Boom del public cloud: +29% nel 2021

Niccolò Ellena

30 Giugno 2022 - 09:33

condividi

Secondo un report pubblicato da IDC il fatturato dello scorso anno nel settore del public cloud è arrivato a 406,6 miliardi a fronte 316,7 del 2020, un aumento che sembra non destinato a fermarsi

Boom del public cloud: +29% nel 2021

L’analista di mercato tecnologico IDC ha appena rilasciato un report che riassume e mette in evidenza le principali tendenze nel settore del public cloud nel 2021.

Secondo IDC, sono numerosi gli attori che si contendono questo mercato, poiché è in continua ascesa, e perciò molto remunerativo.
Stante ciò, ci sono cinque aziende che svettano sopra le altre, occupando il 40% del mercato; queste sono Amazon Web Services, Google, Microsoft, Sap e Salesforce.

In particolare Microsoft ha ottenuto la maggiore fetta di mercato con un market share del 14.4%, mentre Aws del 13,7%.

Grazie agli investimenti di queste imprese, ma anche di quelle che occupano la restante porzione di mercato, il settore del public cloud sta vivendo un momento particolarmente favorevole, il fatturato è infatti cresciuto del 29% rispetto all’anno precedente.

Com’è cambiato il settore del public cloud

La crescita del public cloud è sicuramente dovuta a una serie di fattori concomitanti. Allo stesso tempo, fra gli altri è possibile individuarne uno particolarmente rilevante in questo momento storico: in tempi di crisi le aziende e i singoli individui hanno bisogno di certezze.

La guerra in Ucraina ha innescato, a causa di tutti gli attacchi informatici ad essa connessa, la paura di poter perdere i propri dati, che oggi rappresentano una vera e propria memoria digitale.

Per questo motivo, sempre più persone decidono di affidarsi al public cloud che, sebbene sia più esposto per certi versi rispetto a un private cloud, può contare sull’attenzione e la manutenzione di esperti tecnici e ingegneri, cosa che non sempre si può dire di quelli privati.

Le performance di IaaS, PaaS e SaaS nel 2021

Tutti e tre i principali servizi di cloud, Infrastructure-as-a-Service (IaaS), Platform-as-a-Service (PaaS) e Software-as-a-Service (SaaS), hanno riportato ottime performance nell’anno 2021.

Il IaaS ha avuto una crescita del 35,6% nel 2021, passando da 67,3 miliardi di dollari a 91,3 miliardi; il PaaS ha avuto un aumento, seppur meno importante, del 16,7%, passando da 49,1 miliardi di dollari a 68,1 miliardi; e infine il SaaS, che ha avuto l’aumento più importante grazie alle applicazioni, è infatti passato 143,9 miliardi a 177,8 miliardi, con un aumento del 43,5%.

Nell’ambito dei SaaS, IDC ha deciso di fare una distinzione tra le applicazioni e i software per le infrastrutture di sistema: l’aumento del fatturato di questi ultimi è stato del 17,4%, arrivando così a 71,2 miliardi di dollari.

Com’è possibile vedere dunque, non solo il segmento Software-as-a-Service è quello che porta più guadagni, ma è anche quello che cresce con un ritmo più sostenuto.

Nel segmento delle applicazioni SaaS, un terzo del fatturato totale (177,8 miliardi), è portato dai cinque principali player, in particolare, Microsoft ha fatturato 19,3 miliardi di dollari, Salesforce 17,6 miliardi, Sap 8 miliardi, Oracle 6,4 miliardi e Google 6 miliardi.

Questi dati lasciano ben poco spazio all’immaginazione: nonostante ancora due terzi del mercato di questo segmento sia occupano da player «minori», le Big Tech si stanno gradualmente sempre più imponendo grazie ai loro investimenti in ambito tecnologico.

Argomenti

# Cloud

Iscriviti a Money.it