Cosa rischia chi non indossa la mascherina

Isabella Policarpio

22/04/2021

22/04/2021 - 15:49

condividi

Le sanzioni per chi non indossa la mascherina in strada, al lavoro e sui mezzi pubblici: la multa può essere davvero salata.

Cosa rischia chi non indossa la mascherina

Chi non indossa la mascherina all’aperto, negli uffici e sui mezzi di trasporto come autobus e treni, rischia pesanti sanzioni amministrative: la multa parte da 400 euro (nella misura minima) e può arrivare fino a 1.000 euro se la condotta è particolarmente grave.

Gli unici soggetti esonerati dall’obbligo di indossarla sono i bambini al di sotto dei 6 anni, le persone con disabilità incompatibile con la stessa e chi pratica attività sportiva come jogging o ciclismo.

Per tutti gli altri - a meno che non ci si trovi in luoghi desolati - la mascherina è obbligatoria nelle tre fasce di rischio (anche in zona gialla) e ad ogni ora.

Quando e chi rischia la multa se non indossa la mascherina

È noto ormai che la mascherina (chirurgica, di comunità, ffp2 o 3) sia obbligatoria, eppure c’è ancora chi si ostina a non indossarla oppure ad indossarla in maniera scorretta, lasciando scoperto il naso o la bocca. Questi comportamenti sono sanzionati con la multa da 400 a 1.000 euro, prevista all’articolo 4 del decreto legge di marzo 2020.

L’importo della multa è rimesso alla discrezionalità delle Forze dell’ordine, che possono raddoppiare l’importo in caso di comportamenti particolarmente pericolosi o sfrontati o in presenza di un soggetto “recidivo”.

Al pari di ogni sanzione amministrativa, anche questa può essere pagata beneficiando dello sconto del 30% entro 5 giorni, a rate (in presenza dei requisiti previsti dalla legge) e può essere contestata mediante ricorso.

Ci sono conseguenze penali?

Le conseguenze per chi non usa la mascherina sono di tipo amministrativo e pecuniario, vuol dire che, salvo la commissione di ulteriori fattispecie di reato, il fatto non assume rilevanza penale. Pagando la multa si estinguono gli effetti della sanzione e non ve ne sarà traccia sulla fedina penale.

Le cose stanno diversamente per chi esce di casa violando la quarantena o l’isolamento domiciliare: in questo caso, anche chi indossa correttamente i presidi di protezione, rischia l’arresto da 3 a 18 mesi e l’ammenda tra 500 e 5.000 euro e, in caso di contagio volontario, può subentrare l’accusa di lesioni gravi e omicidio colposo (come prevede il dl n. 19 del 25 marzo 2020).

Chi non deve indossare la mascherina

Esistono delle eccezioni all’obbligo di indossare la mascherina per alcune categorie:

  • i bambini di età inferiore a 6 anni;
  • i soggetti che stanno praticando attività sportiva (mantenendo la distanza interpersonale di 2 metri), invece resta l’obbligo durante l’attività motoria;
  • le persone con patologie o disabilità incompatibili con la stessa e coloro che le assistono.

Dove si deve indossare la mascherina

In strada, nei parchi e nelle ville comunali, sul lungomare e nei giardini pubblici la mascherina è sempre obbligatoria (tranne durante l’attività sportiva). L’obbligo sussiste sui mezzi di trasporto pubblico, anche se poco affollati, negli uffici e in coda per accedere ai servizi, nei negozi, nei supermercati e in ogni altro luogo aperto al pubblico.

Anche in auto si deve indossare la mascherina se a bordo ci sono persone non conviventi. Nelle abitazioni private, invece, la mascherina è fortemente raccomandata in presenza di ospiti, persone anziane o immunodepresse.

Argomenti

# Fase 2
# Fase 3

Iscriviti a Money.it