Fondo perduto DL Sostegni, primi pagamenti dopo Pasqua: la Sogei al lavoro sulla nuova piattaforma

Rosaria Imparato

17/03/2021

12/04/2021 - 15:22

condividi

Contributi a fondo perduto, i primi pagamenti dovrebbero arrivare subito dopo Pasqua, ed essere completati entro la fine di aprile: questa la sfida che il Governo Draghi si è posto. Per raggiungere l’obiettivo la Sogei lavora a una nuova piattaforma in grado di gestire la mole di domande in arrivo.

Fondo perduto DL Sostegni, primi pagamenti dopo Pasqua: la Sogei al lavoro sulla nuova piattaforma

Contributi a fondo perduto, i primi pagamenti dovrebbero arrivare dopo Pasqua: questa la sfida che l’Esecutivo si è posto. I tecnici della Sogei sono al lavoro sulla nuova piattaforma che dovrà essere in grado di gestire l’enorme mole di domande in arrivo.

Si tratta dei finanziamenti a fondo perduto del DL Sostegni, l’ex Ristori 5, ma l’approvazione del provvedimento economico continua a slittare, con la conseguente -giustificata- frustrazione di migliaia di partite IVA.

Il consiglio dei ministri è previsto per venerdì 19 marzo: ancora qualche giorno di attesa, e poi finalmente ci sarà scritto nero su bianco quali sono parametri e requisiti necessari per fare richiesta dei contributi a fondo perduto.

Fondo perduto DL Sostegni, primi pagamenti dopo Pasqua: la sfida del Governo Draghi

Pare che questi siano gli ultimi giorni di attesa del DL Sostegni, l’ex Ristori 5 che ormai da mesi tiene sulle spine migliaia di titolari di partite IVA e non solo.

Secondo le anticipazioni del Sole 24 Ore, i primi bonifici arriveranno entro 20 giorni, quindi dopo Pasqua, e completare l’accredito per la fine di aprile.

Per raggiungere l’obiettivo, i tecnici della Sogei, partner tecnologica del Ministero dell’Economia, hanno messo a punto una piattaforma telematica per gestire in tempi brevi la mole di domande: i nuovi contributi a fondo perduto infatti interessano quasi tre milioni di attività economiche e circa 800 mila professionisti.

La sfida quindi è riuscire a gestire la mole di domande e far arrivare a stretto giro anche i bonifici: i controlli sulla veridicità di quanto dichiarato per ottenere il contributo arriveranno in un secondo momento.

Tra le novità anticipate dalla bozza del DL Sostegni del 1° marzo anche la possibilità del richiedente di poter scegliere tra l’erogazione diretta del contributo oppure come credito d’imposta dello stesso valore da usare in compensazione tramite modello F24.

Contributi a fondo perduto, il DL Sostegni amplia la platea di beneficiari: pagamenti conclusi entro fine aprile

Il problema dell’enorme mole di dati e domande che la nuova piattaforma della Sogei dovrà gestire si è creato grazie ai nuovi requisiti previsti dal DL Sostegno.

Il provvedimento economico infatti ha superato il meccanismo dei codici ATECO, ampliando di gran lunga la platea di beneficiari che hanno diritto ai nuovi sostegni.

Rimane invece il requisito della riduzione di fatturato del 33%, ma applicato ai mesi di gennaio e febbraio 2021 rispetto allo stesso bimestre 2019.

Qualora i requisiti dovessero rimanere gli stessi anche nella versione ufficiale del decreto si aprirebbe un’altra questione sulle attività che verrebbero comunque ingiustamente escluse.

Si tratta per esempio di chi nei primi mesi del 2019 ha effettuato lavori di ristrutturazione o ampliamento della propria attività, e quindi il confronto tra i due bimestri non sarebbe giusto. Non solo: vengono escluse, in questo modo, anche le attività che sono state chiuse nelle ultime settimane, o meglio i ristori non prendono in considerazione i mesi in corso, con tutte le relative difficoltà economiche.

Iscriviti a Money.it