuovi minimi.

Cosa succede? Gli analisti indicano due fattori. In primo luogo, il previsto aumento delle emissioni obbligazionarie tedesche - e più in generale europee - mentre i governi affrontano la crisi energetica e, in secondo luogo, gli aggressivi rialzi dei tassi delle banche centrali e i loro piani di ritirarsi gradualmente dai mercati obbligazionari.

Colpita duramente dalla sua eccessiva dipendenza dall’energia russa, la Germania intende prendere in prestito importi particolarmente elevati nei prossimi anni, con il Parlamento che la scorsa settimana ha votato per sospendere il freno al debito sancito dalla Costituzione e che limita i nuovi prestiti. “È in larga misura una storia tedesca, perché la Germania è la più esposta alla transizione energetica”, ha affermato Piet Haines Christiansen, capo analista di Danske Bank.

Inoltre, l’incertezza anche sulle mosse Bce e sui loro effetti, oltre ai dubbi sulla tenuta dei debiti delle nazioni, hanno aumentato la volatilità nei mercati obbligazionari della zona euro, già scossa dagli effetti a catena dei piani britannici per ampi tagli alle tasse non finanziati.

“La volatilità sta dissuadendo le banche che agiscono come dealer per le obbligazioni tedesche dal fare offerte nelle aste di debito”, ha affermato Tamo Diemer, capo dell’agenzia finanziaria del Paese. “È davvero la volatilità che rende le cose difficili... I membri del gruppo d’asta Bund corrono dei rischi quando fanno un’offerta in un’asta.”

La domanda si è indebolita anche se il rendimento decennale tedesco è balzato da -0,2% all’inizio dell’anno a circa il 2,2%, vicino al massimo dal 2011, a causa del calo dei prezzi.

“Nessuno vuole il rischio di duration qui a causa della Federal Reserve e della Bce che aumentano i tassi”, ha detto Leister di Commerzbank, riferendosi al debito a più lunga scadenza. I rendimenti ancora relativamente bassi della Germania significano anche che gli acquirenti possono ottenere un rendimento migliore altrove, ha affermato Joann Spadigam, stratega delle tariffe presso i mercati NatWest di Londra.

Iscriviti a Money.it