L’attrice iraniana Alidoosti rilasciata su cauzione. L’Iran continua a reprimere le proteste

Lorenzo Bagnato

9 Gennaio 2023 - 12:00

condividi

Dopo l’inutile morte di Mahsa Amini a settembre, l’Iran ha affrontato una grave ondata di proteste a cui si è unita anche la famosa attrice Taraneh Alidoosti.

L'attrice iraniana Alidoosti rilasciata su cauzione. L'Iran continua a reprimere le proteste

Le proteste in Iran hanno imperversato negli ultimi mesi del 2022 e non sembrano placarsi nel 2023. Inasprite dopo la morte dell’attivista Mahsa Amini a settembre, sempre più persone sono scese in piazza per protestare contro il regime oppressivo.

La famosa attrice iraniana Taraneh Alidoosti è stata imprigionata da funzionari iraniani il 17 dicembre dopo essersi unita alle proteste. Mercoledì 4 gennaio è stata rilasciata su cauzione.

È stata arrestata dopo aver scritto «Ogni organizzazione internazionale che sta guardando questo spargimento di sangue e non agisce è una vergogna per l’umanità» sul suo account Instagram. In precedenza, aveva postato una sua foto senza velo con in mano un cartello con lo slogan principale delle proteste: “Donna, vita, libertà”.

Alidoosti è meglio conosciuta per il suo ruolo in «The Salesman», un film vincitore dell’Oscar nel 2016. Nel 2008 ha lavorato anche con il grande regista iraniano Abbas Kiarostami.

Hengameh Ghaziani e Katayoun Riahi, anch’esse famose attrici iraniane, sono state arrestate a novembre e, come Alidoosti, rilasciate su cauzione. Nonostante la repressione delle proteste, Alidoosti e i suoi colleghi hanno deciso di mettere in pausa la loro carriera e rimanere in Iran.

Proteste iraniane: un crollo

Finora, le proteste contro la Repubblica Islamica hanno causato molte vittime, mentre molti altri sono stati imprigionati e rischiano di essere condannati a morte. Secondo l’agenzia di stampa degli attivisti per i diritti umani, 19.250 rivoltosi sono stati arrestati e 516 sono stati uccisi, tra cui 70 bambini.

L’Iran Human Rights Group ha stimato che 100 persone rischiano condanne a morte a causa della loro partecipazione alle proteste.

L’Iran non è estraneo a rivolte simili contro il suo regime. Dal 1979, quando è stata fondata la Repubblica islamica, l’Iran ha avuto difficoltà economiche, nonostante le sue enormi riserve di petrolio e gas.

Sanzionati dagli Usa e dalla maggior parte dell’Occidente, i cittadini iraniani hanno dovuto affrontare fame e povertà per la maggior parte dell’esistenza della nazione. Il popolo iraniano, tuttavia, ne ha avuto abbastanza.

Assassinata mentre era in prigione perché non indossava correttamente il velo, Mahsa Amini è stata l’ultima goccia per la popolazione disperata. Le donne iraniane che chiedevano libertà sono state raggiunte dai loro compagni maschi, supportate da amici e famiglie nel richiedere standard di vita migliori.

La squadra maschile di calcio iraniana si è rifiutata di cantare l’inno nazionale durante i Mondiali di calcio 2022, il che ha portato il regime a minacciare la sicurezza delle famiglie dei giocatori.

Dopo la morte di Amini, il regime ha pubblicamente giustiziato altri due manifestanti. Ma questo non ha placato il dissenso, che continua a dilagare a macchia d’olio.

L’Iran ha già affrontato una rivoluzione nella storia recente, che ha portato alla creazione dell’attuale Repubblica Islamica. Questo accadeva appena 40 anni fa, non sarebbe fantascienza aspettarsi che qualcosa di simile possa accadere di nuovo.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2023-01-05 15:30:41. Titolo originale: Iranian Actress Alidoosti Released on Bail; Iran keeps cracking down on Protests

Argomenti

# Iran
# Donne

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it