Bonus 300 euro e non solo: così la regione Lazio taglia le tasse e le bollette

Rosaria Imparato

30 Marzo 2022 - 16:58

condividi

Bonus 300 euro per pagare le bollette e agevolazioni su Irpef e Irap: vediamo in cosa consiste il pacchetto di aiuti del Lazio e a chi spetta questo taglio delle tasse e delle imposte.

Bonus 300 euro e non solo: così la regione Lazio taglia le tasse e le bollette

La regione Lazio mette a disposizione dei contribuenti un bonus di 300 euro per pagare le bollette, in modo da contrastare gli aumenti di gas e luce. Il pacchetto delle misure però comprende anche un taglio delle tasse, o meglio delle imposte (Irpef e Irap), e della tassa automobilistica regionale. Ma a chi spettano questi aiuti e come funzionano le nuove agevolazioni?

Il Consiglio regionale ha approvato la proposta di legge “Misure per la riduzione della pressione fiscale e incremento del fondo speciale di parte corrente”, col quale il Fondo taglia tasse arriva a quasi 300 milioni (296, per la precisione).

Questi nuovi sostegni regionali vanno ad aggiungersi al pacchetto di aiuti previsto dal Governo con il decreto Energia.

A chi spetta il bonus 300 euro contro il caro energia nel Lazio

Partiamo dagli aiuti contro il caro energia: la regione Lazio ha predisposto un bonus da 300 euro per pagare le bollette di gas e luce. Le tariffe sono in costante aumento da luglio 2021, e l’invasione russa dell’Ucraina ha contribuito a peggiorare la situazione.

Il bonus è pensato per le famiglie, in particolare per quelle con redditi tra i 35mila e i 40mila annui.

Rimane, tra gli aiuti da considerare, anche il bonus sociale, lo sconto automatico in bolletta, che dal 1° aprile verrà allargato: grazie al decreto Energia avranno accesso al bonus (solo fino al 31 dicembre 2022) i nuclei familiari con Isee fino a 12.000 euro.

Inoltre, dal 1° gennaio 2023 è previsto uno sconto del 5% sulla tassa automobilistica regionale.

Taglio Irpef: come funziona lo sconto delle tasse

La seconda parte degli aiuti da parte della regione Lazio riguarda il taglio di Irpef e Irap. Per quanto riguarda l’imposta sul reddito delle persone fisiche, le risorse del Fondo taglia tasse verranno usate per l’esenzione dell’addizionale Irpef per redditi fino a 35mila euro.

Viene bloccato l’aumento dell’1,6% previsto per il 2022 per tutti gli scaglioni di reddito successivi al primo da applicare sull’addizionale regionale.

Verrà applicata la sola aliquota ordinaria a:

  • tutti i soggetti con reddito non superiore a 35.000 euro;
  • le famiglie con reddito imponibile non superiore a 50.000 euro con tre o più figli a carico;
  • nuclei familiari con reddito imponibile non superiore a 50.000 euro con uno o più figli a carico disabili;
  • soggetti ultra 70enni portatori di handicap appartenenti a un nucleo familiare con reddito imponibile non superiore a 50.000 euro.

A chi spetta il taglio dell’Irap

Per quanto riguarda l’imposta regionale sulle attività produttive, la regione Lazio ha deciso che continuerà a non essere applicata la maggiorazione dello 0,92% per diversi soggetti, tra cui:

  • imprese femminili di nuova istituzione con valore della produzione netta non superiore a 100.000 euro;
  • imprese operanti nei comuni montani;
  • soggetti che operano nei settori cinematografici, teatrali o culturali;
  • le librerie;
  • le imprese istituite nel 2022 da parte di disoccupati over 50;
  • i soggetti operanti nel settore del trasporto passeggeri in aree urbane e suburbane;
  • le attività delle agenzie di viaggio e dei tour operator.

Iscriviti a Money.it