Allarme Brexit: il no-deal è ora l’ipotesi più probabile. L’indagine

Brexit: il no-deal è ormai l’ipotesi più probabile. L’indagine a campione ha parlato chiaro

Allarme Brexit: il no-deal è ora l'ipotesi più probabile. L'indagine

L’ultima indagine sulla Brexit ha parlato chiaro: il no-deal ormai è lo scenario più probabile.

Con esso il Regno Unito abbandonerà l’Unione europea senza alcun tipo di accordo o intesa in merito alle future relazioni (soprattutto commerciali) tra le parti.

La Brexit no-deal potrebbe avere conseguenze imponenti per entrambi i lati della Manica ed è proprio per questo che l’ipotesi, oggi la più probabile, ha sempre messo in guardia i mercati finanziari e, in particolar modo, la sterlina inglese.

Quanto è probabile la Brexit no-deal: i risultati dell’indagine

Secondo l’analisi condotta dal CNBC Global CFO Council il Regno Unito abbandonerà l’Unione europea senza alcun tipo di accordo il prossimo 31 ottobre. Il 43,5% dei chief financial officers ascoltati crede che il no-deal sia ormai lo scenario più probabile.

Il 32,3% del campione ritiene plausibile una nuova estensione dei tempi, mentre l’8,2% si aspetta il raggiungimento di un accordo entro la fine del mese prossimo.

Ancora secondo i risultati dell’indagine, il 3,2% degli ascoltati crede che vi sarà un nuovo referendum, mentre il 12,9% si è detto incerto in merito al futuro della Brexit.

La situazione è peggiorata

Rispetto all’ultima indagine condotta nel secondo trimestre dell’anno le previsioni degli analisti sono peggiorate in maniera decisa. In quell’occasione, infatti, quasi nessuno aveva definito probabile l’ipotesi di Brexit no-deal e tutti si erano espressi in favore dell’estensione.

L’uscita senza accordo avrebbe ripercussioni negative soprattutto sul pound che invece, a fronte di un’intesa, potrebbe decollare fino a 1,50 contro il dollaro, stando alle previsioni di Hans Redeker, global head of FX strategy di Morgan Stanley.

“In quelle circostanze la sterlina inizierebbe certamente un rally in grado di catapultarla contro il dollaro magari a quota 1,40 o 1,50. ”

Per gli analisti intervistati però questo non accadrà. Secondo le loro previsioni la Brexit si concluderà probabilmente con un sonoro no-deal.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Brexit

Argomenti:

Brexit

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.