Borsa Italiana: i 10 titoli da monitorare in settimana (dall’1 al 7 febbraio)

Ufficio Studi Money.it

1 Febbraio 2021 - 06:27

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Dall’analisi sul FTSEMib40 alla valutazione settoriale attraverso le dieci azioni sotto la lente da seguire nelle prossime sedute di mercato tra cui: Diasorin, BB Biotech, Piaggio e Sanlorenzo.

Borsa Italiana: i 10 titoli da monitorare in settimana (dall'1 al 7 febbraio)

L’indice FTSEMib40 conclude la settimana in calo a quota 21.572,53 punti con una performance negativa del 2,34%. La crisi di governo non aiuta l’andamento del listino italiano, che resta comunque in linea con i cali dei principali mercati europei.

I ritardi nella distribuzione dei vaccini contro il Covid19 e le tensioni economiche sembrano farsi sentire sull’andamento degli indici dell’eurozona che ritracciano dai livelli di inizio anno.

Tra le performance settoriali del Dow Jones Italia dell’ultima settimana di Borsa in positivo il settore alimentare con una crescita dello 0,79%, i materiali di base con un +0,71% e il farmaceutico con una salita dello 0,22%.

Nell’area euro, tra i comparti dello Stoxx si evidenziano solo segnali negativi, con l’unica eccezione del comparto Telecom che presenta una variazione positiva dello 0,37%.

FTSEMib40: il quadro tecnico di breve periodo

L’indice FTSEMib40 si trova in una fase di ritracciamento avviata l’8 gennaio 2021. Dopo il breakout rialzista avvenuto all’inizio di gennaio 2021, il listino non ha mostrato segnali di vigore e non ha accennato ad un allungo lasciando invece spazio alle prese di beneficio.

Ad oggi il mercato sembra diretto verso il più vicino supporto statico a quota 21.000 punti. In caso di violazione ribassista il primo obiettivo short diventerebbe quota 20.200. Un rimbalzo invece sul supporto statico potrebbe condurre l’indice verso il test di area 22.200 punti.

Ad oggi l’indice si trova di poco sotto la EMA(21) e sopra la SMA(200), media mobile semplice a 200 periodi. Il livello di Supertrend invece è negativo a quota 22.829,52 punti. L’RSI(14) si presenta in fase neutrale, mentre la volatilità, rappresentata dall’ATR(14), è in crescita rispetto alla media degli ultimi dieci giorni.

Infine il Directional Movement,DMI(14), indicatore di tendenza, mostra ripetuti restringimenti, con incroci della DI+ e della D-, ad evidenziare la fase di indecisione del movimento, mentre l’ADX sembra in ripresa.

Uno scenario long sarebbe plausibile solo sopra la resistenza statica a quota 23.000 punti con un entry in area 23.120. Uno stop loss si potrebbe posizionare in zona 22.040, poco sotto il supporto statico. Il primo target si potrebbe collocare a 24.000 mentre il secondo target a 24.600.

Una posizione short si potrebbe posizionare alla rottura del supporto statico a quota 21.000 con un entry in area 20.880 punti. Uno stop loss si potrebbe inserire a 21.840 punti, sopra il massimo della barra del 29 gennaio 2021. Il primo target si potrebbe collocare a quota 20.200 ed un secondo target in zona 19.000.

I 10 titoli azionari sotto la lente a Piazza Affari

Tra i titoli del FTSEMib40 da tenere monitorati questa settimana si valutano alcune strutture tecniche interessanti:

Moncler si trova alla rottura del supporto in zona 47 euro. La barra di venerdì scorso lascia presagire una possibile discesa fino ai 45 euro, zona di supporto. Una ripresa del livello invece potrebbe condurre il titolo nuovamente a quota 50 euro, area di massimo storico.

Telecom Italia si trova in trend short dall’8 gennaio 2021 quando è partita l’inversione di tendenza dall’area di 0,4 euro. Ad oggi il titolo non sembra riuscire ad arrestare il calo e appare improntata verso il primo obiettivo ribassista in zona 0,3470 euro. Un cambio di view sarebbe plausibile solo con un pullback e successiva rottura di quota 0,38 euro. In quel caso si potrebbe vedere il titolo nuovamente verso i 0,4 euro.

Amplifon resta ingabbiata nella fase di consolidamento nella quale è intrappolata dalla metà di dicembre 2020. Una rottura è possibile nella direzione del trend di base, decisamente positivo. Un impostazione tecnica in ottica short sarebbe plausibile solo alla violazione del supporto statico a 32,60 euro, parte bassa della fase di compressione, con conseguente calo verso il primo obiettivo ribassista in zona 30 euro.

Cnh Industrial indietreggia e rompe a ribasso la trendline dinamica impostata a novembre 2020. Il titolo sembra voler reagire in zona 10,50 euro, con una barra di pullback in data 28 gennaio 2021. La barra successiva di inside non fornisce molte informazioni, ma la rottura del massimo di giovedì scorso a 10,735 euro, potrebbe ridare vigore al prezzo e riprendere la trendline violata il 25 gennaio 2021.

Diasorin ritraccia dopo il pullback rialzista partito il 13 gennaio 2021. Al raggiungimento dei 195 euro ripiega e lascia spazio ai venditori. Ad oggi il titolo si trova in appoggio sulla trendline dinamica di medio lungo termine in area 180 euro, zona di passaggio anche della SMA(200), media mobile semplice a 200 periodi. E’ possibile un nuovo rimbalzo verso i valori da cui è partito il ritracciamento, mentre una rottura ribassista della trendline porterebbe invece verso il primo obiettivo short a quota 167 euro.

Nel segmento MidCap e STAR di Borsa italiana sotto la lente si presentano invece: BB Biotech, Sol, Piaggio e Sanlorenzo e SeSa.

BB Biotech indietreggia all’inizio della scorsa settimana di mercato per poi chiudere in ripresa. Il titolo rimbalza sulla trendline di breve medio termine con due barre positive. E’ possibile un recupero del prezzo fino al test del massimo in area 79 euro. Un cambio di view in ottica short sarebbe possibile alla violazione del prezzo del supporto dinamico e di quello statico in zona 70 euro.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories