Chi è la moglie di Macron? Biografia, foto ed età di Brigitte Trogneux

Scopriamo chi è la moglie di Macron: biografia, età e foto di Brigitte Trogneux, la nuova first lady di Francia più grande di 24 anni rispetto al marito.

Chi è la moglie di Macron? Biografia, foto ed età di Brigitte Trogneux

Le elezioni in Francia del maggio 2017 hanno fatto scoprire al mondo intero chi è Brigitte Trogneux, moglie del nuovo Presidente d’Oltralpe Emmanuel Macron.

Come spesso accaduto in Francia, la cronaca politica delle elezioni si è arricchita di quella rosa, con la storia d’amore molto particolare tra Emmanuel Macron e sua moglie Brigitte Trogneux che sta facendo parlare di sé tanto quanto i dibattiti inerenti ai temi politici.

Scopriamo di più su Brigitte Trogneux, vedendo la biografia della nuova first lady di Francia passata dall’insegnare francese in un liceo di provincia alla ribalta mondiale dopo il successo elettorale del marito.

Chi è la moglie di Macron? Biografia e storia d’amore di Brigitte Trogneux

Brigitte “Bibi” Trogneux nasce il 13 aprile del 1953 ad Amiens, cittadina del Nord della Francia quasi al confine con il Belgio. Proveniente da una famiglia alto borghese, corona le sue grandi passioni della letteratura e del teatro diventando insegnante di francese.

Sposata con un medico e madre di tre figli, Brigitte Trogneux all’età di 39 anni era una insegnante di francese e latino presso il liceo gesuita La Providence di Amiens, dove teneva anche un corso di teatro.

Proprio durante le lezioni su “L’arte della commedia” di Eduardo Di Filippo, Brigitte conosce il giovane e brillante studente Emmanuel Macron, che nonostanbte i 24 anni di differenza da subito si innamora in maniera folle della sua professoressa.

Quella che poteva sembrare una cotta di uno studente per la sua insegnante invece diventa qualcosa di più serio. Emmanuel Macron continua a corteggiare Brigitte anche terminato il liceo, quando si era trasferito a Parigi per studiare alla Scuola Nazionale di Amministrazione.

In quegli anni Brigitte Trogneux cede alle lusinghe del suo giovane ex studente, iniziando con lui una relazione che la porterà a divorziare dal marito e a sposare, nel 2007, Emmanuel Macron.

Una storia che sembrerebbe uscita da un romanzo rosa, vista la grande differenza di età tra i due. Brigitte Trogneux ha tre figli, il maggiore dei quali ha due anni di più di suo marito, mentre il secondogenito è coetaneo.

Una famiglia allargata che ha comunque accettato la storia d’amore, con i giornali francesi che parlnoa di un Emmanuel Macron molto legato ai sette nipoti di sua moglie, nonostante pare che il politico non desideri avere figli propri.

Nelle tante uscite pubbliche delle coppia, i due sono sempre apparsi molto innamorati, con diversi giornalisti che hanno definito Brigitte Trogneux come l’autentico deus ex machina della discesa in campo nella politica francese del marito.

Le elezioni in Francia

Brigitte Trogneux non è semplicemente la moglie di Emmanuel Macron, ma anche la sua più fidata e ascoltata consigliera politica, tanto che la donna nel 2015 ha deciso di lasciare l’insegnamento per seguire a tempo pieno la carriera del marito.

Se i giornali scandalistici sono sempre attenti al look aggressivo e sexy di Brigitte, quelli politici parlano di lei come una sorta di spin doctor del marito, da poco diventato il più giovane Presidente delle repubblica della storia francese.

Il primo turno del 23 aprile ha visto essere Emmanuel Macron il più votato dai francesi con il 23,8% delle preferenze. Al ballottaggio del 7 maggio contro Marine Le Pen, è arrivato poi il trionfo raccogliendo oltre il 60% delle preferenze.

La vittoria di Macron è stata una sorta di miracolo politico dove Brigitte ha avuto un ruolo decisivo fin dalla decisione di creare En Marche!, il movimento che fa capo al marito.

Dopo aver lavorato in prestigiosi istituti finanziari, Emmanuel Macron nel 2015 diventa ministro dell’economia del governo Valls, per poi però decidere di staccarsi dal governo socialista e di dare vita al proprio movimento politico.

Si vocifera che sia stata proprio la moglie a suggerire a Macron di correre da subito come candidato alla presidenza e di non aspettare cinque anni, in quanto nel 2022 la differenza d’età tra i due sarebbe stata ancora più evidente e questo sarebbe potuto essere un punto a suo sfavore.

Più in generale, Brigitte partecipa ad ogni riunione del marito, anche se in pubblico non interviene mai quando è in sua presenza. In privato però, la sua opinione conta più di quella di ogni altro consigliere di Macron.

Oltre all’appoggio dichiarato da parte di Repubblicani e Socialisti, Macron sembrerebbe aver goduto anche dell’alto gradimento che la moglie starebbe riscuotendo tra i francesi, per nulla contrari a questa storia d’amore così particolare.

Dal canto suo, Brigitte si era fatta sfuggire qualche dichiarazione parlando già da moglie del Presidente anche prima del ballottaggio, confidando alla stampa di ispirarsi per tale ruolo alla figura di Carla Bruni.

Charlie Hebdo e Berlusconi

La figura di Brigitte Trogneux non è sfuggita neanche a Charlie Hebdo, la rivista satirica francese la cui redazione di Parigi fu vittima due anni fa di un terribile attentato terroristico ad opera dell’Isis.

