Come l’Italia potrebbe contagiare il resto dell’Ue

C. G.

13 Febbraio 2019 - 13:29

Italia: il rischio di contagio non è svanito. Ecco come il Belpaese potrebbe trascinare nel baratro le altre economie europee

Come l’Italia potrebbe contagiare il resto dell’Ue

Negli ultimi 12 mesi le parole rischio contagio e Italia sono state spesso utilizzate nella stessa frase.

A preoccupare nella maggior parte dei casi sono state le oscillazioni dello spread Btp-Bund, che in occasione della nascita dell’esecutivo gialloverde e poi ancora durante le fasi di approvazione della Legge di Bilancio 2019 ha tenuto il mercato obbligazionario con il fiato sospeso.

In molti si sono interrogati sulle possibili conseguenze di rendimenti così elevati sui BTP, e gran parte del mercato si è espressa teorizzando l’ormai famosa reazione a catena sul resto dei bond europei.

Eppure, secondo una recente ricerca di State Street Global Advisors, il rischio di contagio dall’Italia al resto dell’Ue avverrà non direttamente dallo spread, ma indirettamente attraverso le banche.

L’aumento dello spread fa tremare

Nel corso del 2018 lo spread Btp-Bund è letteralmente decollato. Nei primi mesi dell’anno il differenziale ha oscillato in maniera poco volatile intorno alla soglia dei 130 punti base, ma dalle elezioni in poi la distanza tra i due titoli di Stato si è ampliata notevolmente ed è arrivata addirittura sui 300 pb in varie occasioni.

A crescere comunque non è stato soltanto lo spread italiano. Anche quello spagnolo è aumentato dai circa 75 punti di inizio anno a oltre 135. Stesso discorso per il resto delle economie europee. Nessuna di esse, però, ha toccato i livelli dell’Italia.

Ma in che modo il Belpaese potrebbe contagiare il resto del blocco? La risposta a questa domanda è arrivata dagli esperti di State Street che hanno parlato di una reazione a catena che troverà ragion d’essere nel sistema del credito.

“Il rischio di contagio sussiste a causa dell’interconnessione dei sistemi bancari e finanziari

Contagio Italia: chi rischia di più?

Secondo la ricerca citata, il Paese europeo più esposto al rischio di contagio dell’Italia è oggi la Francia. Il motivo? L’esposizione transalpina su di noi è pari al 15% del loro PIL.

In realtà, solo il 2% di questa esposizione è sui titoli di Stato, mentre più dell’8% è sull’economia reale: le banche francesi fanno finanziamenti a imprese e consumatori italiani, ma se l’economia del Belpaese rallenta i problemi aumentano e si riversano sui bilanci degli istituti transalpini.

Nella classifica dei Paesi a rischio contagio dall’Italia troviamo poi nell’ordine:

  • Spagna
  • Olanda
  • Svizzera
  • Germania

Da non perdere su Money.it

Argomenti

# Italia

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.