COVID-19, avviso di garanzia a Conte e sei Ministri: cosa rischiano?

I PM di Roma hanno inoltrato un avviso di garanzia a Giuseppe Conte e a sei Ministri: avviate le indagini per la verifica di come il Governo ha gestito la pandemia.

COVID-19, avviso di garanzia a Conte e sei Ministri: cosa rischiano?

COVID-19 e lockdown: avviso di garanzia recapitato dai PM di Roma nei confronti del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e di altri sei ministri del suo Governo (Bonafede, Di Maio, Speranza, Lamorgese, Gualtieri, Guerini).

A darne comunicazione una nota pubblicata dalla Presidenza del Consiglio, con la quale viene comunicata la trasmissione al Tribunale dei Ministri degli atti di un procedimento nato a causa delle varie denunce provenienti da soggetti di varie parti d’Italia e che riguardano il modo con cui dal Governo è stata gestita la pandemia da COVID-19.

Un atto dovuto, con Conte e i Ministri interessati che si sono detti disponibili fin da subito a “fornire ai magistrati ogni elemento utile per completare l’iter procedimentale, in uno spirito di massima collaborazione”.

Avviso di garanzia a Conte e sei ministri: cosa significa?

L’avviso di garanzia è l’atto disposto dal pubblico ministero durante le indagini investigative. Questo viene notificato sia alla persona indagata quanto a colui che è stato danneggiato dal reato in ogni caso in cui la procura ritiene sia necessario lo svolgimento di un atto garantito, di un’indagine in cui per legge è richiesta la presenza dell’avvocato della parte.

Attenzione: il fatto che a Giuseppe Conte e a parte del Governo sia stato recapitato un avviso di garanzia non significa che questo sia colpevole, o comunque sospettato. Si tratta, infatti, solamente di una comunicazione riguardo al coinvolgimento dell’indagine, con le Forze dell’Ordine che avranno il compito di procedere per fare chiarezza e valutare se ci siano prove di colpevolezza.

Avviso di garanzia: cosa rischia Giuseppe Conte e i Ministri interessati?

L’avviso di garanzia è stato inoltrato al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e ad altri sei ministri, quali:

  • Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede;
  • Ministro degli Esteri Luigi Di Maio;
  • Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri;
  • Ministro della Difesa Lorenzo Guerini;
  • Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese;
  • Ministro della Salute Alfonso Bonafede.

Si tratta comunque di un atto dovuto: i PM, infatti, non potevano esimersi dall’avviare un’indagine che vedrà coinvolte le persone appena citate viste le numerose denunce presentate ai loro danni con oggetto la gestione della pandemia da COVID-19. Nel dettaglio, i reati contestati dalle varie denunce arrivate da varie parti d’Italia sono:

  • epidemia;
  • delitti colposi contro la salute;
  • omicidio colposo;
  • abuso d’ufficio;
  • attentato contro la Costituzione;
  • attentato contro i diritti politici del cittadino.

In ogni caso non ci dovrebbero essere conseguenze per Giuseppe Conte e per i Ministri interessati. Come si legge dalla nota di Palazzo Chigi, infatti, la Procura di Roma chiederà l’archiviazione. L’avviso di garanzia, infatti, è stato “un atto dovuto” e, come specificato dall’Ufficio della Procura, si ritiene che le notizie di testo siano “infondate” e dunque da “archiviare”.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories