Coronavirus: sono 116 i medici morti in Italia

Marco Ciotola

14/04/2020

07/07/2021 - 16:54

condividi

Sale il numero di decessi tra i medici in prima linea nella lotta al coronavirus, sette solo nelle ultime 24 ore

Sono 116 i medici morti per coronavirus in Italia. Ben 7 decessi si sono registrati nelle ultime 24 ore, il più recente in ordine di tempo è quello di un odontoiatra.

A rilevare il triste dato la Fnomceo - Federazione nazionale Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri - che include nella lista anche i medici in pensione e quelli pensionati ma richiamati in attività sulla scia dell’emergenza COVID-19.

Il numero tiene conto anche di dottori non più in attività quindi, ma in ogni caso si presenta molto alto, pronto a far riflettere circa le misure di sicurezza adottate in diversi ospedali, che soprattutto in una prima fase dell’epidemia hanno fatto scoppiare diverse polemiche, spesso sollevate dallo stesso personale sanitario.

Coronavirus: sono 116 i medici morti in Italia

Nella nota a corredo dei dati, la Fnomceo cita per esteso i nomi dei medici che hanno perso la vita nelle ultimissime ore, parlando di morti che fanno un “rumore assordante”.

La federazione parla anche della scelta di includere tutti i medici, pensionati o ancora in attività, spiegando che “per noi tutti i medici sono uguali e uguale è il cordoglio per la loro perdita”.

In più vista la pandemia e la grande emergenza sanitaria vissuta, specie alla fine di marzo, ha portato molti medici pensionati a tornare in corsia, spesso anche su scelta personale:

“I morti non fanno rumore, non fanno più rumore del crescere dell’erba, scriveva Ungaretti. Eppure, i nomi dei nostri amici, dei nostri colleghi, messi qui, nero su bianco, fanno un rumore assordante. Così come fa rumore il numero degli operatori sanitari contagiati, che costituiscono ormai il 10% del totale. Non possiamo più permettere che i nostri medici, i nostri operatori sanitari, siano mandati a combattere a mani nude contro il virus. È una lotta impari, che fa male a noi, fa male ai cittadini, fa male al paese”,

ha commentato il presidente Fnomceo, Filippo Anelli.

Iscriviti a Money.it