Certificazione Unica 2021 NoiPA: modello CU per i dipendenti pubblici

Rosaria Imparato

16/03/2021

16/03/2021 - 17:33

condividi

CU 2021 NoiPA: i dipendenti pubblici troveranno la certificazione unica sul portale entro la scadenza del 31 marzo, vista la proroga MEF, ma molti potrebbero già trovarla disponibile dal 16 marzo, come avverte il comunicato stampa di NoiPa+. Vediamo a cosa serve e come scaricare il modello CU.

Certificazione Unica 2021 NoiPA: modello CU per i dipendenti pubblici

Certificazione Unica 2021 NoiPA, anche i dipendenti pubblici troveranno il proprio modello CU entro la scadenza del 31 marzo sul portale della Pubblica Amministrazione.

La proroga della scadenza è arrivata il 13 marzo con il comunicato stampa del MEF. In realtà, quella del 31 marzo è il termine ultimo: come sottolinea il comunicato stampa di NoiPa+, molti dipendenti pubblici troveranno la propria CU già a partire dal 16 marzo, seguendo quindi la scadenza “pre-proroga”.

Quest’anno debutta la scadenza unica per un doppio adempimento: i datori di lavoro e i sostituti d’imposta devono inviare la certificazione unica all’Agenzia delle Entrate e consegnarla al percipiente entro la stessa data, non oltre il 31 marzo.

I dipendenti pubblici troveranno la propria CU da scaricare accedendo sul portale NoiPa (disponibile anche in versione App per cellulari e tablet). Nel documento viene indicato il reddito percepito nell’anno solare precedente.

La Certificazione Unica è un documento fondamentale per i lavoratori dipendenti, in quanto strettamente collegata alla dichiarazione dei redditi: i dati della CU, infatti, vengono usati dall’Agenzia delle Entrate per la compilazione del modello 730 precompilato.

Certificazione Unica 2021 NoiPA: modello CU per i dipendenti pubblici

La Certificazione Unica è un documento fiscale con cui si dimostra la percezione di un reddito da parte di un contribuente, che sia lavoratore dipendente, autonomo o pensionato.

La CU viene emessa e inviata dal soggetto che ha effettuato il pagamento, quindi:

  • i lavoratori dipendenti la ricevono dal datore di lavoro;
  • i pensionati e i dipendenti pubblici la ricevono dall’INPS.

Nel caso dei dipendenti pubblici è utile anche per farsi un’idea del perché c’è stata - nel cedolino stipendiale del mese precedente - una trattenuta del bonus Irpef in busta paga.

La scadenza per l’invio del modello CU 2021 all’Agenzia delle Entrate, così come la consegna al percipiente, quest’anno è il 31 marzo (a meno che non arrivi una proroga in extremis), dopo la proroga comunicata dal MEF.

Mentre per i lavoratori dipendenti è ancora possibile la consegna anche in modalità cartacea, i dipendenti pubblici ricevono la CU 2021 solo in formato elettronico.

Come sottolineato dal comunicato stampa di NoiPA+, molti dipendenti potrebbero trovare la propria CU disponibile sul portale già dal 16 marzo. In ogni caso, la messa a disposizione del certificazione unica deve avvenire entro il 31 marzo.

Certificazione Unica 2021 dipendenti pubblici: dove trovarla su NoiPA

È dal 2011 che i modelli CU per tutto il personale impiegato nella Pubblica Amministrazione sono consegnati esclusivamente in formato elettronico.

Ogni amministrato può consultare il modello dell’anno di competenza accedendo alla propria area riservata inserendo le apposite credenziali.

Per consultare il modello CU (non appena sarà disponibile) basta andare nella sezione “Documenti personali”: qui è possibile consultare e scaricare lo schema di certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente equiparati ed assimilati.

Nel dettaglio, il modello riporta i dati relativi a:

  • ritenute operate;
  • detrazioni previdenziali e assistenziali (riguardanti la contribuzione versata e dovuta agli enti preposti);
  • scheda per la destinazione del cinque e dell’otto per mille dell’IRPEF.

Nel modello CU online, nello spazio riservato alla firma del datore di lavoro, per i dipendenti pubblici è impostato in automatico il nominativo del dirigente responsabile.

Qualora ci siano i presupposti, sarà possibile fornire le informazioni utili al proprio Ufficio Responsabile per la rettifica della Certificazione Unica, così da poter procedere ad una nuova elaborazione dei conguagli.

In ogni caso, il modello CU sarà disponibile per cinque anni nel sistema prima di essere archiviato.

Iscriviti a Money.it