Bonus fiscali, si lavora alla riforma Irpef: dal taglio ai crediti d’imposta, le novità allo studio

Anna Maria D’Andrea

8 Aprile 2021 - 16:15

condividi

Bonus fiscali e riforma Irpef 2021: le Commissioni Finanze di Camera e Senato lavorano alla proposta da presentare in Parlamento. Dal taglio alla trasformazione delle detrazioni in crediti d’imposta, facciamo il punto sulle novità allo studio.

Bonus fiscali, si lavora alla riforma Irpef: dal taglio ai crediti d'imposta, le novità allo studio

Bonus fiscali al ritocco: la riforma Irpef attesa per il 2021 porterà con sé anche la trasformazione delle detrazioni fiscali.

Dopo anni di annunci, è in fase di definizione il piano di riordino delle tax expenditures.

Non tutti i bonus fiscali ad oggi vigenti potrebbero essere mantenuti dal prossimo anno e, per quelli che resteranno fruibili, potrebbe cambiare la modalità di utilizzo.

Arrivati ormai alle fasi finali del ciclo di audizioni sulla riforma dell’Irpef, i membri delle Commissioni Finanze di Camera e Senato lavorano al piano di revisione da trasmettere al Parlamento.

Secondo le ultime novità, per i bonus fiscali da mantenere si starebbe valutando la trasformazione in crediti d’imposta, con la creazione di una piattaforma che consentirebbe di utilizzarli in via immediata, secondo il modello adottato per il superbonus del 110%.

Bonus fiscali, si lavora alla riforma Irpef: dal taglio ai crediti d’imposta, le novità allo studio

Tra le diverse proposte presentate durante il ciclo di audizioni sulla riforma fiscale, la richiesta comune è stata di fare ordine tra la mole di bonus ad oggi vigenti.

Non solo detrazioni fiscali, ma anche regimi sostitutivi, come la cedolare secca e il regime forfettario, potrebbero quindi finire nel calderone delle agevolazioni a rischio cancellazione o riduzione.

Il motivo è collegato anche alla necessità di reperire risorse per la riforma dell’Irpef: ammonta a quasi 20 miliardi il costo complessivo stimato.

Ed è anche per questioni di risorse che la riforma Irpef 2021 potrebbe restituire una versione light dei bonus fiscali. Secondo quanto riportato dal Sole24Ore, gli sconti da aggredire consentirebbero di recuperare 15 miliardi, risorse da restituire ai contribuenti mediante una minore tassazione.

Ma non c’è solo il tema del taglio ai bonus Irpef all’attenzione delle Commissioni Finanze delle due Aule del Parlamento. Al pari di quanto previsto per il superbonus del 110%, si lavora alla trasformazione delle detrazioni fiscali in crediti d’imposta, da utilizzare in “tempo reale”.

Bonus Irpef trasformati in crediti d’imposta, nasce la moneta fiscale?

La stesura del progetto di riforma dell’Irpef terrà conto della proposta di creare una vera e propria moneta fiscale, allargando il meccanismo della cessione dei crediti anche ai bonus fiscali più comuni.

Si attendono dettagli più concreti per un’analisi esaustiva delle misure allo studio. Secondo le ultime anticipazioni fornite da Public Policy, si sta lavorando alla creazione di una piattaforma telematica per la gestione dei crediti fiscali.

Potrebbe quindi venir meno il meccanismo dei rimborsi Irpef in seguito alla presentazione della dichiarazione dei redditi, per essere sostituito da un meccanismo che agevoli l’utilizzo della somma spettante. In ogni caso, l’accesso ai bonus verrebbe legato all’obbligo di utilizzare mezzi di pagamento tracciabili, quali ad esempio carte o bancomat.

Sono queste le ultime notizie disponibili sulla riforma dell’Irpef.

Ulteriori dettagli emergeranno con la pubblicazione della proposta delle Commissioni Finanze. Il calendario delle audizioni prevede tre appuntamenti importanti: sarà audito il FMI, il Commissario Europeo all’Economia, Paolo Gentiloni e, in chiusura, il Ministro dell’Economia Daniele Franco.

Tre appuntamenti decisivi per delineare quello che sarà il destino dell’Irpef.

Argomenti

# IRPEF
# MEF

Iscriviti a Money.it