Banca IFIS affonda: l’ad sfiduciato a sorpresa dopo 25 anni

Cristiana Gagliarducci

11 Marzo 2019 - 10:21

condividi

Terremoto in Banca IFIS: l’amministratore delegato Bossi è stato sfiduciato e il titolo è stato sospeso per eccesso di ribasso. Cosa sta accadendo?

Azioni Banca IFIS sospese per eccesso di ribasso dopo la cacciata a sorpresa dell’amministratore delegato Giovanni Bossi.

La decisione era stata anticipata al diretto interessato già l’8 marzo scorso con un comunicato in cui era stata resa nota la decisione di non volerlo presentare nella lista per il rinnovo del Cda.

Venticinque anni di servizio non sono bastati a Fürstenberg, l’azionista di riferimento secondo cui in serata verrà reso noto il nome del nuovo amministratore delegato di Banca IFIS, le cui azioni sono intanto sprofondate in Borsa tanto da essere sospese per eccesso di ribasso.

Azioni Banca IFIS crollano: l’accaduto

L’azionista di riferimento Sebastien Egon Fürstenberg ha comunicato, tramite il suo veicolo finanziario La Scogliera, che non riproporrà l’ad Bossi alla guida di Banca IFIS in occasione del prossimo rinnovo del Consiglio di amministrazione, che verrà studiato nell’assemblea del 19 aprile.

Nella serata di oggi, lunedì 11 marzo, invece, La Scoglierà renderà noto il nome del sostituto che prenderà le redini della banca fino al 2021. Una personalità che, per utilizzare le stesse parole dell’azionista di riferimento:

“vanta una lunga e composita esperienza nel settore, sia nell’ambito di importanti banche commerciali che nell’ambito di banca d’affari. I consiglieri che affiancheranno l’ad nel corso del triennio, inseriti nella lista di maggioranza, sono di primario standing e idonei ad assicurare il livello di professionalità, competenza e conoscenza richiesto ai fini di una composizione ottimale del CdA”.

Cosa accadrà adesso?

Il nuovo amministratore delegato di Banca IFIS, le cui azioni stanno continuando a registrare ribassi a doppia cifra percentuale, sarà inserito nei candidati componenti la lista di maggioranza che verrà depositata in settimana.

Per evitare strappi improvvisi, Bossi continuerà a guidare l’istituto fino al 19 aprile, giorno in cui lascerà ufficialmente il posto dopo 25 anni di servizio.

Da quel momento in poi Banca IFIS e i suoi nuovi vertici lavoreranno al

“consolidamento e razionalizzazione della crescita per linee esterne efficacemente realizzata negli ultimi anni, con particolare riferimento al prosieguo dell’attività core legata all’acquisto, la gestione e il recupero degli NPL, allo sviluppo dell’attività internazionale già presente in alcune componenti del Gruppo ma con ampi margini di crescita nonché ad una rinnovata attenzione alle nuove tecnologie a supporto del business.”

Fondamentale sarà poi sia lo studio dei costi dell’istituto, che dovranno ovviamente essere ridotti. Tutti obiettivi di un certo spessore che verranno tuttavia perseguiti senza l’ad Bossi. Alle azioni Banca IFIS il terremoto nella governance non è piaciuto: in avvio di seduta, e dopo aver registrato ribassi superiori al 12%, il titolo è stato sospeso.

Argomenti

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.