Dao, Dececentralized Autonomous Organization: cos’è e come funziona

11 Agosto 2022 - 10:52

condividi

Trasparenza, assenza di una leadership centrale e regole condivise dalla community sono fra le caratteristiche principali del sistema decentralizzato

Dao, Dececentralized Autonomous Organization: cos'è e come funziona

Una decentralized autonomous organization (DAO) o organizzazione autonoma decentralizzata è un’entità al centro del quale non si trova nessun amministratore, ma che è controllata attraverso un codice scritto alla sua creazione.

La gestione di questo sistema è totalmente affidata ai membri interni che, attraverso una votazione, possono decidere di modificarne le regole.

Ai membri dell’organizzazione che investono nella Dao viene generalmente assegnato un governance token con cui è possibile accedere a dei privilegi, uno dei quali - e forse il più importante - è quello di poter votare le decisioni da prendere.

Essendo infatti un sistema al centro del quale non si trova nessun leader, ogni membro della comunità è uguale e, dato che le regole sono scritte e regolate attraverso degli smart contract, non è necessaria una figura che ne monitori l’andamento.

Sebbene così spiegata possa sembrare perfetta, gestire una Dao è tutt’altro che semplice.
In particolare, una delle possibili difficoltà che è possibile incontrare, è quella della creazione e del codice che la regola.

Il codice non è modificabile a piacimento, è infatti possibile accedervi e cambiarlo soltanto con il supporto della maggior parte della community avente diritto di voto.

Nel momento in cui il codice viene manipolato è necessario tenere bene a mente che questo deve essere approvato dai membri dalla Dao, necessità perciò di un certo grado di flessibilità, pena la sua bocciatura.

All’interno delle Dao è possibile scambiarsi criptovalute o utilizzarle per investire nello spazio stesso e migliorarlo. È inoltre molto utile ai creatori e ai venditori di NFT (non-fungible token), dal momento che è uno spazio ideale e sicuro per questo tipo di transazioni.

Quali vantaggi offre la Dao

Utilizzare una tecnologia come la Dao ha vantaggi di carattere economico.

Innanzitutto la Dao democratizza la presa delle decisioni: non essendoci al suo interno un sistema gerarchico è possibile avere una maggiore equità nei diritti, cosa che talvolta non avviene nelle organizzazioni strutturate.

Un altro vantaggio, questa volta dal punto di vista economico, è rappresentato dalla futilità di avere, ingaggiare e quindi pagare un manager.

Le aziende spesso sono obbligate, per essere gestite, ad assumere o a scegliere all’interno del proprio organico un manager, ossia qualcuno che prenda delle decisioni finali e decida a chi tocca eseguirle.

Essendo la Dao un sistema decentralizzato, basato su smart contract e quindi su regole prestabilite, la figura del manager diventa superflua, consentendo all’organizzazione di risparmiare soldi da investire altrove.

Anche la trasparenza è centrale nella Dao, infatti, essendo un codice open source, chiunque può consultarlo per conoscere su quali regole si basa questo spazio.

Questo serve a combattere l’opacità che talvolta si crea nelle organizzazioni in cui non c’è o non è chiaro un certo codice di condotta.

Essendo infine uno spazio dove possono avvenire delle transizioni in criptovalute, la trasparenza della blockchain è fondamentale, con questa tecnologia è infatti possibile sapere esattamente da dove parte e dove vanno i soldi, evitando opacità e soprattutto non dovendo ingaggiare una persona che gestisca i flussi di denaro.

Iscriviti a Money.it