Coronavirus, a Berlino protesta negazionista dopo ok del tribunale

Le autorità cittadine avevano cercato di impedire l’evento, ma un tribunale berlinese ha dato l’ok alla manifestazione anti-restrizioni: attese 22.000 persone

Coronavirus, a Berlino protesta negazionista dopo ok del tribunale

Decine di migliaia di manifestanti sfileranno oggi a Berlino contro le restrizioni per il coronavirus, dopo che un ordine del tribunale ha sovvertito il bando della protesta. Le autorità cittadine non avevano dato il permesso per lo svolgersi della manifestazione per timore che le regole per il distanziamento sarebbero state infrante.

Coronavirus, nuova manifestazione negazionista in Germania

Cresce il malcontento in Germania per le misure di contenimento del virus, approvate dal Governo di Angela Merkel a fronte del repentino aumento dei casi durante l’estate.

Mentre un libro bestseller diffonde dubbi sulla reale pericolosità della COVID-19 (omettendo che il tasso di mortalità è basso proprio perché ci sono le misure di contenimento), i negazionisti tedeschi si preparano a un’altra grande giornata di protesta.

Secondo gli organizzatori, nella capitale sono attese circa 22.500 persone.

Tribunale dà ok a protesta contro misure del Governo

Le autorità berlinesi hanno cercato di impedire la manifestazione, ma un tribunale ha sovvertito la decisione nella notte di sabato, 29 agosto.

La corte ha argomentato la propria decisione affermando che gli organizzatori avevano preso sufficienti precauzioni per la manifestazione, e che non c’erano prove che i manifestanti avrebbero “deliberatamente ignorato” il distanziamento sociale.

I giudici hanno anche criticato la decisione dell’amministrazione di non prendere in considerazione altre possibilità, come limitare il numero di partecipanti o spostare il luogo dell’evento. Gli organizzatori dovranno comunque installare barriere davanti al palco e ricordare regolarmente ai partecipanti di rispettare il distanziamento. Non dovranno indossare mascherine.

Polizia Berlino: “Manifestanti istigano a violenza contro autorità”

Le autorità cittadine, però, avevano ragionevoli dubbi sul mancato rispetto delle regole da parte dei manifestanti: all’inizio del mese, infatti, una protesta dei medesimi organizzatori era stata interrotta proprio perché i partecipanti non avevano rispettato il distanziamento.

Ci sono anche preoccupazioni per infiltrazioni di estremisti di destra e cospirazionisti all’interno del movimento. La polizia si sta preparando per potenziali scontri.

Il vice presidente della polizia berlinese, Marco Langner, ha detto in conferenza stampa che oppositori delle misure di contenimento hanno fatto appello ai follower europei per unirsi a loro a Berlino, alcuni dei quali istigando alla violenza.

Questa aperta manifestazione della volontà di usare la violenza contro le autorità è una nuova dimensione per noi”, ha detto Langner. La polizia ha comunicato che 3.000 agenti stanno pattugliando le strade, e che se necessario saranno utilizzati i cannoni ad acqua.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO

1304 voti

VOTA ORA