Bollette: 10 trucchi per risparmiare fino a 225 euro all’anno

12 Marzo 2022 - 11:15

12 Marzo 2022 - 11:17

condividi

Come fare per pagare meno le bollette? Di seguito 10 trucchi per risparmiare fino a 225 euro all’anno.

Bollette: 10 trucchi per risparmiare fino a 225 euro all'anno

Le bollette continuano ad aumentare, e anche se è previsto l’ennesimo decreto “cuscinetto” sulle utenze, adottando alcuni accorgimenti è possibile arrivare a risparmiare fino a 225 euro.

Alcuni trucchi sono semplici accortezze, altri invece prevedono investimenti più onerosi (come la sostituzione di vecchi impianti di riscaldamento o degli infissi, usando l’ecobonus o il superbonus 110%) ma che alla lunga portano grandi risparmi sulle bollette.

Gli aumenti sui costi delle bollette sono iniziati da luglio 2021, e non si sono mai fermati. Le tariffe delle utenze vengono ricalcolate ogni tre mesi, tenendo conto di fattori come il costo delle materie prime e l’andamento dei mercati internazionali. Il Governo è intervenuto seguendo il calendario trimestrale degli aumenti, ma si è sempre trattato di misure palliative.

L’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina è stata l’ultima goccia: i prezzi del gas sono triplicati, con conseguenze non solo sulle bollette ma anche sui carburanti. Vediamo quindi 10 trucchi per risparmiare sulle utenze, in attesa del nuovo decreto.

Bollette: 10 trucchi per risparmiare

Come risparmiare fino a 225 euro all’anno tagliando le spese sulle bollette? Il principio in linea generale da seguire è quello di azzerare gli sprechi ed evitare consumi superflui. A dare alcuni consigli è Consumerismo no profit, che ha pubblicato un decalogo per risparmiare sulle utenze.

Da un uso saggio degli apparecchi elettronici alla scelta della tariffa più conveniente e adatta alle proprie esigenze, vediamo 10 trucchi per spendere meno.

1) Quando avviare gli elettrodomestici?

Un buon modo per iniziare a risparmiare sui costi delle utenze è avviare gli elettrodomestici ad alto consumo quando le tariffe elettriche sono più basse. Due i momenti propizi:

  • nelle ore serali;
  • nel fine settimana.

Per quanto riguarda il riscaldamento, sarebbe bene accendere i termosifoni solo nelle ore più fredde, evitando di metterci i vestiti sopra. La sera poi è buona abitudine schermare le finestre chiudendo gli scuri o abbassando le tapparelle.

2) I consigli per la lavatrice

Oltre ad avviare la lavatrice nel weekend o di sera per risparmiare, ci sono degli altri accorgimenti da seguire. Per esempio:

  • abbassare la temperatura del lavaggio a 60° comporta un risparmio di circa 3 euro a bolletta;
  • sostituire il prelavaggio avviando la lavatrice per una decina di minuti per poi spegnerla e lasciare i panni in ammollo per un’ora fa risparmiare 1/3 del consumo elettrico.

3) Togliere sempre lo standby agli elettrodomestici

Un altro accorgimento per risparmiare è quello di togliere lo standby agli elettrodomestici. Sembra un comportamento trascurabile, ma in realtà staccare la spina del caricabatteria quando non si usa quell’elettrodomestico comporta un risparmio fino a 56 euro all’anno.

E questo è valido non solo per il caricabatterie del telefono, ma anche la macchina del caffè, il computer, il forno a microonde, lo spazzolino elettrico con la lucina accesa.

Una soluzione sarebbe usare le prese multiple, in modo da spegnere contemporaneamente tutti gli elettrodomestici collegati.

Per il PC è utile:

  • usare la funzione “risparmio energetico”;
  • eliminare la funzione salvaschermo;
  • ridurre la luminosità dello schermo;
  • mettere in stop i dischi rigidi quando non sono in uso.

4) Occhio al frigorifero

Ci sono varie accortezze da poter seguire per risparmiare con un uso saggio del frigorifero:

  • mantenerlo distanziato di almeno 20 cm dalla parete, per favorire l’aerazione;
  • non riempirlo eccessivamente;
  • regolare la temperatura sui 6°C.

Con questi semplici accorgimenti e scegliendo modelli a elevato risparmio energetico si riesce a risparmiare fino a 23 euro l’anno.

5) Spegnere la luce

Quando si esce da una stanza, anche se ci si deve tornare dopo pochi minuti, è sempre meglio spegnere la luce. Un’ottima abitudine è quella di sfruttare la luce del sole fin quando è possibile e spegnere le luci nelle stanze non occupate: due accortezze che se valutate per tutto l’anno e moltiplicate per tutti i componenti della famiglia hanno un certo peso.

Inoltre, sarebbe meglio utilizzare lampadine a risparmio energetico. Con questi accorgimenti il risparmio arriva fino a 30 euro all’anno.

6) Guardare la TV nel modo giusto

Non ci avremmo mai pensato, ma in realtà si può risparmiare sulla bolletta anche guardando la TV nel modo giusto.

Bisogna calibrare adeguatamente colori e luminosità e usare la funzione eco-mode per ridurre automaticamente i consumi del 20%.

7) Condizionatore solo se necessario

Le estati sono sempre più torride ma non per questo bisogna creare un micro-clima polare in casa o in ufficio. Il condizionatore va usato solo se necessario e comunque impostato sulla giusta temperatura, preferendo il deumidificatore che abbassa i consumi.

Vanno poi puliti i filtri del condizionatore, ma tutto ciò non serve a molto se le finestre non sono chiuse, isolando la casa. In questo modo il risparmio annuo è di circa 50 euro.

8) I consigli per la lavastoviglie

Anche per la lavastoviglie, così come per la lavatrice, sono vari i comportamenti che comportano una buona media di risparmio sulla bolletta. Oltre a scegliere un modello di classe energetica A+++ (che fa risparmiare fino a 30 euro all’anno), si può:

  • evitare i programmi troppo lunghi che consumano troppa elettricità;
  • preferire il programma ecologico;
  • riempire al massimo il cestello;
  • non usare troppo detersivo;
  • eliminare i residui di cibo prima di mettere i piatti nel cestello.

Questi piccoli accorgimenti faranno sprecare meno acqua e corrente, così da ottenere un risparmio fino a 18 euro all’anno.

9) Come usare l’aspirapolvere

Per risparmiare anche quando passiamo l’aspirapolvere bisogna spegnerlo durante i tempi morti delle pulizie che non richiedono aspirazione. Inoltre è meglio evitare la funzione turbo che aumenta il dispendio energetico.

10) Scegliere la tariffa

Infine, per mettersi al riparo dall’aumento dei costi delle bollette si può cambiare la propria tariffa, scegliendo di rivolgersi al mercato libero.

Gli utenti possono scegliere dei contratti di fornitura con un prezzo fisso, così da risparmiare. Le offerte si possono consultare sul Portale di ARERA, inoltre è bene ricordare che il passaggio da un operatore all’altro è gratuito.

Iscriviti a Money.it