Bolsonaro in ospedale al termine dei disordini a Brasilia. Lula: «Assalto fascista»

Lorenzo Bagnato

10/01/2023

10/01/2023 - 14:55

condividi

Domenica tre edifici pubblici a Brasilia sono stati attaccati dai sostenitori dell’ex presidente del Brasile Jair Bolsonaro. Il nuovo presidente, Lula, ha detto che giustizia sarà fatta.

Bolsonaro in ospedale al termine dei disordini a Brasilia. Lula: «Assalto fascista»

Sette giorni dopo che il Brasile ha celebrato il suo nuovo presidente, dei disordini si sono verificati nelle strade della capitale, Brasilia. Migliaia di sostenitori dell’ex presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, hanno assalito tre edifici governativi, un evento che ricorda l’assalto del 2021 al Washington Capitol.

Bolsonaro ha perso le elezioni presidenziali di ottobre con un margine ristretto e senza cedere immediatamente al legittimo vincitore, Ignacio Lula da Silva. Lula, come è noto l’attuale presidente, è stato già leader del Brasile tra il 2003 e il 2010.

La sua vittoria ha segnato un ulteriore passo verso la sinistra per il continente sudamericano, poiché Bolsonaro è stato uno degli ultimi capi di governo di estrema destra nella regione. Bolsonaro era un forte sostenitore di Donald Trump, ex presidente degli Stati Uniti, e spesso adottò politiche simili.

Le posizioni di Bolsonaro sono state spesso controverse, in particolare sulla sua gestione della pandemia di Covid e sull’ulteriore deforestazione della Foresta Amazzonica. Al secondo turno elettorale, tuttavia, ha perso solo del 0.9%. In effetti, lo stesso Lula non è stato privato delle polemiche poiché era stato incarcerato per due anni con l’accusa di corruzione.

Il 1° gennaio, quando Lula ha prestato giuramento come presidente a Brasilia, Bolsonaro ha lasciato il Paese e si è stabilito in Florida, dove risiede tuttora.

Risposte alle rivolte

I disordini, avvenuti domenica, hanno preso di mira il Congresso nazionale, la Corte di Cassazione e il Palazzo Planalto (residenza presidenziale). Tutti gli edifici pubblici sono stati danneggiati all’esterno e all’interno, compresa la loro esposizione di opere d’arte.

L’obiettivo era probabilmente quello di abbattere il governo Lula appena formato, ma è stato prontamente bloccato dalle autorità.

Centinaia di persone sono state arrestate e, a partire da lunedì pomeriggio, 46 sono state ferite. Lula è subito intervenuto, dichiarando che si trattava di una protesta «fascista» che non resterà impunita. Il governatore del distretto della capitale è stato licenziato per non aver intrapreso le azioni necessarie per impedire l’accaduto.

Anche le compagnie di autobus che hanno portato i rivoltosi a Brasilia dovranno affrontare conseguenze legali.

Lula, al momento dell’aggressione, non era a Brasilia ma a San Paolo. E Bolsonaro? L’uomo per il quale è successo tutto questo?

L’ex presidente Jair Bolsonaro è rimasto negli Stati Uniti, di fatto denunciando le rivolte su Twitter. Ha dichiarato che le manifestazioni sono il segno di una democrazia funzionante, ma non quando diventano violente.

Poi, lunedì pomeriggio, Bolsonaro è stato ricoverato per dolori addominali, ma non si hanno ancora informazioni sufficienti sulle sue condizioni.

In ogni caso, Bolsonaro dovrà probabilmente affrontare la Corte Suprema per questi disordini e potrebbe vedersi revocare il visto americano in qualsiasi momento.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2023-01-09 19:42:22. Titolo originale: Bolsonaro in Hospital as Riots in Brasilia come to an end. Lula: “Fascist Assault”

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it