Bce alla prova del fuoco: rialzo tassi, ma di quanto? Cosa aspettarsi

Violetta Silvestri

16 Luglio 2022 - 13:27

condividi

La riunione Bce si avvicina in uno dei momenti più delicati della storia economica dell’Europa. In bilico tra inflazione e recessione, la banca potrebbe essere meno aggressiva: cosa deciderà?

Bce alla prova del fuoco: rialzo tassi, ma di quanto? Cosa aspettarsi

Si diffondono i timori degli investitori sulla prossima riunione Bce: la possibilità di aumentare i tassi di interesse si esaurirà prima ancora di iniziare?

Combattendo l’inflazione più rapida dall’introduzione dell’euro, i funzionari hanno in programma di dare il via a un ciclo sostenuto di rialzi giovedì 21 luglio, con un aumento di un quarto di punto, il primo dal 2011.

Tuttavia, mentre i trader digeriscono una possibile interruzione delle forniture energetiche russe all’Europa, una nuova tempesta politica in Italia e un’economia che vacilla sull’orlo della recessione, le aspettative su quanto la Bce possa spingersi lontano stanno già diminuendo. Le scommesse ribassiste sull’euro sono vicine ai livelli visti quando la pandemia ha colpito nel 2020.

Cosa farà la Bce nelle prossime riunioni?

La Bce sta già seguendo la Federal Reserve nell’aumentare i costi finanziari, mentre affronta il più forte aumento dei prezzi in una generazione, una divergenza che ha portato l’euro al di sotto della parità con il dollaro per la prima volta in due decenni questa settimana.

Secondo Nomura Holdings e BCA Research, lo shock derivante dall’arresto dei flussi di gas e da un ritmo ancora più lento di inasprimento rischia di trascinare la valuta comune fino a $0,9.

Per Dominic Bunning, senior stratega dei cambi presso HSBC Holdings Plc, i responsabili politici potrebbero avere difficoltà a fare progressi significativi nei prossimi mesi. “Penseresti che forse possono arrivare allo 0,5% all’inizio del prossimo anno, ma la finestra si sta chiudendo molto velocemente”, ha detto. “L’Europa sta rallentando indipendentemente da ciò che sta facendo la Bce.”

Gli operatori stanno ora valutando un inasprimento di 155 punti base entro la fine dell’anno, in calo rispetto a un picco di oltre 190 punti base a metà giugno.

Sebbene ci siano state alcune richieste dall’interno della Bce di iniziare con un passo di mezzo punto più energico, ciò è considerato improbabile in quanto contraddirebbe le indicazioni e potrebbe danneggiare la credibilità. Un aumento di quelle dimensioni rimane il caso base per settembre, con l’attenzione dei trader che si sposta su ciò che verrà dopo.

La chiave su come la Bce procederà sarà un nuovo strumento per spegnere i nervosismi ingiustificati sui mercati dei titoli di Stato, quando i costi di finanziamento aumentano. Il lavoro sul backstop, che dovrebbe essere svelato nella riunione della prossima settimana, è stato intensificato il mese scorso dopo che un aumento dei rendimenti nell’Italia indebitata ha evocato ricordi della crisi del debito sovrano della zona euro.

Gli investitori sono altrettanto preoccupati per le prospettive per l’energia. Le fortune economiche del continente dipendono dal fatto che le forniture di gas naturale dalla Russia riprendano dopo la manutenzione di un gasdotto chiave che dovrebbe terminare giovedì.

Le previsioni di crescita dell’Eurozona sono già state tagliate. La regione ora deve affrontare un’espansione significativamente più lenta e uno shock sul costo della vita più grande e duraturo rispetto a soli due mesi fa, ha affermato questa settimana la Commissione europea.

L’euro sta riflettendo quelle prospettive cupe, con il suo declino che complica la lotta della Bce con l’inflazione che ora è più di quattro volte l’obiettivo del 2%.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.