Ferrari giù dopo la trimestrale: cosa hanno svelato i conti?

Violetta Silvestri

02/02/2021

11/05/2021 - 17:46

condividi

Azioni Ferrari in netta flessione a Piazza Affari dopo la pubblicazione della trimestrale. Tutti i conti del 2020 e le previsioni 2021 del Cavallino Rampante.

Ferrari giù dopo la trimestrale: cosa hanno svelato i conti?

Azioni Ferrari osservate speciali in Borsa dopo la pubblicazione della trimestrale.

Il Cavallino Rampante ha archiviato il 2020 senza accendere troppo i motori dell’entusiasmo a Piazza Affari, nonostante un ottimo quarto trimestre con utile netto a +58% rispetto al 2019.

Le azioni Ferrari si sono indebolite in seguito ai conti economici: le perdite per il titolo sono state anche dell’1,50%.

Ferrari corre nel quarto trimestre 2020

I numeri più soddisfacenti della trimestrale Ferrari sono stati quelli provenienti dagli ultimi tre mesi del 2020.

Nel quarto trimestre, infatti, la società di Maranello ha evidenziato un utile netto di 263 milioni di euro, aumentato del 58% in confronto con lo stesso periodo del 2019. Il dato netto adjusted si è attestato a 188 milioni di euro, battendo le stime Factset a 181 milioni di euro e superando la soglia del quarto trimestre precedente a 166 milioni del quarto trimestre 2019.

Sul fronte dei ricavi netti Ferrari ha incassato 1,069 miliardi di euro (1,061 miliardi la stima del consenso), crescendo rispetto ai 927 milioni dello stesso periodo 2019.

Anche le auto consegnate hanno avuto un buon andamento nel quarto trimestre: +13%, pari a 2.679 veicoli.

L’ebitda ha avuto un ammontare di 372 milioni, superando i 333 milioni di euro nel trimestre 2019 e le stime a 371 milioni di euro.

Le azioni Ferrari continuano a scambiare al ribasso, a fronte soprattutto di numeri in calo nell’intero anno 2020 e di poche certezze per il 2021. Al momento in cui si scrive il titolo sta perdendo lo 0,14% a 176,15 euro per azione.

In frenata i dati dell’intero 2020

Il Cavallino Rampante non ha messo il turbo, in generale, nell’anno 2020. I conti economici dell’esercizio annuale, infatti, hanno mostrato segnali di flessione causati anche dai segni della pandemia.

Nello specifico, i ricavi, sono stati pari a 3,46 miliardi di euro, l’8% in meno rispetto ai 3,77 miliardi del 2019. Da sottolineare, comunque, che la guidance è stata soddisfatta, visto che prevedeva ricavi superiori ai 3,4 miliardi di euro.

L’utile netto ha chiuso in ribasso confrontandosi con l’anno precedente: nel 2020 è stato pari a 609 milioni di euro, superiore alle stime, ma in diminuzione del 12,9% rispetto al 2019.

In calo i veicoli consegnati nell’arco annuale: 9.119 rispetto ai 10.131 del 2019, con un ribasso del 10%. Su questo dato, particolarmente influente è stata la sospensione della produzione di oltre due mesi nel primo semestre 2020 e la chiusura dei concessionari per le restrizioni Covid.

A fine 2020, l’indebitamento industriale netto ha raggiunto il valore di 543 milioni di euro,aumentando rispetto ai 337 milioni del 31 dicembre 2019. Ferrari ha riacquistato azioni proprie per 130 milioni di euro, con dividendi erogati dal valore di pari 212 milioni di euro.

In data 31 dicembre 2020 l’azienda aveva liquidità pari a 2,062 miliardi (1,879 miliardi al 30 settembre 2020), comprese linee di credito committed inutilizzate per 700 milioni.

Sebbene i target aziendali della guidance siano stati centrati, i dati economici dell’intero 2020 hanno comunque mostrato la flessione, spingendo in basso le azioni Ferrari.

Ferrari: quali obiettivi nel 2021?

Le prospettive 2021 sono legate anche allo scenario pandemico, ha sottolineato l’azienda.

Nella nota, Ferrari ha infatti specificato che l’outlook dell’anno in corso si bsa sul presupposto che “l’operatività non sia impattata da ulteriori restrizioni dovute alla pandemia e assumendo un core business sostenuto da volumi e mix, ricavi da attività legate alla Formula 1 in linea con il calendario di gare annunciato e il posizionamento nel campionato del 2020, le attività legate al marchio condizionate dall’evoluzione del Covid-19, le spese operative e di marketing in graduale aumento”

Da Maranello hanno indicato queste attese, puntando a un recupero come già evidente nel quarto trimestre 2020: ricavi a 4,3 miliardi; ebitda adjusted tra 1,45 e 1,5 miliardi; ebit adjusted tra 0,97 e 1,02 miliardi; free cash flow industriale a 350 milioni.

I target 2021 non avrebbero entusiasmato le aspettative di mercato, che hanno visto le azioni Ferrari cadere dopo la trimestrale.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.