La Cina conquista Ryad e i Paesi del Golfo a colpi di yuan. Et voilà, arriva l’inchiesta

Mauro Bottarelli

12 Dicembre 2022 - 08:46

In contemporanea con lo scoppio dell’affaire Ue-Qatar, Xi Jinping concludeva la sua tre giorni saudita. A base di accordi energetici senza dollaro, BRI e pace Ryad-Teheran. Qualcuno non ha gradito?

La Cina conquista Ryad e i Paesi del Golfo a colpi di yuan. Et voilà, arriva l’inchiesta

L’ultimo incontro fra Joe Biden e Mohamed bin Salman si è tenuto la scorsa estate. Alla storia passerà per due motivazioni: l’ennesima pennichella fuori programma del presidente Usa durante un incontro ufficiale e la richiesta di Washington di aumentare la produzione di petrolio senza offrire nulla di durevole in cambio. Lontani i tempi e i fasti delle sciabole roteanti in onore di Donald Trump e del suo progetto di Nato araba, di cui i sauditi avrebbero rappresentato leader e avanguardia nella lotta all’Isis.

Il 7 dicembre Xi Jinping è arrivato a Ryad per una tre giorni di incontri. L’atterraggio del suo aereo è stato salutato da una salva di cannoni, mentre jet dell’aeronautica saudita dipingevano il cielo sopra la capitale con i colori della bandiera cinese. Il più grande importatore di petrolio al mondo si era scomodato. Tre giorni di visita. Quindi, occorreva accoglierlo con tutti gli onori del caso.

Ma più del protocollo, contano i fatti. E in quelle 72 ore, Xi Jinping ne ha scritti in agenda parecchi. A partire da questo: [...]

Money

Questo articolo è riservato agli abbonati

Abbonati ora

Accedi ai contenuti riservati

Navighi con pubblicità ridotta

Ottieni sconti su prodotti e servizi

Disdici quando vuoi

Sei già iscritto? Clicca qui

​ ​

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo