Baratto amministrativo: cos’è, come funziona e in quali Comuni è attivo

Al via il baratto amministrativo: i cittadini potranno saldare i debiti fiscali nei confronti dei Comuni lavorando gratuitamente per l’Amministrazione. Vediamo cos’è, dove è attivo e come funziona.

Baratto amministrativo: cos'è, come funziona e in quali Comuni è attivo

Si torna a parlare di baratto amministrativo: il Comitato per il Verde Pubblico del Ministero per l’Ambiente, con la delibera n. 27 del 2018 dà il via libera alla possibilità di lavorare gratuitamente per il Comune per pagare i propri debiti fiscali.

Il baratto amministrativo è stato introdotto dal Decreto Sblocca Italia del 2014 e consiste nella possibilità per i contribuenti in difficoltà economica di barattare il pagamento delle imposte locali, come Imu, Tasi e Tari, con lo svolgimento di lavori di pubblica utilità.

Ad oggi, tuttavia, sono pochi i Comuni in cui è attivo e sono altrettanto pochi i cittadini che sanno cos’è il baratto amministrativo e come funziona la legge che prevede la possibilità di pagare le tasse e i debiti con i lavori socialmente utili.

Cos’è il baratto amministrativo

Il baratto amministrativo è stato introdotto in Italia dal 2014, grazie al Decreto Sblocca Italia al fine di agevolare la partecipazione delle comunità locali alla valorizzazione e alla tutela del territorio.

Il baratto amministrativo rappresenta una delle più recenti misure di promozione della sussidiarietà orizzontale e, per chi si chiede cos’è, è possibile definirlo come uno “scambio di servizi” tra Comune e cittadini.

In pratica, nel caso di tasse scadute e non saldate di competenza del Comune (come Imu, Tasi e Tari) è possibile ottenere uno sgravio dell’importo dovuto offrendo il proprio lavoro a favore della comunità.

Criteri, regole e condizioni per la realizzazione degli interventi devono essere stabiliti con delibera del Comune e, in sostanza, i cittadini possono pagare le tasse lavorando a titolo gratuito per il proprio territorio offrendo servizi di manutenzione, pulizie, abbellimento di aree verdi, piazze o strade del territorio urbano o extraurbano.

I lavori socialmente utili consentiranno, per un periodo limitato di tempo e per specifici tributi, l’esenzione dal versamento delle imposte.

Come funziona e in quali comuni è attivo il baratto amministrativo

A stabilire le regole sul funzionamento del baratto amministrativo è la delibera di ciascun Comune, con il quale devono essere definiti limiti e criteri per accedere allo scambio di servizi tra cittadini e Ente Locale.

A sottolinearlo è anche la delibera n. 27 del Comitato per lo Sviluppo del Verde Pubblico. In generale, i requisiti per ottenere l’esenzione del pagamento di tasse e imposte locali riguardano sia la residenza che il reddito e l’importo del debito comunale del cittadino.

Ma quali sono i comuni che hanno già adottato delibere per dare il via al baratto amministrativo? Ad oggi sono soprattutto i piccoli centri ad avervi aderito, nonché alcune delle grandi città italiane, come Bari.

Negli scorsi anni era stato avviato anche a Milano, con la delibera del Comune che prevedeva specifici requisiti per i cittadini (e criteri per la determinazione del punteggio della graduatoria) e in merito alle attività di pubblica utilità da svolgere.

Ancora al palo, invece, il Comune di Roma, nonostante siano in molti i cittadini riuniti in comitati ad aver richiesto di poter beneficiare del baratto amministrativo per saldare i debiti relativi a imposte e tasse locali.

Perché il baratto amministrativo non decolla

Quello che in molti si chiedono è perché i comuni siano restii a dare il via al baratto amministrativo. Se per i cittadini si tratta di un’opportunità che comporta un vantaggio per tutte e due le parti in gioco (comunità e Amministrazione Locale), così non è per gli Enti territoriali.

Azzerare i debiti dei cittadini che svolgono lavori di pubblica utilità comporta un inevitabile ammanco nel bilancio locale. Proprio per questo, è lo stesso Comitato tenuto presso il Ministero a ribadire come il baratto amministrativo debba essere attivato in “maniera scientifica”, stimando preventivamente le minori entrate previste al fine del mantenimento dell’equilibrio di bilancio.

A tal proposito, viene sottolineato come tra le attività di pubblica utilità ammesse al baratto debbano esserci esclusivamente lavori già previsti e finanziati in bilancio.

Iscriviti alla newsletter "Fisco" per ricevere le news su Fisco e Tasse

Argomenti:

Imposte Fisco e Tasse

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.