Banche europee: il 2020 l’anno peggiore dell’ultimo decennio

Violetta Silvestri

10/02/2021

10/02/2021 - 15:47

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Per le banche europee il 2020 si è archiviato come il peggiore anno da almeno un decennio. L’effetto pandemia si è abbattuto sugli istituti di credito: cosa aspettarsi?

Banche europee: il 2020 l'anno peggiore dell'ultimo decennio

Le banche europee hanno vissuto il loro anno peggiore da un decennio nel 2020 colpito, e sconvolto, dalla pandemia.

I profitti dei 19 principali istituti di credito dell’UE che hanno pubblicato i risultati sono infatti scesi sotto i 10 miliardi di euro per la prima volta da quando Bloomberg Intelligence ha iniziato a raccogliere i dati nel 2010.

Il 2021 è visto con maggiore speranza, soprattutto in termini di ripresa dei pagamenti dei dividendi e di un calo dei livelli di accantonamento per perdite sui prestiti.

Tuttavia, il rischio NPL non è stato ancora eliminato e per le banche europee si mantiene un ottimismo cauto.

Banche europee: bilancio amaro nel 2020

Con risultati commerciali poco brillanti in Europa, l’impennata degli accantonamenti per perdite su prestiti è stata al centro della pessima performance delle banche del continente.

Gli istituti di credito hanno accantonato 47,4 miliardi di euro per proteggersi dalle insolvenze dei mutuatari, rispetto ai soli 25,9 miliardi di euro dell’anno precedente.

Non solo, gli investitori hanno rivisto al ribasso anche le azioni: il loro rapporto aggregato prezzo/valore contabile è sceso a 0,54 alla fine del 2020, rispetto allo 0,74 di inizio anno, secondo i dati compilati da Bloomberg.

La crisi economica ha anche rallentato gli sforzi delle banche per ridurre i crediti inesigibili esistenti. ABN Amro Bank NV, per esempio, ha demolito il suo dividendo per il 2020 poiché un profitto inaspettato di circa 54 milioni di euro nel quarto trimestre non era sufficiente a salvare il prestatore olandese dal suo primo risultato negativo dal 2010.

Tuttavia, le prospettive future sono più rosee dell’anno appena trascorso.

Gli analisti di Bloomberg hanno sottolineato:

“Anche se i rapporti sui prestiti in sofferenza potrebbero raggiungere il picco nel 2021, riteniamo che il costo del rischio potrebbe iniziare a normalizzarsi...con le prospettive di pagamento degli azionisti una volta che il limite della BCE verrà rimosso a settembre”

Cosa aspettarsi nel 2021 per il settore banche UE?

Se il 2020 è stato un anno nero e da dimenticare per comparto bancario europeo, quello appena iniziato potrebbe riservare sorprese positive.

Istituti come Société Générale, BNP Paribas e Banco Santander hanno proposto di riprendere i pagamenti agli azionisti poiché si prevede che gli accantonamenti per le perdite sui prestiti diminuiranno e gli sforzi per ridurre i costi iniziano dare frutti.

Société Générale ha stimato un pagamento iniziale di 470 milioni di euro agli azionisti, mentre Santander ha proposto 0,10 per azione.

Il Banco Bilbao Vizcaya Argentaria prevede di riacquistare circa il 10% delle sue azioni e di tornare alla sua politica di dividendi pre-crisi grazie anche alla vendita della sua unità statunitense che ha generato circa 8,5 miliardi di euro di capitale in eccesso.

Deutsche Bank ha evitato i miliardi di euro di oneri di ristrutturazione che aveva contabilizzato negli anni precedenti, consentendo al boom della sua unità di trading di spingerla al suo primo profitto annuale in sei anni.

Dopo aver riportato risultati annuali pessimi, molte banche hanno annunciato un calo delle riserve di credito quest’anno e un buon inizio del primo trimestre.

Un indice delle azioni delle banche europee ha sovraperformato finora nel 2021, guadagnando il 6% contro il 3% del benchmark.

Tutti segnali che fanno ben sperare le banche europee nel 2021, atteso da tutti i settori come l’anno della ripresa.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories