Chi sono gli Antifa? L’organizzazione che Trump vuole dichiarare terroristica

Chi sono gli Antifa? Il gruppo che Trump vuole dichiarare “organizzazione terroristica”, che sta prendendo parte alle manifestazioni negli Stati Uniti.

Chi sono gli Antifa? L'organizzazione che Trump vuole dichiarare terroristica

Gli Stati Uniti hanno intenzione di dichiarare organizzazione terroristica gli Antifa. A renderlo noto è proprio il presidente americano, Donald Trump, attraverso un tweet. Ma cosa intende il Tycoon quando parla di Antifa?

La situazione negli Stati Uniti sta diventando fuori controllo dopo l’uccisione di un uomo afroamericano, George Floyd, per mano di un agente di polizia della città di Minneapolis, a seguito di un fermo. In tutto il paese sono iniziate delle manifestazioni e delle rivolte che hanno raggiunto anche la capitale. Il gruppo degli Antifa sarebbe stato inquadrato dalla Casa Bianca come il promotore delle rivolte, tanto che Trump ha affermato che: “Gli Stati Uniti designeranno gli Antifa come organizzazione terroristica”.

Chi sono gli Antifa, la rete antifascista internazionale

Con il termine Antifa, riconducibile ad “antifascista”, non si intende una sola sigla politica organizzata e riconoscibile, ma raggruppa una serie di collettivi più o meno strutturati.

Il gruppo è un’organizzazione internazionale non strutturata, presente in diversi Stati, come il Regno Unito, la Germania, l’Italia e gli Stati Uniti, dove sono cresciuti notevolmente dopo la vincita delle elezioni di Trump nel 2016.

Già nel 2017 si erano fatti conoscere per aver preso parte agli scontri contro i suprematisti bianchi, in Virginia, durante il raduno “Unite the Right”. Gli Antifa non hanno un leader comune, ma si compongono di piccole realtà locali e autonome, che si oppongono alle azioni di estrema destra e a quelle che considerano razziste, omofobe e xenofobe. Sebbene non siano affiliati con altri gruppi politici, molto spesso collaborano con le reti di attivisti locali come il movimento Black Lives Matter o Occupy.

Le repressioni del Governo americano

Gli Antifa non sono visti di buon occhio sia dai movimenti di destra che da quelli di sinistra tradizionali. Anche Nancy Pelosi ha denunciato “le azioni violente di persone che si definiscono Antifa”, nel 2017, aggiungendo che sarebbero dovuti essere arrestati.

Il gruppo di Antifa, che in questi giorni sta prendendo parte a diverse manifestazioni sparse in tutti gli Stati Uniti, è stato aspramente criticato da moltissimi esponenti politici, oltre che dai media.

Il Segretario di Stato, Mike Pompeo, parlando delle manifestazioni ha dichiarato di non riuscire a comprendere “come si sia arrivati a questo punto, ma abbiamo già visto questo schema prima, con outsider che si infiltrano”. Secondo il Segretario le violenze registrate “vengono dalle proteste violente Antifa

Anche il consigliere per la sicurezza nazionale, Robert O’Brian ha dichiarato alla CNN che le proteste violente sono guidate da Antifa, aggiungendo che:

Non so nemmeno se si possono definire di sinistra. Ma qualsiasi cosa siano sono militanti che bruciano le nostre città e arriveremo fino in fondo”.

Per limitare il più possibile gli scontri tra manifestanti e polizia è stato introdotto in oltre 25 città di 16 Stati il coprifuoco. A Washington invece si è reso necessario l’intervento della Guardia Nazionale che ha effettuato centinaia di arresti.

Iscriviti alla newsletter Notizie e Approfondimenti per ricevere le news su Terrorismo

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories