Bank of England non cambia tassi e Qe, ma la ripresa è incerta

Violetta Silvestri

18 Marzo 2021 - 14:56

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Si è pronunciata anche Bank of England: prospettive ancora incerte per la ripresa, cosa aspettarsi nel Regno Unito?

Bank of England non cambia tassi e Qe, ma la ripresa è incerta

Bank of England mantiene tassi inalterati e gli stimoli di politica monetaria finora attuati, senza cambiare la dotazione del suo Qe.

Queste le decisioni dell’incontro del 18 marzo, che arriva dopo quelli di BCE e di Fed, in una settimana osservata speciale proprio per le indicazioni delle più importanti banche centrali.

Quali previsioni per la crescita del Regno Unito? Stando alle dichiarazioni del governatore Bailey, il ritmo elevato delle vaccinazioni non basterà a schiarire i cieli cupi della crisi.

Cosa aspettarsi, quindi, per il rilancio del Regno Unito?

BoE: le decisioni per il Regno Unito

La Banca d’Inghilterra ha mantenuto il ritmo dei suoi stimoli per l’economia inglese, affermando che le prospettive rimangono insolitamente incerte.

Pertanto, BoE non irrigidirà la politica monetaria fino a quando non ci saranno prove evidenti di una ripresa.

La banca centrale non ha apportato modifiche al suo obiettivo di acquisto di obbligazioni di 895 miliardi di sterline ($ 1,2 trilioni) e ha lasciato il tasso di prestito di riferimento al minimo storico dello 0,1%. Continuerà a pompare circa 4,4 miliardi di sterline a settimana nei mercati acquistando debito.

Le prospettive del Regno Unito stanno iniziando a migliorare con una rapida campagna di vaccinazione e a seguito della decisione del Governo di estendere i pagamenti di licenziamento a coloro che sono rimasti disoccupati causa Covid.

Il governatore Andrew Bailey sta bilanciando questi segnali positivi con la quasi certezza di una forte contrazione nel primo trimestre e stime di disoccupazione verso il picco.

“Le prospettive per l’economia, e in particolare il movimento relativo della domanda e dell’offerta durante la ripresa dalla pandemia, rimangono insolitamente incerte, ha dichiarato la banca.

Previsioni economiche per il Regno Unito

Il Regno Unito ha goduto di una serie di notizie economiche positive dall’ultima riunione BoE di febbraio.

La produzione è diminuita meno bruscamente del previsto a gennaio e il Cancelliere dello Scacchiere Rishi Sunak ha fornito una dose di stimolo fiscale all’inizio di questo mese.

Il primo ministro Boris Johnson prevede di revocare la maggior parte delle regole di blocco entro la metà dell’anno, consentendo ai negozi di aprire ad aprile.

Esistono, comunque, anche rischi sostanziali. Gli sforzi di vaccinazione stanno rallentando nell’Europa continentale. Inoltre, il commercio della Gran Bretagna con l’Unione europea è precipitato nel primo mese del post-Brexit. Mentre Johnson lo descrive come un «dolore iniziale» che presto passerà, i dati indicano un calo sostenuto delle merci che attraversano il Canale della Manica.

L’inflazione è vista in crescita dopo essere rimasta ben al di sotto dell’obiettivo del 2% della BoE per 1 anno e mezzo.

La disoccupazione, che ha registrato il 5,1% nei tre mesi fino a gennaio, è stimata in media del 6,5% quest’anno, secondo le previsioni Bank of England.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories