Coronavirus, torna il lockdown in Europa per 10 milioni di persone: ecco dove

Il governo del Regno Unito ha deciso di introdurre nuovamente il lockdown per 10 milioni di persone. Ecco dove.

Coronavirus, torna il lockdown in Europa per 10 milioni di persone: ecco dove

Torna il lockdown anche in Europa, dove uno Stato ha deciso di attuare nuovamente le misure restrittive per 10 milioni di persone: si tratta del Regno Unito. A soli 4 giorni dall’attuazione del divieto di assembramenti per gruppi maggiori a 6 persone, sia all’aperto che al chiuso, il governo ha deciso si promulgare un’ulteriore stretta per limitare la diffusione del coronavirus.

I cittadini del nord est dell’Inghilterra dovranno quindi rispettare il lockdown per la seconda volta. Una decisione analoga potrebbe essere presa anche in Francia, dove in sole 24 ore sono stati registrati più di 10.000 contagi, come annunciato da Santé Publique France nel corso del suo comunicato quotidiano.

Nuovo lockdown in Europa

Il governo britannico ha deciso di confinare nuovamente alcune aree del paese per limitare la diffusione del coronavirus, ritenuta fuori controllo anche dall’OMS, la quale ha segnalati che “più della metà dei Paesi Ue ha segnalato un aumento dei casi superiore al 10% nelle ultime due settimane”.

Nelle zone di Birmingham, Bolton o Leicester e i Comuni di Newcastle e Sunderland, nonché nelle aree del Northumberland, di North e South Tyneside, di Gateshead e della contea di Durham verrà introdotto nuovamente il confinamento. In queste aree erano già in vigore delle norme più ferree sui contatti sociali così come sugli orari di apertura di bar e attività commerciali.

Il governo ha voluto precisare che questa stretta vuole essere una risposta immediata alla preoccupazione sorta in seguito all’impennata di nuove infezioni che si sono registrate a livello locale. Nello specifico si tratta di 70-100 nuovi casi ogni 100.000 abitanti, una cifra nettamente superiore rispetto al resto del paese.

Le restrizioni nel Regno Unito

In tutto il Regno Unito e nella Scozia sono state irrigidite le misure di contenimento contro il coronavirus, introducendo il divieto di assembramenti in tutti i luoghi pubblici all’aperto e al chiuso, solamente nel Galles questa normativa deve essere applicata solamente negli spazi chiusi. Gli assembramenti composti da più di 6 persone sono autorizzati solo in specifici contesti, come quello lavorativo, scolastico o duranti i matrimoni.

Dall presidente del consiglio nazionale della polizia, Martin Hewitt, è arrivato l’invito ai cittadini a collaborare, nel pieno rispetto delle normative vigenti. Più duro è stato Kit Malthouse, il Crime Minister britannico, che nel corso di un’intervista per la Bbc ha chiesto la collaborazione della popolazione, esortandoli a segnalare chi non rispetterà questa norma.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories