Borsa di Milano oggi 30 novembre: Ftse Mib guadagna ancora dopo inflazione all’11,8%

Violetta Silvestri - Giacomo Andreoli

30/11/2022

30/11/2022 - 17:59

condividi

Borsa di Milano oggi 30 novembre: il Ftse Mib chiude ancora in positivo dopo la lettura dell’inflazione stabile, a +11,8%. Lo spread è in aumento oltre i 190 punti base.

Borsa di Milano oggi 30 novembre: Ftse Mib guadagna ancora dopo inflazione all'11,8%

Borsa di Milano oggi 30 novembre: il Ftse Mib chiude ancora in territorio positivo, superando la soglia dei 24.465 punti di chiusura di ieri.

Lo spread Btp-Bund sale oltre i 190 punti, viaggiando attorno ai 195. Il rendimento del Btp decennale cresce viaggiando attorno al 3,9%. In Italia, sul fronte della politica interna, il tema caldo è ancora la Legge di Bilancio, firmata dal presidente della Repubblica Mattarella. Ora deve iniziare l’iter parlamentare per l’approvazione.

I dati italiani sul Pil del terzo trimestre hanno confermato le attese con un aumento del 2,6% annuale e una crescita dello 0,5% sul precedente trimestre. L’inflazione preliminare di novembre è rimasta stabile all’11,8%, con il carrello della spesa che ha visto ancora un rialzo, al 12,8%, anche se lieve. In Eurozona, i prezzi al consumo sono leggermente diminuiti al 10,0%.

Il listino milanese continua a scambiare in rialzo. In focus ci sono ancora Telecom in rosso in attesa di capire cosa accadrà alla rete unica con il piano di Governo, lo scatto di UniCredit e il balzo di Moncler. Il settore lusso, in generale, accelera sui guadagni. Da segnalare, dopo il terremoto Juventus, che le azioni del club flettono.

In Europa, Dax tedesco e Cac francese sono in territorio positivo. Scambia in rialzo anche l’inglese Ftse 100.

Borsa di Milano oggi 30 novembre aggiornamento delle ore 18.00: Ftse Mib chiude in positivo

Il Ftse Mib guadagna lo 0,59% e chiude a 24.610,29 punti. Cresce lo spread tra Btp e Bund tedeschi, attestandosi attorno ai 195 punti base. In leggero aumento anche il rendimento del titolo decennale, attorno al 3,9%.

In coda al listino Tim (-5,24%), con il progetto per la rete unica che è ancora in salita. Il sottosegretario alla presidenza del consiglio con delega all’innovazione tecnologica, Alessio Butti, ha infatti smentito che Cassa depositi e prestiti possa fare un’Opa totalitaria sulla compagnia telefonica.

Aggiornamento delle ore 13.00: Ftse Mib mantiene i guadagni

Il Ftse Mib sale dello 0,29% alle ore 13.00, con Moncler, Tenaris, UniCredit a spingere il listino con aumenti maggiori dell’1%.

Flettono in territorio negativo, invece, Erg, Enel, Eni, Banco Bpm, Bper Banca, Poste, Prysmian, Leonardo.

Aggiornamento delle ore 10.10: Ftse Mib spinto dalle banche

Con 24.603 punti, il Ftse Mib avanza dello 0,56% alle ore 10.10. Sul listino milanese spiccano i guadagni di Moncler a +1,85%, Unicredit +1,78%, Banca Generali +1,10%, Banca Mediolanum +1,14%, Azimut +1,01%, Bper Banca +0,56%, Cnh Industrial +1,09%, Unipol +1,04%, Stellantis +0,88%.

Sale anche Ferrari, a +0,58% dopo aver sospeso gli ordini per il Suv Purosangue a causa di una domanda troppo forte e liste di attesa di anche due anni.

In rosso, invece, Telecom Italia -0,64%, Saipem -0,48%, Leonardo -1,46%.

Asia prova il balzo con la Cina in primo piano

Le azioni dell’Asia-Pacifico hanno scambiato per lo più in rialzo, nonostante la lettura dell’attività industriale cinese di novembre è stata inferiore alle aspettative, scendendo al valore più basso dall’aprile 2022.

L’indice Hang Seng di Hong Kong sale oltre il 2% nell’ultima ora di negoziazione. Nella Cina continentale, lo Shanghai Composite ha chiuso con un +0,05%, mentre lo Shenzhen Component ha guadagnato lo 0,17.

I funzionari sanitari cinesi hanno annunciato martedì misure per aumentare la vaccinazione tra gli anziani, un indicatore considerato importante per la riapertura dell’economia, affermando di “osservare da vicino gli sviluppi del virus” alla domanda se i disordini in corso possono portare a uno spostamento la sua politica zero-Covid.

Futures Usa in rialzo in attesa di Powell

I futures sulle azioni Usa sono in aumento, mentre Wall Street attende il discorso di mercoledì del presidente della Federal Reserve Jerome Powell che potrebbe fornire ulteriori informazioni sui futuri aumenti dei tassi.

Questo rialzo arriva dopo una giornata mista per le azioni. Il Nasdaq Composite ha perso lo 0,59% e l’S&P 500 lo 0,16%, terzo giorno negativo consecutivo. Il Dow Jones Industrial Average ha registrato un guadagno marginale, chiudendo in rialzo di 3,07 punti, o dello 0,01%.

Le azioni sono state appesantite dalla politica cinese zero-Covid e non sono riuscite a riprendersi completamente dalle perdite anche se il Paese ha annunciato passi verso la riapertura, come un aumento dei tassi di vaccinazione per gli anziani.

Gli investitori stanno osservando attentamente la Federal Reserve in vista della riunione di dicembre, dove si prevede che la banca centrale effettuerà un aumento del tasso di 0,5 punti percentuali, più contenuto dopo quattro aumenti consecutivi di 0,75 punti percentuali. Una pausa nei rialzi dei tassi o un pivot farebbe probabilmente salire i mercati.

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.