Charlie Hebdo infatti, dopo la vittoria di Macron al ballottaggio contro la Le Pen, ha dedicato la copertina alla coppia presidenziale, disegnando una Brigitte incinta di fianco al marito, con la scritta «Lui farà dei miracoli» a fare capolino.

Una vignetta che ha provocato una generale indignazione sui social, con molte proteste che si sono levate contro la rivista satirica e a sostegno di Brigitte, con il disegno che è stato bollato come sessista e di cattivo gusto.

Altra battuta molto poco gentile è arrivata poi anche da Silvio Berlusconi, impegnato in un incontro a Monza dove tra i tanti argomenti si è parlato anche delle recenti elezioni in Francia.

Riferendosi a Macron, Berlusconi infatti ha detto che il nuovo Presidente francese ha soprattutto una bella mamma che lo porta sotto braccio fin da quando era un bambino.

Una ennesima mancanza di stile che rimarca come, nel bene o nel male, ormai è il mondo intero che disquisisce attorno alla figura di Brigitte Trogneux e sulla sua storia d’amore con il marito.

Brigitte sempre più diva

Anche l’attenzione delle riviste di gossip nei confronti della first lady è cresciuta a dismisura, con ogni suo look che viene come sezionato dal web e da trasmissioni televisive. A prescindere dalla vittoria elettorale del marito, tra i nostri cugini transalpini è già scoppiata la Brigitte-mania.

A giugno poi Brigitte ha dimostrato di essersi calata perfettamente nel suo nuovo ruolo di first lady, ricevendo da sola senza il marito Mary di Danimarca, moglie del principe ereditario Frederick.

Più che sul contenuto del loro incontro, l’attenzione dei media si è concentrata tutta sul look delle due lady: aggressivo quello della signora Macron mentre decisamente più sobrio quello della bella principessa.

Se la signora Macron ormai sembrerebbe essere ormai a tutti gli effetti sempre più padrona di casa all’Eliseo, il marito continua a macinare consensi nel paese e a ottenere vittorie elettorali.

Le elezioni infatti per eleggere i rappresentati dell’Assenblea Nazionale hanno visto trionfare di nuovo En Marche!, che ha ottenuto la maggioranza assoluta conquistando 350 deputati su 577.

Brigitte per l’occasione si è recata al voto non con il marito ma con Tiphaine Auzière, la più piccola dei suoi tre figli anche lei impegnata nel partito di Macron con cui i rapporti sono più che ottimi.

Anche al G20 di Amburgo non poteva mancare la sua presenza. Nonostante un look come al solito sempre impeccabile, la signora Macron però è stata oggetto di commenti preoccupati per una eccessiva magrezza sfoggiata.

Grandi attenzioni anche il 14 luglio, giorno di festa in Francia che è coinciso con la visita a Parigi di Donald Trump. Più che i capi di stato, i fotografi hanno inseguito più le due mogli, con lady Macron che ha sfoggiato un vestito decisamente più audace rispetto alla bella Melania.

Non è mancato poi un intervento della first lady di Francia anche sulla questione riguardante Harvey Weinstein, il produttore americano accusato di molestie da parte di numerose attrice hollywoodiane.

Le donne che ne parlano sono coraggiose. Sono favorevole a rompere il silenzio. E’ davvero sorprendente, qualcosa sta succedendo. Liberarsi dalle molestie è essenziale.

Chissà se il tema è stato trattato anche durante la visita dei coniugi Macron alla Casa Bianca di aprile. Un’occasione dove le due first lady hanno di nuovo rubato la scena ai mariti, nonostante il delicato momento politico che si sta vivendo a causa della crisi in Siria.

Una mise quella di Brigitte e Melania molto elegante ma anche simile: entrambe hanno optato per un abito intero lungo fino alle ginocchia, con la signora Trump che ha scelto il colore nero mentre la lady Macron ha preferito un più vivace color avorio.

Naturalmente la coppia presidenziale non poteva mancare al momento del trionfo della Francia ai Mondiali di Russia: durante la finale, Brigitte si è vista però rubare la scena anche dalla molto ammirata presidente della Croazia Kolinda Grabar-Kitarović.

Le polemiche

Oltre a foto e visite ufficiali, la figura di Brigitte non è stata esente anche da polemiche. Dopo una petizione che in poco tempo ha raggiunto le 250.000 firme, Macron infatti ha fatto marcia indietro sullo status di Première Dame che voleva assegnare alla moglie.

Da quando il marito è diventato Presidente, l’ex insegnante non ha mai mancato di effettuare visite ufficiali anche lontane dalle telecamere, avvalendosi di un suo staff personale oltre che di un servizio di bodyguard, tutte spese queste che sarebbero state coperte dallo status.

In una successiva intervista rilasciata al settimanale Elle, la signora Macron ha dichiarato che il suo ruolo istituzionale sarà determinato da una carta di trasparenza, aggiungendo poi che l’unico difetto del marito è soltanto l’età.

Nonostante i chiarimenti, questi primi mesi di governo Macron non sembrerebbero essere molto piaciuti ai francesi. Un sondaggio infatti ha fatto notare un autentico crollo dell’indice di gradimento per quanto riguarda il giovane premier.

La riforma del lavoro, dove si spinge molto sulla flessibilità, oltre ai sacrifici chiesti alla nazione per il popolo transalpino poco si sposerebbero infatti con le cospicue cifre spese dalla coppia presidenziale per curare la loro immagine.

Polemiche a parte, Brigitte Trogneux è comunque diventata ora quindi a tutti gli effetti la first lady di Francia, aggiungendo così un nuovo capitolo a questa storia d’amore molto particolare ma altrettanto bella che sembra essere uscita dalle pagine di un romanzo sentimentale.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Emmanuel Macron

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.