La Brexit continua: i negoziati dell’Irlanda del Nord con l’UE inizieranno la prossima settimana

Lorenzo Bagnato

13 Gennaio 2023 - 16:55

condividi

Probabilmente il problema più importante della Brexit deve ancora essere risolto: l’Irlanda del Nord e il suo confine con l’UE.

La Brexit continua: i negoziati dell'Irlanda del Nord con l'UE inizieranno la prossima settimana

La Brexit potrebbe essere una questione relativamente vecchia, essendo iniziata quasi sette anni fa nel 2016, ma non è ancora finita. Anche se il lato economico dei negoziati sembra essere finalmente concluso, c’è ancora una questione da risolvere: l’Irlanda del Nord.

La campagna politica per «Leave» ha tralasciato molte cose cruciali prima del referendum vero e proprio. Invece, ora sappiamo che hanno solo diffuso bugie e falsa propaganda contro l’UE, che hanno portato a un disastro economico di enormi proporzioni.

Ma forse la cosa più importante che hanno tralasciato dalle discussioni è stata la semplice domanda: «Cosa succederà con l’Irlanda del Nord?».

L’Irlanda del Nord è uno stato del Regno Unito che confina con la Repubblica d’Irlanda, un paese sovrano all’interno dell’Unione Europea. Mentre il resto del Regno Unito si trova su un’isola, l’Irlanda del Nord condivide un confine terrestre con l’UE, e non è una questione da poco.

L’Irlanda del Nord è uno stato composto da due diverse religioni (cattolici e protestanti) e due diverse etnie (irlandesi e britanniche). Per 30 anni le due parti si sono scontrate, provocando morti, violenze e insurrezioni.

L’Irlanda del Nord era in uno stato di «guerra a basso livello» fino al 1998, quando fu finalmente trovato un accordo tra le parti. L’«Accordo del Venerdì Santo», come è noto, è stato mediato in modo cruciale dall’Unione Europea. Con il Regno Unito al di fuori dell’UE, i disturbi potrebbero ricominciare.

Una trattativa difficile

Durante i sei anni tra l’inizio della Brexit e l’uscita ufficiale del Regno Unito dall’UE, la situazione dell’Irlanda del Nord è stata discussa molte volte con nessun accordo permanente.

Il problema era che un confine aperto tra il Regno Unito e l’Irlanda era fondamentale per mantenere la pace. I Brexiteers, tuttavia, volevano andare fino in fondo e spezzare ogni connessione con l’Unione, inclusa la libertà di commercio e movimento.

Alla fine, l’UE e il Regno Unito (all’epoca governati da Boris Johnson) giunsero a un accordo temporaneo sulla questione. Ci sarebbe un confine aperto tra l’Irlanda del Nord e la Repubblica d’Irlanda e un confine duro tra l’Irlanda del Nord e il resto del Regno Unito.

Ciò significa che le merci potrebbero entrare nell’Irlanda del Nord dalla Repubblica d’Irlanda in quanto vi è un confine aperto. Quindi, per portare le merci dall’Irlanda del Nord al resto del Regno Unito, verrebbero controllate e pattugliate in Inghilterra o in Scozia.

Questo accordo, tuttavia, ha lasciato l’Irlanda del Nord completamente isolata dal proprio Paese, il Regno Unito, e ha provocato una grave crisi politica. La prossima settimana riprenderanno i negoziati tra il Regno Unito e l’UE sull’Irlanda del Nord, ed entrambe le parti hanno già iniziato a sondare il terreno.

L’enigma dell’Irlanda del Nord potrebbe portare le peggiori conseguenze per il Regno Unito per l’uscita dall’UE. Solo un altro motivo per cui la Brexit è stata un’idea orribile.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2023-01-13 13:16:29. Titolo originale: Brexit Continues: Northern Ireland negotiations with EU will start Next Week

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it