Concorso Banca d’Italia per avvocati: requisiti e come candidarsi

Bandito il concorso pubblico per l’assunzione di 6 avvocati presso la Banca d’Italia. La domanda scade il prossimo 21 dicembre; vediamo come e chi può partecipare.

Concorso Banca d'Italia per avvocati: requisiti e come candidarsi

La Banca d’Italia ha bandito un concorso pubblico per la copertura di 6 posizioni in qualità di avvocato - ruolo legale.

Il concorso consiste in 3 prove scritte inerenti materie giuridiche, una prova scritta d’inglese e una prova orale.

Il bando di concorso è disponibile sulla Gazzetta Ufficiale, 4° Serie Speciale - “Concorsi ed Esami” del 20 novembre 2018. La domanda di partecipazione va compilata esclusivamente in forma telematica sul sito della Banca d’Italia entro le 16:00 del 21 dicembre.

Riportiamo di seguito i requisiti richiesti dal bando e le istruzioni per inoltrare la domanda di partecipazione.

Chi può partecipare

Per partecipare al concorso sono richiesti i seguenti requisiti:

  • laurea magistrale/specialistica in Giurisprudenza (LMG/01 o 22/S), conseguita con un punteggio minimo di 105/110;
  • laurea in Giurisprudenza conseguita all’estero riconosciuta equivalente in Italia con votazione corrispondente ad almeno 105/110;
  • iscrizione a uno degli Albi degli Avvocati istituiti in Italia presso i relativi Consigli dell’Ordine;
  • essere cittadini italiani o di un altro Stato membro dell’Unione Europea ovvero possedere un’altra cittadinanza secondo quanto previsto dall’art. 38 del d.lgs. n. 165/2001;
  • idoneità fisica alle mansioni;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • non aver tenuto comportamenti incompatibili con le funzioni da svolgere nell’Istituto.

La Banca d’Italia si riserva il diritto di controllare l’effettivo possesso dei requisiti previsti e dei titoli dichiarati in ogni momento, anche dopo lo svolgimento delle prove o durante l’instaurazione del rapporto lavorativo. Chi non è in possesso dei requisiti elencati verrà escluso dal concorso o dimesso dall’incarico lavorativo. Si informa che le eventuali difformità rispetto a quanto dichiarato o documentato saranno rese note all’Autorità giudiziaria.

Come presentare la domanda

La domanda di partecipazione va inoltrata entro e non oltre le ore 16.00 del 21 dicembre in via telematica, utilizzando esclusivamente il form disponibile sul sito della Banca d’Italia.

Una volta entrati nel sito selezionare “Chi siamo” e poi cliccare su “Lavorare in banca d’Italia”, a questo punto dovete premere su “Informazioni sui concorsi” e in seguito su “Concorsi per cui è possibile presentare domanda”, per poi scegliere “Concorso pubblico per l’assunzione di 6 avvocati”.

Alla domanda di partecipazione devono essere allegati i documenti seguenti:

  • la dichiarazione sottoscritta dal candidato, del punteggio di laurea utile ai fini della preselezione (voto di laurea + media aritmetica semplice dei voti conseguiti negli esami sostenuti nel corso di laurea);
  • la copia di un documento di riconoscimento.

I candidati devono indicare il proprio indirizzo email al quale la Banca d’Italia provvederà ad inviare tutte le informazioni sul concorso; ciò non toglie che il candidato è tenuto a controllare periodicamente la piattaforma online della Banca d’Italia per controllare comunicazioni eventuali da parte dell’ente.

Nel giorno della prima prova scritta i candidati devono confermare quanto dichiarato sottoscrivendo una dichiarazione insieme all’atto di identificazione con un documento d’identità valido, pena l’esclusione dalla prova scritta. Queste dichiarazioni hanno valore di autocertificazione ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica n. 445/2000, con ogni conseguenza, anche di ordine penale, in caso di mendacio e l’applicazione delle sanzioni previste dall’articolo 76 del suddetto decreto.

I candidati in condizione di disabilità che hanno bisogno dell’ausilio di specifici strumenti e/o di tempi aggiuntivi per lo svolgimento delle prove devono farne esplicita richiesta compilando il “Quadro A” del form online. Sulla base di quanto dichiarato nel “Quadro A” i medici della Banca d’Italia valuteranno la sussistenza delle condizioni per la concessione degli strumenti richiesti e/o dei tempi aggiuntivi. Qualora la Banca d’Italia riscontri la non veridicità di quanto dichiarato dal candidato, procederà all’annullamento delle prove sostenute dal dichiarante.

Nel caso in cui le domande presentate siano più di 900, la Banca d’Italia effettuerà una preselezione sulla base dei titoli. L’Amministrazione della Banca provvederà alla formazione di una graduatoria preliminare sulla base della somma della votazione riportata nell’esame di laurea e della media aritmetica delle votazioni di tutti gli esami sostenuti durante il corso di studi. Il punteggio conseguito ai fini della preselezione non concorre in alcun modo alla formazione del punteggio del concorso.

La Banca d’Italia pubblicherà l’elenco dei candidati ammessi alle prove scritte sul proprio sito internet entro il 31 gennaio 2019. La pubblicazione assume il valore di una notifica con tutti gli effetti di legge che ne conseguono.

Le prove d’esame

Le prove si svolgeranno a Roma. Le prove scritte avranno ad oggetto:

  • un parere motivato in materia di diritto commerciale;
  • un atto defensionale in materia di diritto civile e diritto processuale civile;
  • un parere motivato o un atto defensionale in materia di diritto amministrativo sostanziale e processuale.

Per lo svolgimento delle prove scritte è ammessa la consultazione di testi normativi non commentati né annotati, esclusivamente in forma cartacea.

Le prove scritte saranno corrette in forma anonima e ad ognuno dei tre elaborati è attribuito fino a un massimo di 20 punti; le prove sono superate da coloro che ottengono un punteggio minimo di 12 in ognuno dei tre elaborati.

La votazione complessiva è data dalla somma dei tre punteggi riportati negli elaborati. I concorrenti che superano le prove scritte vengono ammessi a sostenere la prova di lingua inglese e la prova orale. La prova scritta d’ inglese non prevede la possibilità di utilizzare il vocabolario di lingua e si svolgerà nello stesso giorno della prova orale.

La prova orale consiste in un colloquio su tutte le materie delle prove scritte ed in più su diritto penale, diritto del lavoro, diritto dell’Unione europea e diritto bancario.La prova si considera superata da chi ottiene almeno il punteggio di 36 punti. I risultati della prova scritta, della prova in lingua inglese e di quella orale saranno pubblicati sul sito internet della Banca d’Italia. La pubblicazione assume valore di notifica ad ogni effetto di legge.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Concorsi pubblici

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.