Autotrasportatori, importi deduzioni forfettarie 2018. Novità dal MEF

Sono stati pubblicati dal MEF il 16 luglio 2018 gli importi delle agevolazioni fiscali per autotrasportatori nel 2018, tra deduzioni forfettarie e recupero del contributo versato al SSN.

Autotrasportatori, importi deduzioni forfettarie 2018. Novità dal MEF

Agevolazioni fiscali risicate per gli autotrasportatori che, nel 2018, dovranno accontentarsi di un importo inferiore di deduzioni forfettarie.

A comunicare gli importi delle agevolazioni riconosciute nel 2018, in relazione al periodo d’imposta 2017, è il comunicato stampa pubblicato dal MEF il 16 luglio 2018, seguito dal comunicato dell’Agenzia delle Entrate contenete le istruzioni per la compilazione della dichiarazione dei redditi.

Accanto alla deduzione forfettaria riconosciuta su base giornaliera in base all’effettuazione di trasporti, gli autotrasportatori e le imprese di autotrasporto di merci possono recuperare nel 2018 una parte del contributo al SSN versato sui premi di assicurazione.

Di seguito i dettagli e gli importi riconosciuti.

Agevolazioni autotrasportatori, importi deduzioni forfettarie 2018

Sono di due diverse tipologie le agevolazioni per gli autotrasportatori e, come ogni anno, è il MEF a comunicarne gli importi con il comunicato stampa del 16 luglio 2018, di seguito allegato.

MEF - comunicato stampa 16 luglio 2018
Autotrasportatori, importi agevolazioni fiscali 2018

Per quanto riguarda le deduzioni forfettarie per le spese non documentate sostenute nel periodo d’imposta 2017, l’importo riconosciuto per i trasporti effettuati personalmente dall’imprenditore oltre il Comune in cui ha sede l’impresa è pari a 38 euro. La deduzione spetta per una sola volta per ogni giorno in cui è effettuata l’attività di trasporto e nel calcolo non va considerato il numeri di viaggi effettuati. Ricordiamo che, lo scorso anno, l’importo era invece pari a 51 euro.

Per i trasporti effettuati direttamente dall’imprenditore nel Comune in cui ha sede l’impresa, la deduzione forfettaria è pari al 35% di quanto riconosciuto per i trasporti effettuati oltre il territorio comunale.

Alle agevolazioni fiscali per gli autotrasportatori si aggiunge, inoltre, il recupero delle somme versate nel 2017 come contributo al Servizio sanitario nazionale sui premi di assicurazione per la responsabilità civile, per i danni derivanti dalla circolazione dei veicoli a motore adibiti a trasporto merci di massa complessiva a pieno carico non inferiore a 11,5 tonnellate.

Il recupero del contributo al SSN avverrà tramite compensazione con modello F24 utilizzando il codice tributo 6793.

Istruzioni per compilare la dichiarazione dei redditi

Accanto agli importi delle agevolazioni riconosciute agli autotrasportatori nel 2018, l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato le istruzioni per la compilazione della dichiarazione dei redditi.

Nel dettaglio, con specifico riferimento alle modalità di compilazione della dichiarazione dei redditi, si precisa che la deduzione forfetaria per i trasporti effettuati personalmente dall’imprenditore (ai sensi dell’art. 66, comma 5, primo periodo, del TUIR) va riportata nei quadri RF e RG dei modelli REDDITI 2018 PF e SP, utilizzando nel rigo RF55 i codici 43 e 44 e nel rigo RG22 i codici 16 e 17, così come indicato nelle istruzioni del modello REDDITI.

I codici si riferiscono, rispettivamente, alla deduzione per i trasporti all’interno del Comune e alla deduzione per i trasporti oltre tale ambito.

Iscriviti alla newsletter "Fisco" per ricevere le news su Agevolazioni fiscali

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.